Responsabilità editoriale di ADVISOR, testata edita da Open Financial Communication

L'impegno di Schroders sulla sostenibilità

La finanza può svolgere un ruolo importante nella lotta ai cambiamenti climatici, nell’investire i capitali in modo sostenibile e nel vestire un ruolo da protagonista nell’impact investing. Così Schroders, leader nel settore, è da anni impegnato sul fronte della sostenibilità. Per l’asset manager anglosassone essere sostenibile vuol dire avere un impatto positivo in tutto quello che si fa, sia come azienda, sia come investitore. Ne è conferma anche l’ulteriore passo compiuto dal gruppo che è entrato a far parte del Global Impact Investing Network (GIIN), organizzazione no-profit focalizzata sulla riduzione delle barriere per l’impact investing, al fine di consentire che una maggiore quantità di capitale sia indirizzata a finanziare soluzioni in questo ambito.

 

 

“Oggi la tradizionale relazione tra rischio e rendimento è ormai superata. Occorre integrare una terza dimensione - il rischio di impatto - nel processo di investimento. Solo considerando questi tre pilastri in modo congiunto si può determinare l’effettivo potenziale di un asset puntando al raggiungimento dei risultati migliori” spiegano da Schroders.

 

Per Schroders il sistema finanziario è in grado di contribuire alla creazione di un mondo sostenibile e più prospero per tutti mediante l’allocazione del capitale in aree che offrono valore tanto dal punto di vista sociale quanto degli investimenti.

 

Le aziende sostenibili, inoltre, hanno effetti positivi sulla collettività e sull’ambiente e i loro modelli di business si sono dimostrati più resilienti e meglio posizionati per beneficiare di una crescita di lungo periodo. Per questo l’investimento sostenibile può essere vantaggioso sia sotto il profilo finanziario che sociale.

 

 

Perché è importante investire in modo sostenibile?

 

“Le attività condotte da un’impresa rappresentano dei potenziali rischi che possono tradursi in costi finanziari. Guardando con approccio sostenibile non solo gli utili generati da un’azienda, ma anche come vengono realizzati, è quindi possibile individuare tali rischi e calcolarne il loro impatto ponderato per gli utili e il potenziale di investimento reale. Ciò comporta un cambiamento radicale nel modo in cui le aziende vengono analizzate e valutate” sottolineano da Schroders. Per questo la sostenibilità è alla base del processo di investimento del gruppo.

 

La società è in grado di offrire un’intera gamma di soluzioni di investimento sostenibili nelle diverse asset class sia nei mercati pubblici che privati. Tali strumenti mirano a generare contemporaneamente un rendimento finanziario e un impatto positivo sulla collettività.

 

Cosa caratterizza l’approccio di Schroders? E quali sono i punti di forza?

 

“Grazie a un’esperienza di oltre 20 anni nell’area degli investimenti sostenibili abbiamo sviluppato impactIQ, un set di strumenti analitici che ci aiuta a quantificarne rischi e impatto” dicono di esperti del gruppo.

 

In tal modo possono elaborare soluzioni di investimento in linea con i target dei clienti e alcuni degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU. 

SustainEx misura e quantifica in dollari l’impatto sociale dell’operato di un’azienda. ThemEx misura il contributo dei prodotti e servizi di una società agli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU. A questi si aggiunge il Carbon VaR (VALUE AT RISK) che misura l’esposizione di una società al rischio associato alla transizione a un mondo a basse emissioni di carbonio, quantificando gli effetti dell’aumento del prezzo del carbonio su flussi di cassa e valutazioni. Attualmente è allo studio anche uno strumento chiamato Climate Alignment che permetterà a Schroders di valutare l’allineamento delle singole società agli obiettivi climatici stabiliti dall’Accordo di Parigi. L’obiettivo è quello di essere in grado di misurare il contributo di un portafoglio al riscaldamento globale.

 

Infine, l’asset manager considera un fiore all’occhiello il proprio impegno sul fronte dell’azionariato attivo. Si tratta di una delle componenti essenziali dell’investimento sostenibile. “Il confronto costante con il management delle società garantisce una conoscenza approfondita dell’attività aziendale e ci consente di contribuire alla transizione a modelli di business più sostenibili” concludono da Schroders.

La responsabilità editoriale e i contenuti sono a cura di ADVISOR, testata edita da Open Financial Communication

Video Economia




Modifica consenso Cookie