Sci: da Kranjska Gora a Flachau, week end per tecnici

In gara Bassino e Brignone in Slovenia, Vinatzer in Austria

Nella coppa del mondo è arrivato un fine settimana tutto riservato alle gare tecniche, slalom gigante e slalom speciale.
    A Kranjska Gora - subentrata a Maribor per mancanza di neve - domani gigante e domenica speciale. A Flachau - subentrata per il virus a Kitzbuehel che a sua volta causa pandemia aveva preso il posto di Wengen, due slalom speciale.
    Proprio a Kitzbuehel - capitale mondiale dello sci alpino che ha già dovuto subire l'onta di questo annullamento - si vivono momenti febbricitanti di ansia : il timore è che il covid possa far saltare anche le due discese ed il superG in programma fra otto giorni sulla mitica Streif. Il che sarebbe disastroso per l'immagine austriaca: ma, ovviamente, non si può scherzare con il covid e neppure mettere a rischio la salute degli atleti e con loro pure lo svolgimento dei Mondiali di febbraio a Cortina Così a Kitzubuehel e dintorni sta partendo uno screening di massa che in pochi giorni prevede 70 mila tamponi per verificare la diffusione della pandemia. All'origine di tutto c'è un folto gruppo di festaioli turisti inglesi arrivati in un albergo vicino aKitzbuehel e passati per maestri di sci in formazione.
    Il focolaio del virus è stato trovato.
    Per l'Italia le due gare di domani sono decisamente le più interessanti. Nel gigante di Kranjska ci sono infatti Federica Brignone e Marta Bassino come atlete di punta a livello mondiale. Non a caso le due guidano nell'ordine la classifica generale di gigante rispettivamente con 205 e 200 punti. Le azzurre dovranno soprattutto fare i conti con una Mikaela Shiffrin sempre più in forma visto che si avvicinano i Mondiali, il suo vero obiettivo stagionale.
    A Flachau, su una pista non ripida e non difficile, sarà di nuovo il giovane Alex Vinatzer l'atleta di punta italiano. Il 19enne Alex ha avuto finora una stagione esaltante ma a due facce: due splendidi podi nelle prime due gare ma due inforcate consecutive nelle altre ultime due. Con lui il più regolare è ancora il veterano Manfred Molegg, atleta sempre solidissimo nonostante i suoi 38 anni. 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie