Tlc
  1. ANSA.it
  2. Tecnologia
  3. Tlc
  4. Ucraina: Microsoft, cyberspionaggio russo in 42 paesi

Ucraina: Microsoft, cyberspionaggio russo in 42 paesi

Attacchi contro gli alleati della Nato, il 29% ha avuto successo

Da quando è iniziato il conflitto e una coalizione di paesi si è riunita per difendere l'Ucraina, le agenzie di intelligence russe hanno intensificato le attività di spionaggio contro i governi alleati. Sono stati rilevati tentativi di intrusione su 128 organizzazioni in 42 paesi al di fuori dell'Ucraina.

Gli Stati Uniti sono stati l'obiettivo numero uno ma le attività hanno preso di mira anche la Polonia e paesi baltici come Danimarca, Norvegia, Finlandia, Svezia e Turchia. Lo ha rilevato la divisione Intelligence e dati di Microsoft che conduce analisi periodiche da quando è esploso il conflitto.

Secondo l'indagine, c'è stato un aumento di attività nei confronti dei ministeri degli esteri dei paesi Nato, governi, think tank, organizzazioni umanitarie, società tecnologiche e fornitori di energia e altre infrastrutture critiche. Queste azioni hanno "avuto successo il 29% delle volte - spiegano i ricercatoti - un quarto di queste intrusioni andate a buon fine ha portato all'esfiltrazione confermata dei dati di un'organizzazione".

La divisione sicurezza di Microsodt spiega che "con il progredire della guerra, le agenzie russe stanno concentrando le loro operazioni di 'cyber-influenza' su quattro distinti destinatari prendendo di mira la popolazione russa con l'obiettivo di sostenere lo sforzo bellico, la popolazione ucraina con l'obiettivo di minare la fiducia nella volontà e capacità del Paese di resistere agli attacchi russi, le popolazioni americane ed europee per minare l'unità occidentale e depistare le critiche sui crimini di guerra militari russi, e stanno iniziando a prendere di mira le popolazioni dei paesi non allineati per avere il loro sostegno alle Nazioni Unite".

Microsoft sottolinea che gli attacchi informatici russi possono essere contrastati solo attraverso una collaborazione pubblico-privato. Governi, aziende, organizzazioni non governative e università devono lavorare insieme per proteggere le infrastrutture critiche e i cittadini.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Modifica consenso Cookie