• Terni ricorda Wojtyla all'Ast, messaggio di papa Francesco

Terni ricorda Wojtyla all'Ast, messaggio di papa Francesco

"Non sottrarre alle persone la dignità del lavoro"

(ANSA) - PERUGIA, 15 MAG - "La crisi economico-finanziaria, aggravata dalla pandemia, porta con sé incognite per il futuro di tante famiglie. Il vostro territorio, poi, deve affrontare sfide ancora più preoccupanti a causa di prospettive lavorative che generano un clima difficile e incerto. In tale contesto, tutti sono chiamati ad un rinnovato e profondo senso di responsabilità, dando prova di solidarietà e di condivisione".
    Lo scrive papa Francesco in un messaggio indirizzato al vescovo di Terni, Giuseppe Piemontese, diffuso oggi in occasione della celebrazione del 40/o anniversario della visita di papa san Giovanni Paolo II all'Ast e alla città, avvenuta il 19 marzo 1981. All'interno dell'acciaieria, a poca distanza dal piazzale dove il papa incontrò migliaia di lavoratori, si è svolta nel pomeriggio una solenne messa presieduta dallo stesso Piemontese.
    Nel suo messaggio Francesco si dice "spiritualmente vicino" con "l'affetto, la preghiera e l'incoraggiamento" al vescovo, ai lavoratori, agli imprenditori, alle autorità. "È necessario adoperarsi con sollecitudine - continua il papa nella lettera - affinché le istanze etiche e i diritti della persona con mantengano il primato su ogni esigenza di profitto. La Chiesa, infatti, non è mai indifferente alla qualità della vita delle persone, alle loro condizioni lavorative, e avverte la necessità di prendersi cura dell'uomo e dei contesti in cui egli vive e produce, affinché siano sempre più luoghi autenticamente umani e umanizzanti". Per papa Francesco "lavorare è la prima vocazione dell'uomo, una vocazione che dà dignità all'uomo. Tutti sono chiamati a non sottrarre alle persone questa dignità del lavoro!". Per questo papa Bergoglio esorta "quanti sono coinvolti, a vario titolo, nel mondo del lavoro e dell'impresa, ad adoperarsi non solo perché il lavoro sia opportunamente tutelato, ma anche perché si attuino valide politiche sociali in favore della persona e della sua professionalità, considerando specialmente il ruolo cruciale della famiglia per l'intera società". "In tale prospettiva - conclude -, è necessario portare avanti con generosità progetti di solidarietà particolarmente nei confronti dei più deboli e meno garantiti".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie