La strategia verde di Dubai, ricerca e nuova zona franca

Così la capitale del lusso punta alla Green economy

16 dicembre, 12:16

(ANSAmed) - RABAT, 16 DIC - Punta a diventare il centro dell'energia pulita e in generale della green economy. Dubai cambia pelle e spegne per un giorno le mille luci del lusso. Con il lancio di Clean Energy Strategy 2050 accelera sulle sostenibili. Un investimento di 100 bilioni di Dieham in fondi verdi e 50 per una seconda fase del parco solare prevista entro il 2030. L'obiettivo è quello di coprire il 75 per cento del fabbisogno energetico degli Emirati con le fonti cosiddette pulite entro il 2050. Ma la strategia si articola in fasi programmate: nel 2020 si punta ad un 7 per cento di energia proveniente da fonti rinnovabili, mentre nel 2030 tale quota dovrà raggiungere il 25. Per lo sceicco Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente and primo ministro degli Emirati, il risultato ottimale sarà quello di rendere Dubai la città più verde del mondo entro il 2050, perché ha spiegato nel corso della presentazione che 'ogni investimento nello sviluppo delle fonti di energia pulita è al contempo un investimento per proteggere l'ambiente per le generazioni future'.

La nuova politica verde è stata presentata nel corso della cerimonia per inaugurare la seconda fase del Parco Solare che porta il nome dello sceicco ed è il più rande al mondo nella sua tipologia, in grado di produrre entro il 2030 oltre 5mila MW di potenza installata, pari al 25 per cento della produzione energetica dell'emirato di Dubai. Sono stati anche inaugurati i lavori di costruzione del Dewa Innovation Centre, che include laboratori di ricerca e sviluppo nel campo delle energie pulite.

Sono cinque i pilastri attorno ai quali ruota il percorso verso la green economy: infrastrutture, nuove leggi, istituzione di una nuova zona franca con l'obiettivo di attrarre i centri di ricerca e sviluppo e le aziende emergenti nel campo dell'energia pulita, la creazione di un Centro per l'innovazione specializzato nella ricerca e sviluppo di tecnologie avanzate in campo energetico e l'istituzione del "Dubai Green Fund", grazie al quale potranno essere offerti prestiti agevolati a quanti vorranno investire nel settore dell'energia pulita. (ANSAmed)
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo