Libano: Hezbollah, arrivato petrolio iraniano dalla Siria

Autocisterne entrate nella Bekaa, feudo del Partito di Dio

16 settembre, 11:39

(ANSAmed) - BEIRUT, 16 SET - L'atteso carico di petrolio iraniano richiesto dagli Hezbollah al suo alleato regionale per "aiutare i libanesi" nel far fronte alla prolungata carenza di combustibili per alimentare centrali e generatori elettrici è arrivato stamani in Libano.

Le prime autocisterne provenienti dalla Siria hanno varcato il confine col Libano tra la piana siriana di Qusayr, controllata dai miliziani sciiti, e la città di Hermel, anch'essa in mano agli Hezbollah.

La tv al Manar del Partito di Dio e altri media libanesi danno ampio risalto all'evento, che analisti definiscono "simbolico" ma che serve comunque agli Hezbollah per mostrarsi in sostegno al "popolo libanese" e non solo alla propria comunità sciita di riferimento, prevalentemente presente nella Bekaa, nel sud del Paese e nella periferia meridionale di Beirut.

"Abbiamo dimostrato di poter rompere l'assedio imposto dagli Stati Uniti", ha affermato il portavoce di Hezbollah nella Bekaa, Hajj Ahmad Raya, intervistato da al Manar e dai media libanesi. Le sue parole fanno eco a quelle del leader degli Hezbollah, Hasan Nasrallah, che aveva esplicitamente sfidato il regime di sanzioni Usa imposte all'Iran e ai suoi alleati.

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo