Egitto, 'Ue faccia presto con aiuti, food security a rischio'

L'Ambasciatore a Bruxelles, serve trasferimento diretto subito

11 maggio, 15:38

(ANSAmed) - BRUXELLES, 11 MAG - Siamo grati per i fondi annunciati con la Ue Food Facility qualche giorno fa ma quelle risorse devono essere trasferite il prima possibile, nella forma di finanziamenti diretti al bilancio per aiutarci a evitare la crisi". Lo ha detto Badr Abdel Aty, Capo della missione dell'Egitto presso l'Ue partecipando a un webinar dello European Food Forum sulle conseguenze dell'invasione russa dell'Ucraina sulle filiere alimentare dell'Ue e globali.

L'ambasciatore ha ricordato che l'Egitto importa l'80% del grano dai due Paesi in guerra, Russia e Ucraina, grano che poi trasforma in pane sussidiato. Il problema ora sono sia le quantità, sia i prezzi alti, che incidono direttamente nel bilancio dello Stato.

L'Ue ha annunciato aiuti per 100 milioni di euro all'Egitto, parte di un pacchetto da 225 destinato a diversi Paesi Arabi.

"Ma invito l'Ue a fare di più per tutta l'Africa - ha sottolineato il diplomatico - in particolare il Sahel, dove la situazione della food security è molto seria". L'incontro organizzato dall'Eff è stato ospitato da un gruppo di europarlamentari, tra cui gli italiani Brando Benifei, Salvatore De Meo, e Alessandra Moretti. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo