Hamas fa saltare tavolo Egitto per tregua, Israele riprende raid

Pronti a mediareTurchia e Qatar. Mogherini, impegno Italia e Ue

15 luglio, 21:08

Ancora missili su Gaza Ancora missili su Gaza

(ANSAmed) - TEL AVIV- Il "tavolo" proposto dall'Egitto per far cessare la guerra tra Israele e Hamas è saltato subito, con il rifiuto del movimento islamico alla mediazione del Cairo. Il lancio di razzi sulle città israeliane non si è fermato nemmeno dopo il sì del governo israeliano alla tregua proposta e dopo poche ore Netanyahu ha ordinato la ripresa dei raid.

Appellandosi dichiaratamente alle propria "responsabilita' storica" di tradizionale mediatore fra israeliani e palestinesi, lunedi' sera il Cairo aveva proposto un "cessate il fuoco immediato" da instaurare in 12 ore e avviare entro due giorni negoziati indiretti al Cairo fra "delegazioni di alto livello". Israele ha accettato, Hamas no. Ma il Cairo ha dichiarato di non considerare "ufficiale" e definitivo questo "no", e anche un alto dirigente del movimento islamico ha sostenuto che erano ancora in corso consultazioni.

Che la partita non sia chiusa e' testimoniato anche dalle dichiarazioni rese in Israele dal ministro degli esteri Federica Mogherini, che si e' detta "ferma sull'invito che il presidente Abu Mazen ha fatto a tutti i palestinesi ed in particolare ad Hamas per accogliere l'invito al cessate il fuoco". Incontrando il presidente palestinese Abu Mazen, Mogherini ha in serata sottolineato che l'Italia "è impegnata a livello bilaterale ed europeo per fare in modo che ci sia un rilancio di un processo politico di pace e per arrivare immediatamente ad un cessate il fuoco" a Gaza. "Stiamo vivendo un momento particolarmente drammatico - ha aggiunto - in Medio Oriente e per tutto il Mediterraneo. E' una cosa che ci riguarda come europei: metteremo tutto il nostro impegno per sostenere la possibilità di arrivare immediatamente ad una pace", ha spiegato Mogherini. Il ministro ha poi aggiunto: "Inshallah, speriamo ci sia il cessate il fuoco". Mogherini ha anche annunciato che l'Italia darà un milione e 650mila euro per rispondere alle esigenze umanitarie a Gaza per alimenti, energia e fondi alle Ong.

Da giorni sembra intanto scaldare i motori una potenza regionale piu' congeniale per Hamas: si tratta della Turchia del premier Recep Tayyp Erdogan che ha accusato Israele di "terrorismo di Stato" proprio mentre ad Ankara era atteso Tamim Ben Hamad Al-Thani, l'emiro del Qatar. La monarchia del Golfo e' fra i principali sostenitori di Hamas ed era stata segnalata da un sito israeliano come probabile co-firmataria di una bozza di cessate il fuoco circolata tre giorni fa.

Indice di incertezza fra la conclamata mediazione egiziana e quella turca in via di elaborazione e' l'annunciata presenza di Abu Mazen giovedi' da Sisi al Cairo e venerdi' a Istanbul.

Intanto il premier Benyamin Netanyahu ha licenziato in tronco il viceministro della difesa Dany Danon (Likud) dopo che aveva criticato il sostegno israeliano alla iniziativa egiziana per un cessate il fuoco ed aveva perorato una linea piu' rigida.

Netanyahu ha qualificato come ''irresponsabile'' il comportamento di Danon e ha sostenuto che e' stato sfruttato da Hamas. ''Mi sarei atteso che si dimettesse. Non lo ha fatto e allora l'ho sollevato dall'incarico'', ha affermato il premier.

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo