Covid: in Tunisia giudici ancora in sciopero

Chiedono protocollo sanitario nei tribunali

30 novembre, 11:15

(ANSA) - TUNISI, 30 NOV - "I magistrati tunisini continueranno a scioperare fino a quando le loro richieste non saranno soddisfatte". Lo ha detto il presidente dell'Associazione dei giudici tunisini (Amt) Anas Hmaidi in riferimento all'agitazione di categoria che sta paralizzando le attività dei tribunali da oltre una settimana a causa delle richieste di tutela della salute dei giudici dovuta all'emergenza covid-19.

Lo sciopero dei giudici sarà revocato a condizione che le loro richieste di un protocollo sanitario nei tribunali, migliori condizioni di lavoro e riforma giudiziaria siano soddisfatte, ha precisato Hmaidi, secondo il quale la situazione è stata aggravata dalle recenti osservazioni del ministro della Giustizia che ha affermato che lo sciopero è stato "pericoloso e irresponsabile".

Hmaidi ha detto a margine di una riunione urgente e straordinaria dell'Amt che è stato avviato un dialogo costruttivo con il Primo ministro e la Presidenza della Repubblica sull'assistenza sanitaria per i giudici, in particolare in occasione della pandemia da coronavirus, migliori condizioni di lavoro nei tribunali, e aumento del budget del ministero della Giustizia, una migliore situazione finanziaria dei giudici e una legislazione rinnovata che disciplina il sistema giudiziario. "Dobbiamo difendere la magistratura per evitare il collasso dello Stato. Ci auguriamo di continuare un dialogo costruito su solide basi con il Primo ministro per servire meglio i cittadini e garantire l'indipendenza della magistratura", ha concluso Hmaidi. (ANSAmed) (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati