Lanciato progetto Ue Re-Med, strade da rifiuti costruzione

Coinvolti Tunisia, Italia, Francia, Libano

28 ottobre, 11:07

(ANSAmed) - TUNISI, 28 OTT - Trasformare i rifiuti da costruzione e demolizione (C&D) in risorse per la costruzione e la manutenzione delle strade nei paesi del Mediterraneo. Questo l'obiettivo del progetto Re-Med che vede coinvolti Italia, Tunisia, Francia e Libano, lanciato con una videoconferenza alla quale hanno partecipato vari project manager e rappresentanti dei media mediterranei ed europei.

Questo progetto, intitolato "Applicazione dell'innovazione per lo sviluppo dell'economia circolare per l'edilizia sostenibile nel Mediterraneo" fa parte del più grande programma europeo di cooperazione transfrontaliera con i paesi del Mediterraneo ed è supervisionato dal Center for Studies and Expertise on Risk, Environment, Mobility and Planning (Cerema), per un periodo di 30 mesi, da ottobre 2020 a marzo 2023. "Il progetto Re-Med ha un budget di 3,1 milioni di euro, il 90% dei quali finanziato dall'Ue e nasce dalla necessità di ridurre gli impatti ambientali e sanitari dovuti a fallimenti nella gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione. "Re-Med si affida al trasferimento di tecnologia (TT) per trasformare i rifiuti C&D in risorse per la costruzione e la manutenzione delle strade", hanno affermato i partner del progetto.

La sfida di questo TT è iniziare a costruire una catena di riciclaggio per i rifiuti C&D e utilizzarla per la transizione sociale, ambientale e digitale dei territori del Mediterraneo, hanno aggiunto. Il progetto intende supportare i Ministeri dell'Ambiente tunisino e libanese per modificare le normative e utilizzare almeno il 20% di aggregati riciclati nella costruzione di strade. Con il supporto di Cerema, il progetto implementerà formazione strutturata, strumenti di supporto alle decisioni (guide metodologiche, modelli di business, piattaforma di condivisione dei dati, calcolo dell'impatto ambientale, bozze di standard) e test di nuove tecnologie (Bim, modellazione 3D di indagini di danneggiamento stradale). Riunirà inoltre enti di ricerca (università, centri tecnici), Pmi e industriali (società di costruzioni e lavori pubblici, cave, ecc.) Coinvolti nella filiera dei rifiuti C&D (produzione, selezione, trattamento e recupero). L'obiettivo è sostenere il TT nei territori del Mediterraneo per recuperare i rifiuti da costruzione e potenziarne l'utilizzo nella costruzione di strade. Ciò si realizzerà integrando almeno il 30% di materiali riciclati durante il trasferimento e la diffusione di pratiche di riciclaggio, che svilupperanno un nuovo mercato. Re-Med consentirà la costruzione di tre impianti per la produzione di aggregati riciclati dai rifiuti C&D, due dei quali saranno in Tunisia e uno in Libano, e verranno creati posti di lavoro locali, ha detto il coordinatore del progetto Oumaya Marzouk aggiungendo che "queste strutture potrebbero essere costruzioni sostenibili e dovrebbero essere costruite da cave che vogliono muoversi verso un metodo di produzione sostenibile e circolare, autorità locali o società di gestione dei rifiuti". Il progetto prevede inoltre la realizzazione di una strada pilota di 1 km, la realizzazione di una piattaforma online Re-Med Community per la condivisione delle competenze, la proposta di 4 disegni di legge e il deposito di un brevetto.

Diverse istituzioni e dipartimenti nei paesi target stanno collaborando per realizzare questo progetto. Sono l'Università di Palermo, il Ministero tunisino degli affari locali e dell'ambiente, Centro per le prove e le tecniche di costruzione, Afrique Travaux, il Ministero libanese dell'Ambiente, l'Unione libanese degli appaltatori dei lavori pubblici e l'Università americana di Beirut.I partner associati includono anche l'Istituto superiore di scienza e tecnologia dell'acqua di Gabes, la Scuola nazionale degli ingegneri della Tunisia e l'Istituto nazionale di standardizzazione e proprietà industriale. (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo