Siria: Turchia, pronti ad agire per proteggere turcomanni

Almeno 1.500 già fuggiti da raid russi e scontri con Isis

23 novembre, 11:33

Una colonna di camion dell'esercito turco al confine con la Siria Una colonna di camion dell'esercito turco al confine con la Siria

 - ISTANBUL - Se sarà necessario, la Turchia è pronta a intervenire in Siria per proteggere la minoranza turcomanna. Lo ha detto il premier turco Ahmet Davutoglu, dopo che almeno 1.500 turcomanni provenienti dal nord-ovest della Siria sono giunti negli ultimi giorni nel sud-est della Turchia in fuga dai raid aerei russi nella regione e dal conflitto delle milizie locali con l'Isis.

"Alle nostre forze di sicurezza sono state date istruzioni di reagire a qualsiasi sviluppo che potrebbe minacciare la sicurezza dei nostri confini. Se ci fosse un attacco che potrebbe portare a un intenso flusso di rifugiati verso la Turchia, le misure necessarie verrebbero prese sia in Siria che in Turchia", ha spiegato Davutoglu, citato dalla stampa locale.

Nelle zone di conflitto si troverebbero al momento almeno 15 villaggi turcomanni e le autorità di Ankara temono una nuova ondata di profughi che potrebbe riguardare fino a 35 mila persone, sia turcomanni che arabi.

"All'origine di questi attacchi in una regione in cui molto chiaramente non ci sono elementi di Daesh (l'Isis, ndr), né elementi terroristi, per prima cosa vengono i raid aerei russi e poi il sostegno dei 'foreign fighters'", che "non sono solo di Daesh" ma anche di altri gruppi come "Hezbollah che arrivano dal Libano". Venerdì la Turchia aveva convocato l'ambasciatore russo ad Ankara per protestare contro gli "intensi" raid compiuti da Mosca su un villaggio turcomanno nella regione di Bayirbucak, nel nord-ovest della Siria. 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo