Gaza: situazione torna alla calma, né razzi né raid

Quiete per ora, anche se Israele nega tregua annunciata da Hamas

10 agosto, 12:42

(ANSAmed) - TEL AVIV, 10 AGO - Da ieri sera, dopo 24 ore di conflitto, la situazione tra Gaza e Israele è calma: né razzi dalla Striscia né raid di risposta da parte dell'esercito dello stato ebraico. Secondo Hamas è stato raggiunto, con la mediazione dell'Egitto, un cessate il fuoco a partire dalle 20.45 (Gmt) di ieri sulla "base di una mutua calma". Israele ne ha negato l'esistenza, ma un alto esponente ha detto questa mattina alla radio che "quiete chiama quiete". Per ora dunque sul campo a prevalere è la calma. A seguito della calma in corso, per ora, al confine con Gaza, l'esercito israeliano ha allentato alcune restrizioni di sicurezza adottate in questi giorni per i residenti delle zone limitrofe alla Striscia. Tra queste, secondo i media, c'è la ripresa del servizio ferroviario tra le città di Ashkelon e Sderot. Resta comunque l'allerta, con il divieto per gli agricoltori israeliani di lavorare nei campi a ridosso della Striscia. Alon Davidi, sindaco di Sderot, cittadina contigua a Gaza e maggiormente colpita dai razzi, ha definito "uno sbaglio" la tregua annunciata da Hamas. "Comprendo il desiderio del governo di avviare negoziati, ma Israele - ha spiegato - deve mettere fine al terrore con l'aiuto militare. Questo entrare e uscire dalla guerra è insano". (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo