Libia: nuovo cessate il fuoco a Tripoli, dopo 115 morti

Milizie ribelli si ritirano. Macron insiste, votare a dicembre

26 settembre, 10:55

(di Rodolfo Calò)

IL CAIRO - Nei sanguinosi scontri fra milizie che da un mese infuriano a intermittenza nella parte sud di Tripoli è stato concordato un nuovo cessate-il-fuoco che ha subito prodotto l'uscita dalla capitale delle due formazioni che l'avevano attaccata insidiando la posizione del premier Fayez Al Sarraj e causando almeno 115 morti e 560 feriti.
Anche se non è chiaro quanto potrebbe durare questa seconda tregua il presidente francese Emmanuel Macron, dalla tribuna dell'assemblea generale dell'Onu a New York, ha ribadito la posizione di Parigi in favore di elezioni in Libia già a dicembre: "Solo questo puo' accelerare la strada verso una soluzione duratura. Lo status quo fa guadagnare terreno solo ai trafficanti e ai terroristi", ha affermato il capo di stato nonostante la comunità internazionale, come emerso peraltro proprio in sede Onu, al momento non vede le condizioni di stabilità per una tornata elettorale corretta.
L'intesa sul cessate sul fuoco é stata annunciata dal Dipartimento della sicurezza di Tripoli e dalla "Forza di protezione" della capitale, una nuova coalizione di nove milizie che hanno difeso il premier dall'assalto della formazione ribelle Settima Brigata proveniente da Tarhuna e dalla "Somoud" (Resistenza) del falco misuratino Salah Badi.
L'accordo ha posto fine alla seconda serie di scontri dopo i primi terminati con un cessate-il-fuoco concordato il 4 settembre sotto l'egida del'Onu ma violato in maniera conclamata dal 17. In quella prima fase di nove giorni di scontri erano stati annunciati 78 morti e 103 feriti.
L'intesa, i cui dettagli sono stati forniti da media come Al-Arabiya e Libya Observer, prevede il rientro della 7/a nella sua base di Tarhuna, una sessantina di km a sud-est di Tripoli, e il ritiro della Somoud da una postazione che aveva occupato nei pressi dell'aeroporto di Tripoli.
In serata la neonata Forza di Protezione, formata sabato fra l'altro dalle milizie Trb, Abu Salim (detta anche Ghnewa) e dalla Rada, ha annunciato su Facebook che la ritirata di queste due formazioni é stato completato. L'accordo prevede la consegna di tutte le postazioni oggetto del conflitto alla forza congiunta formata dal Consiglio presidenziale guidato da Sarraj. C'é anche un riconoscimento per la 7/a brigata, quella che ha innescato gli scontri e che ora viene considerata come parte dello Stato maggiore del Governo di intesa nazionale sebbene fosse stata scolta nell'aprile scorso. Lo scontro, come evidenziato da un noto analista Tarek Megerisi, é stato un tentativo delle due milizie attaccanti d rimpiazzare quelle al potere a Tripoli e, almeno come dimostrato dalla tregua odierna, confermatesi le più forti. 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo