Migranti: Onu, in Grecia nel degrado tra ratti e serpenti

A Samos e Lesbo senza acqua e servizi igienici

08 novembre, 15:24

(ANSAmed) - ROMA, 8 NOV - La situazione in cui vivono in Grecia, e in particolare nei campi profughi delle isole di Samos e Lesbo, 11 mila richiedenti asilo è degradante. Lo sottolinea l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) che parla di famiglie prive di elettricità, di acqua corrente e di servizi igienici, che vivono tra i serpenti presenti nella zona, e sciami di ratti che pullulano tra i rifiuti non raccolti.

I centri di accoglienza e identificazione delle due isole sono sovraffollati: in quello di Samos, a Vathy, sono accolte circa 4 mila persone, sei volte il numero dei posti regolamentari nel campo. A Lesbo nel centro di accoglienza vivono 6.500 persone, tre volte più della capacità delle strutture. ''Con l'avvicinarsi dell'inverno - sottolinea l'Unhcr - si impongono urgenti misure per migliorare la situazione''.

''Molti servizi igienici e docce sono rotti e ciò fa sì che le acque reflue scorrano vicino a tende abitate, mentre altre persone usano cespugli vicini come gabinetto'' aggiunge l'Agenzia Onu. L'Unhcr sottolinea che i richiedenti asilo arrivati in Grecia in buona salute, dopo breve tempo nel centro di Lesbo, si ammalano. A Vathy un solo medico di guardia fornisce medicine all'intera popolazione e spesso può far fronte ai soli casi urgenti. Tra i più a rischio ci sono 200 bambini e 60 donne incinte, oltre a disabili e sopravvissuti a violenze sessuali. Per questo l'Unhcr ha chiesto con forza alla Grecia di migliorare i campi e di accelerare il trasferimento dei rifugiati verso il Continente. Ma l'appello dell'Unhcr è rivolto anche alla Commissione europea e agli Stati membri perché aiutino la Grecia a riposizionare i richiedenti asilo.

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo