Migranti: Libia, in naufragio morto almeno un bambino

Portavoce Mediterranea, discutono mentre la gente muore in mare

19 marzo, 14:04

(ANSAmed) - IL CAIRO, 19 MAR - Secondo il portavoce della Marina Libica, l'ammiraglio Ayob Amr Ghasem, il naufragio segnalato stamani dall'Iom davanti alle coste libiche ha causato la morte almeno di un bambino mentre una trentina di altri migranti probabilmente si sono messi in salvo da soli dato che la loro barca si è ribaltata molto vicino alla costa. "Alle 10 é stato osservato il naufragio di una barca" avvenuto "tra Sabratha e Surman", a ovest di Tripoli, ha riferito all'ANSA il portavoce. "A bordo c'erano 47 migranti illegali": "si trattava di un'imbarcazione di legno" che "si é capovolta nei pressi della costa", ha aggiunto Ghasem sostenendo che l'acqua era così bassa che "si poteva camminare". "Sedici migranti sono stati salvati da abitanti" della zona ma "é stato ritrovato il corpo di un bambino", ha detto il portavoce contattato a telefono.

Circa "gli altri non abbiamo trovato alcun corpo" e "si presume che siano approdati e datisi alla fuga", ha sostenuto Ghasem precisando che i 16 migranti recuperati sono stati "affidati alle autorità di sicurezza".

"Siamo dispiaciuti e indignati per le notizie dell'ennesimo naufragio con morti di fronte alla Libia. Noi siamo per chi salva le persone non per chi le fa morire in mare. Ci vuole rispetto per la vita umana. Mentre discutono le persone muoiono", ha commentato Alessandra Sciurba, portavoce di Mediterranea.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo