Tunisia si prepara per eventuali masse rifugiati da Libia

Visita a distretti sanitari in zone confine

16 maggio, 15:51

(ANSAmed) - TUNISI, 16 MAG - Alcuni rappresentanti dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), dell'Ufficio dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) e della Direzione regionale del ministero della Salute tunisino hanno visitato oggi le delegazioni di frontiera di Dhehiba e Remada, vicino al confine libico, nel governatorato di Tataouine, al fine di ispezionare le risorse logistiche e umane disponibili nei rispettivi distretti sanitari, in previsione di un possibile afflusso in massa di rifugiati in fuga dagli scontri armati in Libia. La visita è finalizzata a prevenire una potenziale crisi umanitaria, come quella del 2011, che richiese una mobilitazione internazionale, alla luce della situazione libica considerata critica dalle organizzazioni umanitarie mondiali. Durante l'ispezione sono stati identificati i bisogni logistici e i mezzi di intervento per garantire una migliore accoglienza di eventuali rifugiati. La preoccupazione riguardo alla situazione critica in Libia e le sue conseguenze in Tunisia è stata ricordata recentemente dall'Alto Commissario dell'Onu per i rifugiati in Tunisia, Mazen Abu Shanab, che ha sottolineato come, a causa dell'aumento del numero di migranti libici in Tunisia - circa 300 al mese -, occorre raddoppiare gli sforzi in termini di assistenza.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo