Siria: tornano le luci a Raqqa e sul ponte sull'Eufrate

Dopo anni di buio nella città dove è scomparso Paolo Dall'Oglio

18 settembre, 11:45

(ANSAmed) - BEIRUT, 18 SET - Torna l'illuminazione pubblica notturna a Raqqa, città del nord della Siria martoriata dalla guerra e dalla presenza dell'Isis, che per tre anni aveva stabilito proprio qui la sua 'capitale' siriana.

A Raqqa è scomparso sette anni fa il prete italiano Paolo Dall'Oglio, secondo più parti rapito dai miliziani jihadisti.

Sui suoi profili social il comune di Raqqa ha pubblicato nelle ultime ore foto della nuova variopinta illuminazione stradale e sul ponte sul fiume Eufrate. Raqqa era entrata direttamente nel conflitto siriano nel 2012 quando l'esercito di Damasco si era ritirato e le forze armate delle opposizioni avevano preso il controllo della città. Successivamente, diversi gruppi radicali islamici si erano impossessati di quartieri della città, fino a quando nel 2013 l'Isis aveva stabilito il suo quartier generale in città.

Il 29 luglio di quell'anno scompariva Paolo Dall'Oglio, gesuita d'origine romane che per decenni aveva consacrato in Siria la sua missione dedicata al dialogo islamo-cristiano.

L'Isis conquista tutta Raqqa nel 2014 e per tre anni la trasforma in sua 'capitale' in Siria. Migliaia sono i corpi, rinvenuti anche di recente nelle fosse comuni dentro e fuori la città, delle vittime dei crimini attribuiti allo 'Stato islamico' dal 2014 al 2017.

"Ma ora la città torna alla luce, anche di notte", si legge sui commenti dei cittadini sotto alle immagini delle luci pubbliche nella città pubblicate sul profilo social del comune.

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo