Croazia: a cinesi di Crbc costruzione nuovo ponte, polemiche

Aziende europee denunciano concorrenza sleale

30 gennaio, 16:16

(ANSAmed) - ZAGABRIA, 30 GEN - La costruzione del ponte di Peljesac, nel sud della Dalmazia, il più grande progetto infrastrutturale in Croazia, e uno dei maggiori investimenti pubblici quest'anno in Europa, è stata assegnata a seguito di un bando alla ditta statale cinese China Road and Bridge Corporation (Crbc). La scelta di 'Strade croate' (Hc), azienda di proprietà dello Stato, ha suscitato però polemiche, ricorsi degli altri offerenti, inclusa la Astaldi italiana, e voci di una presunta insoddisfazione della Commissione europea dato che l'investimento sarà cofinanziato all'80% dai fondi europei. Per collegare con un ponte lungo quasi 2,5 chilometri la costa dalmata con la penisola di Peljesac, e in questo modo connettere la exclave di Dubrovnik, la perla dell'Adriatico croato, alla rete autostradale nazionale, evitando di passare per la piccola tratta di territorio bosniaco a Neum, la ditta cinese ha fatto un offerta di quasi 280 milioni di euro, di gran lunga inferiore a quelle dei concorrenti. La Strabag austriaca ha calcolato i costi a 345 milioni, mentre l'offerta del consorzio italo-turco, composto da Astaldi e CT Ictas, era di 333 milioni.

Le due compagnie hanno presentato ricorso sostenendo che l'offerta cinese è un esempio di "dumping dei prezzi" e di concorrenza sleale dato che la Crbc è di proprietà pubblica ed, essendo registrata fuori dall'Unione europea, può usufruire di notevoli sussidi statali, proibiti in Europa.

Secondo i ricorsi la Crbc voleva a tutti i costi vincere il bando perché la vera motivazione è entrare nel mercato europeo. Secondo la stampa di Zagabria, da Bruxelles sarebbe stato indirettamente inviato un segnale negativo al governo croato, per aver scelto per un progetto di tali proporzioni, inoltre cofinanziato dai fondi europei, una azienda non europea. Oggi l'ambasciatore della Cina a Zagabria, Hu Zhaoming, in una conferenza stampa ha detto di "non essere sorpreso dai ricorsi", da lui definiti "privi di fondamento", ricordando che lo stesso governo croato aveva inizialmente stimato i costi del ponte a 240 milioni di euro, stima poi avvallata dall'Ue.

"I concorrenti della Crbc sapevano dall'inizio che si tratta di una ditta di proprietà statale, e non hanno mai obiettato a questa circostanza, fino ad ora", ha aggiunto l'ambasciatore. I ricorsi, secondo Hu, hanno una motivazione nascosta di natura "politica", dato che il bando è stato vinto da una società cinese. La controversia sarà risolta nei prossimi mesi dalle autorità competenti croate. I ricorsi hanno comunque per ora fermato la firma del contratto e ritardato di almeno un paio di mesi l'inizio dei lavori. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo