A Tunisi The Africa Blockchain Summit

Governatori banche studiano applicazioni tecnologia in Africa

15 maggio, 10:35

(ANSAmed) - TUNISI, 15 MAG - ''La comunità monetaria e finanziaria tunisina è convinta che la nuova tecnologia 'blockchain' sia una fonte di crescita per la Tunisia e per tutta l'Africa''. Lo ha dichiarato il governatore della Banca centrale tunisina, Marouane El Abbassi, in apertura di ''The Africa Blockchain Summit'', Forum dei governatori delle banche centrali africane, finalizzato a studiare l'impatto della tecnologia 'blockchain' sulle finanze africane e dei mercati emergenti. L'evento organizzato dalla Banca centrale tunisina e Paris Europlace, con il sostegno tecnico del Gruppo Talan, mira a contribuire alle discussioni e ai lavori in corso sulla blockchain globale e proporre una prospettiva regionale per un'analisi della rete e la comprensione di questa nuova tecnologia informatica. ''Il continente africano è innegabilmente quello che potrebbe trarre il massimo vantaggio da questa tecnologia - ha detto ancora Abbassi sottolineando come ''i paesi africani e arabi affrontino sfide comuni, ovvero bassa inclusione finanziaria, un settore informale molto ampio, poiché l'ultimo studio Idb dimostra che l'85% dell'occupazione in Africa è informale, mentre in Tunisia questo tasso si attesta al 58%, un alto tasso di disoccupazione soprattutto tra donne, giovani e laureati, mancanza di garanzie sui prestiti, deficit di infrastrutture e una significativa espansione demografica. Di fronte a queste sfide, ''la tecnologia Blockchain può aiutare i nostri paesi ad accelerare il loro empowerment economico e perpetuare la loro autonomia. Oltre l'aspetto monetario, questa tecnologia può aprire le porte agli imprenditori, offrendo innumerevoli soluzioni basate su protocolli affidabili, sicuri e trasparenti'', ha sottolineato ancora il governatore tunisino elencando altresi' gli ostacoli allo sviluppo della stessa, ''innanzitutto la debole connettività in Africa e secondariamente il fatto che le applicazioni Blockchain offrono soluzioni che richiedono cambiamenti significativi e la fine dei sistemi esistenti per cui le istituzioni finanziarie e l'intero ecosistema devono prepararsi per la transizione''. ''La terza sfida dipende dalle autorità pubbliche che dovranno legiferare, per imporre e far rispettare le leggi per aiutare gli imprenditori a operare su scala globale e per avere le stesse armi dei loro concorrenti a livello internazionale''. Abbassi ha anche considerato che ''lo sviluppo di queste tecnologie deve essere incoraggiato garantendo il rispetto delle regole finanziarie, la protezione dei consumatori e dei loro dati personali, la stabilità finanziaria e la lotta contro il riciclaggio di denaro sporco'' e chiesto ''l'attuazione di una regolamentazione appropriata come catalizzatore per l'innovazione e per combattere la fuga dei cervelli che priva i paesi arabi e africani delle loro migliori capacità''. L'evento, che si tiene presso la sede della Banca centrale tunisina, terminerà con la pubblicazione di un Libro bianco che proporrà una visione comune del modo in cui le banche centrali della regione affronteranno le sfide sollevate dalla blockchain per creare un quadro normativo adeguato in grado di migliorare la sicurezza e l'efficienza dei mercati finanziari. (ANSAmed)

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo