Libia: Haftar ridà terminali petrolio, riprende export

Lo annuncia la Compagnia nazionale petrolifera (Noc)

11 luglio, 17:13

(ANSAmed) - IL CAIRO, 11 LUG - Il generale Khalifa Haftar ha restituito il controllo di quattro terminal petroliferi dell'Est della Libia alla Compagnia petrolifera nazionale libica (Noc) consentendo la ripresa della produzione e dell'export di greggio "nelle prossime ore". E' quanto emerge da un comunicato del Noc senza precisare ulteriori dettagli sulla decisione di Haftar.

La National Oil Corporation (NOC) ha annunciato la revoca dello stato di forza maggiore nei porti di Ras Lanuf, Es Sider, Hariga e Zuetina dopo che gli impianti sono stati consegnati alla Compagnia questa mattina",annuncia il comunicato. "Operazioni di produzione ed esportazione torneranno al livelli normali nelle prossime poche ore", viene aggiunto.

"Il presidente e i componenti del board dei direttori del Noc hanno elogiato il Comando generale dell'Esercito nazionale libico per aver messo avanti a tutto l'interesse nazionale", aggiunge ancora il comunicato riferendosi alle forze armate di Haftar.
"Abbiamo bisogno di un vero dibattito nazionale sulla distribuzione dei proventi del petrolio. Essa é alla radice della recente crisi", ha affermato nella nota il presidente della Noc, Mustafa Sanalla, riferendosi implicitamente all'annuncio fatto fare da Haftar che il greggio sarebbe stato venduto non dalla Noc basata a Tripoli ma da quella insediata nell'est, a Bengasi.
Il tentativo di vendere petrolio mantenendo gli introiti nell'est della Libia sotto il suo controllo e non condividendoli a livello nazionale era stato fatto dopo che il mese scorso i terminal di Sidra (Es Sider) e Ras Lanuf erano stati conquistati per una settimana da milizie da guidate da Ibrahim Jadhran e poi riconquistate da truppe di Haftar.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo