Kosovo: Serbia rifiuta piattaforma Pristina per negoziati

Vucic presiede Consiglio sicurezza. 'E' la fine del dialogo'

08 marzo, 15:02

Il presidente serbo Aleksandar Vucic Il presidente serbo Aleksandar Vucic

BELGRADO - La Serbia respinge la 'piattaforma' per la fase finale del dialogo e la normalizzazione dei rapporti con il Kosovo, approvata ieri dal Parlamento di Pristina e ritenuta 'inaccettabile' da Belgrado.

Nella capitale serba si è riunito il Consiglio per la Sicurezza nazionale, convocata d'urgenza ieri sera dal presidente, Aleksandar Vucic.

Il documento kosovaro contestato, dando per acquisita l'indipendenza del Kosovo e l'intangibilità dei suoi confini, prevede come esito del negoziato il reciproco riconoscimento fra Belgrado e Pristina all'interno degli attuali confini e l'ammissione del Kosovo all'Onu, al Consiglio d'Europa e alle altre principali organizzazioni internazionali.

La 'piattaforma' sull'accordo finale per la normalizzazione dei rapporti tra Belgrado e Pristina prevede inoltre la revoca della risoluzione 1244 del consiglio di sicurezza dell'Onu. Tale risoluzione, adottata al termine del conflitto armato di fine anni '90, prevede in sostanza per il Kosovo uno status di 'protettorato' delle Nazioni Unite sotto controllo internazionale, e sancisce che la Kfor, la Forza Nato, è l'unica forza armata autorizzata a stazionare sul territorio del Kosovo. Pristina nei mesi scorsi ha annunciato la creazione di un proprio esercito sovrano.

Nel documento, inoltre, si chiede alla Serbia di porre fine alla sua attività diretta a ottenere la revoca del riconoscimento dell'indipendenza del Kosovo da parte di altri stati, e di non ostacolare il cammino di Pristina verso l'adesione alle organizzazioni internazionali. Verrà inoltre creato un Tribunale per giudicare i crimini dei serbi compiuti in Kosovo.

Tutte richieste giudicate 'inaccettabili' da Belgrado che denuncia inoltre il fatto che non si fa alcun riferimento ai serbi del Kosovo e ai loro interessi e richiesta di sicurezza.

Per la dirigenza serba si tratta di una posizione che pone praticamente fine al dialogo e dimostra la volontà di Pristina di non voler alcun accordo di compromesso ma solo il riconoscimento dell'indipendenza.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo