LoJack, carta d'identità certifica stato auto in vendita

Servizio riservato alle società di noleggio e rent a car

Redazione ANSA ROMA

LoJack presenta una nuova soluzione che consente e alle società di noleggio a lungo termine e rent a car ed ai fleet manager di assicurare maggiore trasparenza e rendere più efficace il processo di remarketing dei veicoli usati. Il servizio della piattaforma LoJack Connect permette infatti di semplificare la gestione e l'utilizzo del parco auto aziendale attraverso l'analisi in tempo reale di tutti i principali indicatori del veicolo. La telematica installata a bordo delle vetture dà la possibilità di tenere sotto controllo i loro parametri principali in tempo reale e al momento della vendita permette quindi di certificarne lo stato di salute, come una vera e propria carta d'identità dell'auto.

Grazie a questa nuova soluzione i noleggiatori, ma anche i fleet manager che utilizzano la formula dell'acquisto, potranno fornire all'acquirente della vettura usata la certificazione dei chilometri percorsi e degli incidenti subiti e un rating sullo stato generale della vettura. Il tool consente inoltre al fleet manager di poter attivare un meccanismo premiante nei confronti dei driver più virtuosi (in base al rating assegnato da LoJack) che riconsegnano la vettura in ottimo stato. Secondo l'Aniasa (associazione nazionale industria dell'autonoleggio), ogni anno sono oltre 180.000 i veicoli usati da noleggio a lungo termine messi sul mercato ogni anno: di questi 16.000, solitamente quelli con meno km e in migliori condizioni, vengono venduti a privati e società, la restante parte a commercianti e rivenditori (ad eccezione di una piccola quota radiata per esportazione).

Poter garantire lo stato di salute del veicolo e condividere le informazioni sulla sua vita precedente con il potenziale acquirente, può costituire un'arma strategica a supporto del processo di vendita. Sul fronte della sicurezza su strada LoJack Connect garantisce strumenti su misura per ridurre, prevenire e gestire gli incidenti: il Driving Behavior, il sistema unico che analizza gli stili di guida dei singoli driver sulla base di alcuni parametri; CrashBoxx l'innovativo tool che segnala il crash in tempo reale, offrendo la ricostruzione della dinamica e la stima economica del danno subito dal veicolo fornendo assistenza immediata al driver grazie al contatto della Centrale Operativa 24/7 che fornirà un soccorso meccanico, o se necessario sanitario con la chiamata diretta al 112; l'allarme avarie veicoli, con cui è possibile visualizzare da remoto tutte le informazioni utili per una corretta diagnosi di eventuali problematiche insorte e gli alert di segnalazione di improvviso calo della batteria, manomissione del dispositivo installato a bordo o dello spostamento del mezzo a motore spento. Funzionalità cui si aggiungono quelle più tradizionali, come quelle di localizzazione del veicolo o il monitoraggio dei chilometri percorsi o ancora l'archivio dei percorsi compiuti dal veicolo e il badge reader, che identifica in modo rapido il soggetto che utilizza le vetture in pool.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie