Per bimbi Sud Italia +70% rischio di 'migrare' per curarsi

Studio italiano su 7,8 milioni under 15, da Campania più viaggi

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 01 LUG - Un bambino che vive nel Mezzogiorno ha un rischio del 70% più elevato rispetto a un suo coetaneo del Centro-Nord di dover migrare in altre regioni per curarsi. E' quanto emerge da uno studio italiano, appena pubblicato su Italian Journal of Pediatrics e illustrato oggi in conferenza stampa dalla Società Italiana di Pediatria (Sip), che ha valutato per la prima volta l'entità della migrazione sanitaria dei minori nel nostro Paese.
    Il lavoro, a cura di Mario De Curtis, Francesco Bortolan, Davide Diliberto e Leonardo Villani, è stato condotto su tutti 7.871.887 bambini e ragazzi con un'età inferiore a 15 anni. I dati hanno messo in luce che quelli residenti nel Mezzogiorno rispetto a quelli residenti nel Centro-Nord sono stati curati più frequentemente in altre regioni (11,9% contro 6,9%), numero che cresce soprattutto quando si considerano i ricoveri ad alta complessità. Il costo della migrazione sanitaria dal Mezzogiorno, dove risiede circa il 35% dei bambini/ragazzi, verso altre regioni è stato di 103,9 milioni di euro pari al 15,1% della spesa totale dei ricoveri. Inoltre, il trasferimento verso le strutture del Centro-Nord per alcune regioni del Sud ha un impatto economico molto elevato: per il Molise è pari al 45,9% di tutte le spese sanitarie per l'assistenza ai minori under 15, per la Basilicata al 44,2%, per la Calabria e l'Abruzzo rispettivamente 26,9 % e 26,3%. In termini assoluti la Campania, regione del Sud con il più elevato numero di bambini, è quella che spende di più per ricoveri fuori regione: 25 milioni di euro pari al 12% dei costi sanitari per questa fascia. "La migrazione sanitaria dei minori lontano da casa - afferma Mario De Curtis, presidente del Comitato per la Bioetica della Sip - determina profonde sofferenze per il distacco dal luogo di origine, problemi economici per le famiglie per le spese del trasferimento e difficoltà di lavoro dei genitori per l'allontanamento dalla loro sede". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA