A Milano in mostra come stanare un dittatore con l'heavy metal

Le opere di Radek Szlaga alla basilica di San Celso

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO, 14 SET - Sono ispirate a un fatto storico al limite dell'assurdo le opere di Radek Szlaga esposte da martedì 27 settembre a venerdì 7 ottobre presso la Basilica di San Celso nella mostra 'Kill Your Idols', la prima a Milano dell'artista polacco.
    Nel 1989, il dittatore panamense Manuel Noriega sfuggì all'invasione americana rifugiandosi nell'Ambasciata del Vaticano a Panama. Per catturarlo, il comando delle forze armate statunitensi scelse di adottare un metodo non convenzionale: schierò una decina di amplificatori all'esterno dell'ambasciata per stanare il dittatore, grande appassionato d'opera, a suon di musica heavy metal. Brani come Enter Sandman dei Metallica, Welcome to the Jungle dei Guns N' Roses, o Paranoid dei Black Sabbath risuonarono per giorni finché Noriega, sfinito, si consegnò alle forze americane.
    Di qui l'ispirazione per una serie di 'Noriega mixtapes' che sono il cuore della mostra milanese dell'artista, formatosi tra la Polonia e gli Stati Uniti, le cui opere, caratterizzate da una densa stratificazione di colori, materiali, disegni e iconografie, sono la manifestazione di un immaginario tanto personale quanto collettivo costruito negli anni assimilando elementi iconici ed evocativi tratti dalla cultura popolare, dalla storia, dalla politica e dai mass media. Per la mostra Kill Your Idols, pensata appositamente per gli spazi della Basilica di San Celso, Szlaga presenta Noriega Mix Tapes, una serie inedita di opere - 13 dipinti e una scultura - ispirate a un fatto storico al limite dell'assurdo, del quale raccoglie gli aspetti più aneddotici e umoristici filtrandoli attraverso la propria cifra stilistica. tunitensi. (ANSA).
   

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it

Errore 404

  • Errore 404 - Pagina non trovata

Errore 404 - Pagina non trovata

La cause per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono principalmente le seguenti:

  • un URL digitato male;
  • un segnalibro/bookmark datato;
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca;
  • un link interno interotto sfuggito al webmaster.

Se vuoi segnalare il problema scrivici. Grazie



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie