Buddha 10, i capolavori nascosti del Mao di Torino

Alla scoperta di una religione che ha 400 milioni di seguaci

Redazione ANSA TORINO

TORINO - Il Mao Museo d'Arte Orientale di Torino scopre i capolavori nascosti nei suoi depositi, tesori preziosi che nessuno finora ha mai potuto vedere. La mostra 'Buddha10. Frammenti, derive e rifrazioni dell'immaginario visivo buddhista', curata dal direttore Davide Quadrio con Laura Vigo, svela pezzi bellissimi, oggetti sacri, religiosi e rituali, che si sono trasformati in arte. Di queste opere - grazie all'aiuto della tecnologia e al lavoro del Centro di Conservazione e Restauro La Venaria Reale - la mostra racconta i piccoli segreti, le strade attraverso le quali sono arrivate in Occidente e hanno contribuito alla diffusione del buddhismo, religione, filosofia e dottrina mistica, che si stima abbia nel mondo fra i 300 e i 400 milioni di seguaci..
    Il punto di partenza della mostra, che sarà aperta per quasi un anno dal 20 ottobre al 3 settembre 2023, è un giardino di piante tropicali - un progetto realizzato dal botanico Stefano Mancuso, insieme all'artista e designer Andrea Anastasio - in cui il pubblico è invitato a trascorrere qualche minuto prima per "ripulirsi" e prendere parte a una sorta di rituale, necessario ad affrontare la sacralità degli oggetti esposti.
    Nelle sale dedicate alle esposizioni temporanee, in uno spazio essenziale, oltre venti grandi statue buddhiste in legno o pietra di epoche diverse (dal V al XIX secolo), alcune provenienti dalla Cina. Ai visitatori sarà proposta anche un'esperienza in VR della grotta 17 dei templi buddhisti di Tianlongshan, da cui provengono alcune delle opere in mostra. In primavera la mostra subirà un cambiamento radicale, grazie all'intervento di studiosi e alla sostituzione di molte opere.
    A partire da questo progetto espositivo, il Mao inizia il suo impegno per una gestione più green delle mostre: Buddha10 è realizzata in un'ottica di sostenibilità: non sarà presente nessun allestimento "usa e getta", ma solo elementi concepiti in base alla possibilità di essere riutilizzati in progetti futuri.

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it

Errore 404

  • Errore 404 - Pagina non trovata

Errore 404 - Pagina non trovata

La cause per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono principalmente le seguenti:

  • un URL digitato male;
  • un segnalibro/bookmark datato;
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca;
  • un link interno interotto sfuggito al webmaster.

Se vuoi segnalare il problema scrivici. Grazie



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie