Archeologia: tre enti al lavoro per la ''Carta'' di Matera

Comune, Università e Soprintendenza per studio su conoscenza

(ANSA) - MATERA, 13 MAG - Comune di Matera, Dipartimento Culture Europee e del Mediterraneo-Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell'Università di Basilicata e Soprintendenza archeologica della Basilicata hanno firmato oggi un protocollo di collaborazione finalizzato alla realizzazione della ''Carta del potenziale archeologico di Matera''.
    La Carta ha lo scopo di giungere alla conoscenza di tutte le testimonianze storico-archeologiche, della loro stratificazione, presenti in un territorio segnato dalla presenza continua dell'uomo e dei suoi insediamenti e annoverato tra i beni patrimonio dell'Unesco con i rioni Sassi e l'habitat rupestre.
    Le finalità dell'iniziativa sono state illustrate dal sindaco di Matera, Domenico Bennardi, dagli assessori Graziella Corti e Rossella Nicoletti, dal Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Basilicata, Francesco Canestrini, e dalla direttrice Scuola di specializzazione Beni archeologici di Matera, Francesca Sogliani.
    La Carta sarà elaborata con la raccolta dei dati storico-archeologici, di archivio, ricognizioni di superficie, sopralluoghi e dati forniti da altri comparti scientifici come geologia, geomorfologia. I dati saranno resi disponibili per il territorio su una piattaforma, per facilitare la gestione e l'analisi integrata. Le parti metteranno a disposizione professionalità e risorse, attivando un coordinamento per la pianificazione del lavoro. Si tratta di un progetto inclusivo - hanno detto i firmatari - aperto all'inclusione di altre realtà, come l' archeologia preventiva in relazione anche ai cantieri di diverso tipo che saranno avviati sul territorio. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030


        ANSAcom

        La salute naturale del bambino di Vitalia Murgia (ANSA)

        Tosse e febbre nei bimbi, genitori in ansia per l'autunno

        In 'La salute naturale' pediatra risponde a dubbi più frequenti



        Modifica consenso Cookie