Moda

La moda non si arrende, Fendi sfila a Roma a settembre

Silvia Fendi, uomo e donna, pochi ospiti a Palazzo della Civiltà

 © ANSA
  • di Patrizia Vacalebri
  • ROMA
  • 24 giugno 2020
  • 20:25

"La moda non si arrende". Parola di Silvia Venturini Fendi, che annuncia la data del fashion show della maison, di cui è la stilista: il prossimo 22 settembre a Roma, nel suo quartier generale, a Palazzo della Civiltà, con un evento che unificherà per la prima volta le collezioni Uomo e Donna. La sfilata si svolgerà in concomitanza con l'inizio della Fashion Week di Milano, che durerà fino al 28 settembre. "Stiamo ancora lavorando al concept - prosegue Silvia Venturini Fendi, designer di razza allevata da Karl Lagerfeld di cui ha colto l'eredità per la maison di famiglia passata nell'orbita di LVMH - ma sarà qualcosa di completamente nuovo e diverso, un evento particolare. Il tutto avverrà nella cornice di Palazzo della Civiltà Italiana dove presenteremo il primo giorno della settimana della moda, il 22 settembre. Un'occasione per rafforzare ulteriormente il profondo e duraturo legame di Fendi con Roma, la sua città natale. L'evento sarà trasmesso in diretta e accoglieremo un numero limitato di ospiti nel rispetto della distanza sociale".
Dopo il terremoto apportato dalla pandemia, la moda ripensa a tempi e modalità delle sfilate, com'è giusto che sia in questa fase delicata e incerta, che può generare repentini cambiamenti di date e location. "L'isolamento e l'allontanamento sociale - ricorda Silvia Venturini Fendi - ci hanno offerto nuove chiavi di lettura. Credo che non si possano fare previsioni sul futuro della moda in questo momento. Il mondo sta cambiando, evolvendosi di giorno in giorno. Sicuramente non si comprerà più come prima, almeno per un po', pochi oggetti ma essenziali. In un certo senso, rassicuranti". "Messo a dura prova da questo difficile momento storico e sociale legato alla pandemia, il sistema moda - aggiunge la stilista - si è reso conto di dover ripensare sé stesso, rallentando il suo ritmo, ma anche la quantità di cose da offrire. Bisogna privilegiare la qualità e il tempo, per godere di ciò che si crea, dell'originalità, della creatività e dell'esclusività. Sicuramente dobbiamo aiutare i giovani designer. Rappresentano il futuro - ricorda Silvia Fendi che è anche presidente di Altaroma - e devono essere sostenuti, non abbandonati". In conclusione, griffe e maison sono costrette a seguire, per quanto riguarda gli eventi, le indicazioni generali dei governi dettate dal contenimento del virus, e devono valutare molto attentamente le scelte sulla modalità e sulla collocazione temporale delle loro presentazioni. Intanto si apprende che la Fédération de la Haute Couture et de la Mode francese ha deciso che la prossima edizione della fashion week femminile andrà in scena dal 28 settembre al 6 ottobre a Parigi. E per quanto riguarda la sua organizzazione ci si "atterrà alle raccomandazioni delle autorità pubbliche". Inoltre, "la manifestazione si avvarrà anche della piattaforma online". Prima di Parigi è in programma la New York Fashion Week, che si svolgerà nella Grande Mela dall'11 al 16 settembre. Dal dal 18 al 22 settembre seguiranno le passerelle del ready to wear P/E 2021 di Londra, con apertura il giorno prima, il 17 settembre, della sfilata della collezione di Burberry disegnata da Riccardo Tisci. A seguire, le proposte di Milano Donna (22-28 settembre). Ma i prossimi appuntamenti vedranno coinvolto soprattutto il mondo digital: dal 9 al 13 luglio toccherà alla fashion week parigina dedicata al menswear e dal 14 al 17 luglio la prima Milano digital fashion week. 

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie