Asaps, 30 vittime sulle strade nel fine settimana

Tra loro 18 motociclisti, 'servono corsi guida sicura'

Redazione ANSA BOLOGNA

 L'Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale (Asaps) ha registrato tra venerdì e ieri 30 vittime in 28 incidenti mortali, tra cui la morte di due ragazzi a Corleone e due motociclisti deceduti in uno scontro con un'auto nel Cosentino. Fra le vittime 26 uomini e 4 donne, con il coinvolgimento e il decesso di ben 18 motociclisti. In Veneto e Toscana sono stati quattro i morti sulle strade, con un contromano vicino Livorno, tre i morti in Sicilia, tutti in provincia di Palermo, tre i decessi in Calabria. Ben 11 le fuoriuscite autonome di veicoli, "a dimostrazione - spiega l'Asaps - che le cause possono essere la guida alterata, il colpo di sonno ma anche la distrazione al cellulare". Sono poi 7 i morti nelle notti del fine settimana. "Uno stragismo stradale - sottolinea il presidente Asaps, Giordano Biserni - che non colpisce più l'opinione pubblica, nel silenzio del Parlamento dove non è all'orizzonte alcuna adeguata riforma del Codice della Strada, per contrastare i comportamenti più gravi al volante. Servirebbero corsi di guida sicura, anche solo teorici, offerti gratuitamente a chi compra un mezzo a due ruote. Corsi di sensibilizzazione, e gruppi di discussione.
    Perché il modo migliore per fare sicurezza stradale è parlarne.
    Ma è evidente anche la carenza dei controlli costanti notturni e diurni sulle strade". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie