Press Release

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale ANCI Puglia

Minervino Lecce: celebrazione anniversario 2 Luglio - Mogadiscio 1993

Ricordo M.O.V.M. dei Paracadutisti Salento Gen. Izzo, Ten. Starace e C.M. Pasquale Baccaro.

ANCI Puglia

Era il 2 Luglio del 1993 quando arrivò da Mogadiscio la tragica notizia dell’imboscata tesa da parte degli uomini del generale Aidid al nostro contingente, al checkpoint “Pasta”, in cui persero la vita tre nostri valorosi soldati: Il Tenente Millevoi, il Sottoufficiale Paolicchi e il Minervinese Pasquale Baccaro. 

È doveroso ricordare che, in quel periodo, i nostri Uomini erano impegnati nella Missione di Pace Unosom II, con l’obiettivo di creare un cordone di sicurezza attorno agli aiuti umanitari condotti per arginare la carestia dilagante nel Paese e le condizioni di anarchia dovute alla guerra civile somala. 

Il 2 Luglio segnò nuovamente la vita politica e militare del Paese: i tre soldati furono i primi a cadere in azioni di guerra dopo il Grande Conflitto del ‘45; da quel momento, nei giorni e negli anni a seguire, altri furono gli uomini che persero la vita battendosi per la stessa causa seppur in circostanze e modalità differenti. 

“Non è un caso che il ricordo delle Medaglie d’Oro dei Paracadutisti del Salento si è voluto celebrare nella giornata del 2 Luglio” - sottolinea Domenico Ferraro, Presidente del Consiglio Comunale di Minervino di Lecce - “Vogliamo sottolineare che la testimonianza di vita esemplare di questi Uomini è viva e valida e la memoria di costoro non deve mai venir meno. Continuare a rendere omaggio a questi Eroi scomparsi da tempo, 28 anni nel caso del nostro concittadino Baccaro, è indispensabile per comprendere che la libertà di cui oggi godiamo è frutto di sacrifici di tanti ragazzi disposti a prodigarsi anche a discapito della propria vita.  Ringrazio tutti coloro che, a diverso titolo, hanno partecipato ad organizzare al meglio questa giornata.”

La cerimonia prevede di rendere omaggio alle Medaglie d’oro al Valor Militare dei Paracadutisti del nostro Salento, in particolare il Generale Giuseppe Izzo, il Tenente Giovanni Starace ed il Caporal Maggiore Pasquale Baccaro. 

Si parte con l’alza bandiera alle 9.30 dal primo dei due luoghi simbolo per la Folgore qui nel Salento: _”in quell’angolo di cielo dedicato…”_ agli Eroi di El Alamain, la  Cappella/Santuario sita a Castro, voluta e costruita dal Tenente MOVM Giovanni Starace con la complicità di Paolo Caccia Dominioni, anche lui Eroe di guerra. 

Cappella che domina e sovrasta dall’alto della scogliera il Porto di Castro, con lo sguardo della statua del militare raffigurato verso El Alamain dove riposano gli Eroi della Folgore immolatisi nell’ultima Guerra Mondiale. 

La cerimonia proseguirà alle 10.30 a Minervino, altro luogo simbolo per gli uomini della Folgore ed in particolare per i fieri “Diavoli Neri”, presso il Cimitero in cui giace la salma di Baccaro al quale verrà reso omaggio alla presenza del Prefetto di Lecce e delle autorità Civili e Militari presenti.

Si continua con la Santa Messa, presso la Chiesa madre sempre a Minervino, dedicata, all’Arcangelo Michele protettore dei Parà della Folgore, con inizio alle ore 11 e celebrata dal Cappellano Militare Don Marco Bottazzo.

Alla presenza della madre di Pasquale Baccaro, del figlio del ten. Giovanni Starace  del  Prefetto di Lecce Maria Rosa TRIO, del Questore Vicario Salvatore BARILARO, del Generale di Brigata Claudio DEI Comandante della Scuola di Cavalleria, del Comandante del Comando Militare Esercito Puglia Colonnello Donato NINIVAGGI, del Comandate Provinciale dell’Arma dei Carabinieri Colonnello Paolo DEMBECH, del Vice Presidente Club Atlantico Salento Pasquale PALADINI, del Presidente del Gruppo Medaglie d’Oro a Valor Militare Gen. Di Corpo d’Armata dei Carabinieri Rosario AIOSA. 

Il tutto si concluderà con la deposizione della corona presso la Piazzetta del Comune dedicata allo stesso Pasquale Baccaro dove sono previsti alcuni interventi ed inoltre verrà donata un opera in ferro “battuta” dall’artista Luca Palma raffigurante un paracadutista al Generale Aiosa oggi Presidente della Associazione delle Medaglie d’Oro al Valor Militare e ideatore e firmatario della proposta sottoscritta da ANCI nazionale “Milite Ignoto, Cittadino d’Italia”.

Iniziativa che prevede il riconoscimento della Cittadinanza Onoraria al Milite Ignoto da parte dei singoli comuni che lo vorranno in occasione del centenario.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale ANCI Puglia

Modifica consenso Cookie