Sardegna

Uccise l'amico con un colpo di pistola, 12 anni in appello

Sassari, Corte d'assise riconosce attenuanti e semi infermità

La Corte d'assise d'appello di Sassari presieduta dalla giudice Maria Teresa Lupinu, a latere Plinia Azzena e Maria Grixoni, ha condannato a 12 anni di reclusione Lukas Saba, 20 anni, di Alghero, reo confesso dell'omicidio di Alberto Melone, all'epoca 19enne e amico dell'imputato, ferito mortalmente con un colpo di pistola la sera di venerdì 5 aprile 2019 all'interno di un appartamento di piazza del Teatro, nel centro storico della città catalana.

 L'abitazione era nella disponibilità di Saba, condannato in primo grado con rito abbreviato a 15 anni e 4 mesi. Il giovane aveva ammesso di aver sparato contro il suo amico, ma solo per errore. La Procura generale aveva chiesto per lui 13 anni e 4 mesi. La Corte d'appello ha riconosciuto all'imputato, difeso dagli avvocati Gabriele Satta e Pasquale Ramazzotti, le attenuanti generiche e un parziale vizio di mente.

Secondo alcune testimonianze raccolte dai carabinieri nell'immediatezza del fatto, il presunto omicida avrebbe girato per Alghero con la pistola nei pantaloni già dal pomeriggio. "L'ha puntata anche contro di me, come se fosse uno scherzo", ha raccontato uno di loro, fornendo questo dettaglio anche ai genitori della vittima, che è andato a trovare nella loro abitazione. "L'ho anche sgridato, gli ho detto di non fare sciocchezze e di lasciarla a casa - è la sua versione - perché era carica e poteva mettersi in qualche guaio".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie