Cultura

'Oltre le bende', a Bologna cantiere restauro mummia umana

Aperto al pubblico dal 16 giugno al Museo Civico Archeologico

(ANSA) - BOLOGNA, 15 GIU - Il restauro di una mummia umana di adulto, conservata nei depositi del museo dal 1994, sarà visibile al pubblico dal 16 giugno al 3 settembre nella Sezione Egiziana del Museo Civico Archeologico di Bologna. La mummia appartiene alla collezione di antichità egizie, greche, etrusche e romane che Pelagio Palagi (Bologna, 1775-Torino, 1860), poliedrica figura di architetto, pittore, scultore, ornatista e collezionista, destinò per lascito testamentario al Comune di Bologna.
    L'intervento conservativo - affidato a Cinzia Oliva, fra i massimi esperti nel restauro dei tessuti antichi e consulente di importanti istituzioni museali - si svolgerà in tre tranche: 16-18 giugno, 12-16 luglio, 30 agosto-3 settembre. Durante gli orari di apertura del museo e nel rispetto delle misure di sicurezza anti Covid-19, i visitatori potranno osservare dal vivo - nell'ambito del progetto 'Oltre le bende: storia di un antico egiziano' - le operazioni necessarie al complesso restauro tessile di una mummia egiziana dalla storia millenaria, in parte ancora inedita.
    Il trattamento conservativo è la premessa al trasferimento in sicurezza della mummia, che il Museo Civico di Bologna ha concesso in prestito ai Musei Civici di Mantova per una durata di cinque anni, assieme a un gruppo di 11 bronzetti di divinità egiziane. A distanza di 27 anni, la mummia tornerà visibile al pubblico nella sede di Palazzo San Sebastiano a Mantova per arricchire e integrare la Collezione Egiziana di Giuseppe Acerbi, costituita dai reperti archeologici raccolti dall'erudito e scienziato naturalista di Castelgoffredo (1773-1846), durante il suo soggiorno in Egitto dal 1826 al 1834 quale Console Generale d'Austria. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie