Pil: -6,8 Piemonte nell'anno del Covid, media Italia -8,9%

Comitato Torino Finanza anticipa dato su modello Nowcasting

(ANSA) - TORINO, 27 FEB - Nell'anno della pandemia il Piemonte riduce la perdita del Pil, che si attesa al 6,8% rispetto alla media nazionale del -8,9%. Il dato è stato calcolato, in grande anticipo rispetto alle stime dell'Istat, dal Comitato Torino Finanza, in grado di misurare l'attività economica regionale in tempo quasi reale grazie a un modello statistico inedito e innovativo, il cosiddetto 'Pil Nowcasting'.
    "Ci conforta apprendere che il Piemonte sta andando meglio del resto d'Italia, ma non dimentichiamoci che questo calo del 6,8% rappresenta 7 miliardi in meno di Pil", commenta sulle pagine locali del quotidiano La Stampa Vladimiro Rambaldi, Presidente del Comitato Torino Finanza. "Ricordiamo anche che nel trimestre oggetto di stima pesava ancora poco lo stop obbligato del turismo invernale - aggiunge - che si vedrà nel trimestre successivo. Dobbiamo quindi non illuderci di essere fuori dall'emergenza".
    Il dato del Pil regionale, seppur migliore di quello nazionale, "non può e non deve consolarci", osserva il presidente di Unioncamere Piemonte, Gian Paolo Coscia, secondo cui "dovremo lavorare ancor più duramente, come istituzioni locali e nazionali, per recuperare il gap economico creato dalla pandemia". Tanto più che la congiuntura negativa si sentirà ancora sulle stime del I trimestre 2021. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie