Economia

Responsabilità editoriale di ADVISOR, testata edita da Open Financial Communication

Il reddito fisso? Meglio se net zero

Oggi sul mercato sono presenti indici obbligazionari che portano un'immensa quantità di rischio climatico e che secondo alcuni esperti non sono accuratamente prezzati. Per gli investitori a reddito fisso che puntano allo zero netto, la domanda quindi da porsi è: come dovrebbe essere gestito il rischio carbonio?

 

Storicamente, molti investitori hanno risposto adottando strategie a basse emissioni di carbonio, i cosiddetti portafogli low carbon, che escludono i settori e le aziende con alte emissioni a favore di quelle a basse emissioni. Possiamo considerare tale approccio efficace? Per LOIM questo approccio è difettoso, per una serie di ragioni. In primis perché si possono perdere delle opportunità, ignorando le aziende con grandi impronte di carbonio ma con traiettorie di decarbonizzazione credibili, si impedisce agli investitori di accedere alle opportunità di transizione climatica. Inoltre, escludendo aziende essenziali - come quelle dell'acciaio e del cemento - che si stanno veramente decarbonizzando e i cui progressi sono vitali per raggiungere lo zero netto, si rallenta il ritmo della transizione. In aggiunta vi è un rischio di concentrazione. Limitando significativamente l'universo investibile, le strategie low carbon possono ridurre la diversificazione e quindi aumentare il rischio di concentrazione.

 

Qual è quindi la soluzione migliore? Per LOIM gli investitori che cercano di catturare le opportunità ed evitare i rischi nella transizione a zero netto dovrebbero adottare una visione lungimirante dell'economia che si estende ben oltre le attuali impronte di carbonio. In definitiva, devono identificare le aziende che, indipendentemente dal loro settore o dalle impronte di carbonio attuali, stanno eseguendo piani credibili per ridurre le loro emissioni in linea con un futuro a zero.

 

Questo significa investire nella transizione. “Investire nella transizione richiede di andare oltre le analisi dell'impronta di carbonio e di avere una chiara visione delle traiettorie di decarbonizzazione delle aziende. Così facendo, gli investitori possono giudicare se le aziende sono opportunità di transizione da cogliere o rischi da evitare. Con questa visione lungimirante, crediamo che alcune delle migliori opportunità net-zero esistano tra le aziende le cui emissioni attuali le escluderebbero dalle strategie low-carbon ma, grazie alla loro azione sul raggiungimento degli obiettivi di riduzione del carbonio, indicano che sono su percorsi di decarbonizzazione fattibili. Il loro potenziale per prosperare in un mondo che si allinea a - e raggiunge - lo zero netto potrebbe essere sottovalutato dal mercato” spiegano gli esperti di LOIM.

 

Certo non si tratta di un percorso lineare. Nei mercati a reddito fisso, l'universo delle aziende a zero emissioni è limitato, quindi un portafoglio di obbligazioni societarie veramente a zero è attualmente impraticabile, però potrebbe diventare possibile nei prossimi anni con l'accelerazione della transizione.

 

A LOIM, il team di sostenibilità ha sviluppato una competenza lungimirante e scientifica in materia di carbonio che è alla base dell’approccio di investimento net-zero del gruppo.

 

“A grandi linee, consiste in quattro fasi: Valutiamo l'esposizione complessiva alla CO2 di un'azienda in termini di emissioni. Valutiamo il tasso previsto di decarbonizzazione e la performance dell'azienda rispetto al livello richiesto al suo settore per allinearsi con un mondo a zero emissioni. Consideriamo l'impatto dei regolamenti per la riduzione delle emissioni e la pressione tra pari creata dai concorrenti che decarbonizzano, e identifichiamo le opportunità di guidare il cambiamento attraverso la stewardship.

 

Combinando tutte queste informazioni, valutiamo quanto la traiettoria delle emissioni di un potenziale investimento sia vicina alla decarbonizzazione al 100% entro il 2050, convalidata da obiettivi intermedi. Così facendo, guardiamo avanti e attraverso l'intera economia - non limitandoci ai settori a bassa emissione di carbonio - puntando a decarbonizzare, diversificare e guidare la transizione” concludono da LOIM.

La responsabilità editoriale e i contenuti sono a cura di ADVISOR, testata edita da Open Financial Communication

Video Economia




Modifica consenso Cookie