Toscana

Saville a Firenze, incontro antico e contemporaneo

L'artista: 'Meraviglioso dialogare con Michelangelo'

(ANSA) - FIRENZE, 29 SET - Apre il 30 settembre a Firenze la mostra di Jenny Saville: sarà al Museo 900 ma anche nel Salone dei 500 di Palazzo Vecchio che ospiterà 'Fulcrum'. L'esposizione è in programma fino al 20 febbraio anche al Museo dell'Opera del Duomo, al Museo degli Innocenti e a Casa Buonarroti: un centinaio le opere in mostra, in un incontro tra antico e contemporaneo. Il progetto è a cura di Sergio Risaliti, direttore del Museo Novecento, promosso dal Comune di Firenze.
    Nelle sale del Museo Novecento sarà esposta una serie di dipinti e disegni dagli inizi del Duemila fino agli ultimi mesi.
    Il Museo dell'Opera del Duomo ospiterà 'Study for Pietà'. A Casa Buonarroti spazio ai disegni 'Study for Pietà I' e 'Mother and Child Study II': non mancano poi dipinti come 'Aleppo' e 'Compass'. "La mostra di Jenny Saville, con la sua fisicità prepotente ed esibita, con la sua carnalità esasperata, con le figure abbrutite, affaticate dalla vita e dalle sue avversità, sembra creare una frattura con la potenza composta delle sculture e degli affreschi cinquecenteschi che custodiscono la maestosità del Salone dei Cinquecento" ha detto il sindaco Dario Nardella presentando il progetto, presente anche l'artista a cui ha consegnato le Chiavi della città. "L'esperienza che ho fatto a Firenze - ha detto Saville - è stata bellissima. Tutte le persone con le quali ho lavorato mi hanno fatto rendere conto, ancora una volta, di quanto gli italiani siano un grande popolo". Saville ha parlato anche della correlazione tra le sue opere e i maestri del Rinascimento italiano, in particolare con alcuni grandi capolavori di Michelangelo. La pittrice ha spiegato "che 'dialogare' con Michelangelo è stato meraviglioso, l'ho sempre considerato il più grande maestro dell'arte, capace di esprimere l'arte al massimo: adesso lui fa parte di me stessa, è dentro di me". Questo progetto, ha aggiunto, "ha avuto inizio a Venezia quando ho incontrato Sergio Risaliti, che mi ha invitato a venire a Firenze. Io c'ero stata da adolescente con mio zio, artista e storico dell'arte. È stato grazie a lui che ebbe questa visione dell'arte". Una menzione speciale per Casa Buonarroti, "la mia casa ideale, il mio luogo del cuore".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie