>ANSA-IL-PUNTO/COVID Sicilia, si inverte curva contagi 1.249

A Catania arrivano ispettori Ministero per controllo posti letti

(ANSA) - PALERMO, 23 NOV - Nel giorno in cui sbarcano a Catania gli ispettori del Ministero della salute per verificare l'effettiva situazione dei posti letti Covid in Sicilia, dopo la querelle sull'audio del superburocrate della Regione Mario La Rocca registrato su whats app, per la prima volta la curva dei contagi nell'isola registra una reale inversione di tendenza. Sono infatti 1.249 i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore, undici in meno rispetto al giorno precedente. Ma il dato è ancora più confortante se lo si paragona al numero dei tamponi processati, 7.712 cioè oltre un migliaio in più di ieri. In calo anche i decessi, 41 contro i 45 di domenica, mentre i ricoveri registrano solo un incremento trascurabile: 1.604, dei quali 243 in terapia intensiva (solo due in più). Proprio la situazione dei posti letto in Sicilia per i pazienti Covid, in particolare per quanto riguarda le terapie intensive, è al centro dell'ispezione da parte dei tecnici del Ministero che devono controllare la reale corrispondenza con i dati caricati sulla piattaforma Gecos della Regione. L'invio degli ispettori da parte del ministro Speranza è collegato alle polemiche innescate dall'audio shock di La Rocca. Un appello dai toni molto rudi e perentori con il quale il dirigente generale del dipartimento pianificazione strategica della Regione invitava su una chat di whats app i dirigenti e i manager di Asp e ospedali a caricare quei dati prima della decisione del governo sulla zona in cui sarebbe stata poi inserita la Sicilia (arancione ndr).
    La Rocca, il cui operato è stato difeso dall'assessore Razza e dal governatore Musumeci che hanno anzi sollecitato l'invio degli ispettori per "fare chiarezza", ha spiegato che quell'invito era solo uno stimolo ad accelerare l'attivazione dei posti e a superare le resistenze da parte di chi non voleva riconvertire i propri reparti destinandoli ai pazienti Covid.
    Dichiarazioni contestate dai capigruppo di opposizione all'Assemblea regionale siciliana che stamane, in una conferenza stampa congiunta, hanno presentato una mozione di censura nei confronti dell'assessore Razza che sarà discussa in aula mercoledì. Secondo Giuseppe Lupo (Pd), Giorgio Pasqua (M5s) e Claudio Fava (Cento passi) i dati sui posti letto non sarebbero veritieri e La Rocca avrebbe inoltre avuto il dovere di denunciare alla Procura i manager che avrebbero remato contro.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030



        Modifica consenso Cookie