Covid: ancora fase pandemica. Mascherina a lavoro, si decide

Brusaferro: 'Ondata crescerà'. Tavolo di sicurezza negli uffici

Salute & Benessere Sanità
Chiudi Ancora fase pandemica. Mascherina a lavoro,si decide (ANSA) Ancora fase pandemica. Mascherina a lavoro,si decide

Luci e ombre in questa nuova fase epidemica da Covid-19 in Italia che vede correre i contagi ma non malattia e decessi. E dati alla mano, domani, lunedì 27 giugno, incontro tecnico tra ministero del Lavoro, della Salute e Inail nell'ambito del tavolo, già aperto, per valutare un aggiornamento del protocollo di sicurezza anti-Covid nei luoghi di lavoro che, al momento, è ancora in vigore e prevede tra le altre misure l'obblig delle mascherine nei casi di condivisione degli ambienti.

Intanto dagli esperti arriva un quadro secondo il quale, come sottolinea il presidente dell'Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, siamo ancora "in fase pandemica" con l'attuale ondata epidemica che "crescerà ancora". "Tutto il sistema di controllo è pienamente operativo - dice - e si sta monitorando attentamente la sottovariante Omicron 5. Il virus non va sottovalutato". L'incidenza settimanale è infatti salita dai 310 casi per 100mila abitanti della scorsa settimana agli attuali 504.

"Un rialzo molto significativo" con un indice di replicazione, l'Rt, superiore a 1. In salita anche gli attualmente positivi che nelle ultime 24 ore, secondo il bollettino quotidiano del ministero della Salute, sono 733.440, quasi 30mila in più nelle ultime 24 ore. E sempre dal bollettino emerge un calo dei tamponi, antigenici e molecolari, 199.340 contro i 258.456 di ieri con un tasso di positività che sale al 24,3% sul 21,8% di ieri. In totale sono 48.456 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore (ieri 56.386), 44 le vittime (ieri 40). Stabili le terapie intensive con 227 pazienti ricoverati, due in più, mentre salgono i ricoveri nei reparti ordinari: 5.532 pazienti, ovvero 190 in più di ieri.

I medici ospedalieri: 'Misure straordinarie per evitare il collasso degli ospedali'
"Misure straordinarie per evitare il collasso dell'intera sanità ospedaliera" e "un aumento della spesa corrente per un adeguamento degli organici, sia in Pronto soccorso che nei reparti, insieme con l'aumento dei posti letto ordinari". Lo chiede il segretario nazionale uscente del sindacato dei medici ospedalieri Anaao Assomed, Carlo Palermo, nella sua relazione al 25° Congresso Nazionale dell'Associazione in corso a Napoli.

Ma, avverte, servono "interventi strutturali, non provvedimenti tampone", allo scopo di "evitare che il diritto alla salute venga affidato alla carta di credito oltre che al luogo di residenza".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Curarsi con TikTok, il mondo della salute apre al social amato dai ragazzi

Da Oms a medici. Spinta da Covid per aiutare giovani contro fake

Lifestyle Beauty & Fitness
Chiudi Black young woman filming herself dancing at home to share on social media (ANSA) Black young woman filming herself dancing at home to share on social media

Farmacisti, pediatri, dentisti, psichiatri, ma soprattutto infermieri. Lentamente il mondo della salute si apre all'utilizzo di TikTok per informare i giovani contro le fake news attraverso il social media da loro più amato. Se le aziende sanitarie tentennano, alcune associazioni di pazienti hanno già sperimentato la sua capacità di raggiungere un pubblico diverso da quello dei media tradizionali. L'ordine degli infermieri è stato il primo a lanciare una campagna per arrivare a chi non si informa attraverso i media tradizionali. E la 'sfida' è ora aperta.
    Creatività e ironia sono le armi richieste per riuscire ad affermarsi sul social media cinese che sta cambiando le abitudini dei giovanissimi nella fruizione delle news: al punto che, secondo il Digital News Report 2022 dell'Istituto Reuters, il 40% degli under 25 nel mondo lo utilizza ogni settimana. A fare da apripista al suo utilizzo per smascherare le fake news, una piaga che affligge tutte le piattaforme social, è stata l'Organizzazione mondiale della sanità a fine febbraio 2020, nel momento in cui iniziava a diffondersi la pandemia Covid e da allora di strada ne ha fatta, arrivando a 2,9 milioni di follower. In Italia, l'unico ordine professionale che, per ora, sembra aver recepito l'input è la Federazione degli ordini degli infermieri (Fnovi), sbarcata su TikTok già a novembre 2020 con la challenge #Informati con gli Infermieri, che utilizza video di 60 secondi per dare nozioni di primo soccorso o suggerire comportamenti contro la diffusione del Sars-Cov-2.
    Spinte dalla voglia di sperimentare la possibilità di divulgare contenuti medici di qualità su Tiktok, alcune aziende ospedaliere iniziano a valutarlo o lo hanno almeno inserito nel piano di comunicazione aziendale, come l'Istituto Dermatologico italiano (Idi) e l'Ospedale Cristo Re di Roma. Mentre, a vedere già un pubblico consolidato sono i singoli professionisti sanitari.
    È rivolto alle giovani mamme il canale di Claudio Olivieri, chirurgo pediatra che scioglie con ironia i dubbi più frequenti: dalla febbre di crescita a come affrontare i problemi del sonno.
    Molti sono già invece i farmacisti che utilizzano TikTok per dare consigli su come assumere medicinali: a ritmo di Wannabe delle Spice Girls Francesco Mazzuca mette in guardia su 7 cose da sapere sul paracetamolo, e il video ha ottenuto oltre 12.000 like. Mentre ha avuto 13.000 like il video di Valentina Pozzato sui farmaci che non andrebbero assunti prima dell'esposizione al sole. Il social, basato su un algoritmo che non seleziona solo i contenuti di persone seguite ma anche attingendo random a temi eterogenei, si può rivelare utile, infine, per informare su temi come anoressia, abuso di droghe e attacchi di panico: ne è un esempio Giovanni Martinotti, medico psichiatra da quasi 36.000 follower.
    Le aziende farmaceutiche, in Italia, per il momento sono in fase di progettazione e poche sono ancora le associazioni di pazienti che fanno leva sul social che ha visto impennare le iscrizioni dal 2020 a oggi. Tra queste l'Associazione italiana sclerosi multipla (Aism) che lo ha scelto, con la campagna #l'apparenzainganna. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Non solo musa di Picasso, all'asta il genio di Dora Maar

In vendita a Parigi, scatti inediti della grande fotografa

ViaggiArt Bellezza
Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Molto più che la bella musa del grande Picasso. Pittrice,intellettuale, animatrice appassionata del Surrealismo, Dora Maar (1907-1997) è stata una raffinata e geniale fotografa, amica di Henri Cartier-Bresson e Brassaï. Nei lunghi anni della sua tormentata relazione con il geniale e narcisista pittore, lo ha ritratto tante volte, pose quotidiane, scatti di 'normalità', ora seduto in poltrona, ora sulla spiaggia, sotto l'ombrellone. Dopo la morte, avvenuta senza eredi nel 1997, la sua produzione si è purtroppo in gran parte dispersa. Una grande antologica in mostra a Parigi, Londra e Los Angeles nel 2019 ne aveva già messo in luce originalità e talento. Ora altri 750 cliché dei suoi lavori, quasi tutti inediti, andranno all'asta domani e martedì a Parigi da Artcurial, divisi in 400 lotti. E la vendita diventa anche un'occasione per mettere in luce il talento a tutto tondo di una donna la cui arte è rimasta troppo a lungo confinata all'ombra del Minotauro, ridotta al rango di musa e amante, conosciuta ai più per i ritratti, celeberrimi che le fece Picasso, come La femme qui pleure.
    Fortemente impregnata di surrealismo, la sua opera fotografica esalta spesso l'onirico, l'assurdo. Ma da questi suoi scatti, che tratteggiano vent'anni della sua carriera, tra il 1920 ed il 1940, emerge un racconto al tempo stesso intimo e sociale. Sono ritratti e autoritratti, scene di strada immortalate nelle vie di Parigi o di Barcellona o di Londra, fotografie di moda. Nata a Parigi nel 1907, al secolo Henriette Theodora Markovitch, Dora era figlia di un architetto e seguendo il lavoro del padre aveva trascorso parte dell'infanzia e dell'adolescenza in Argentina. A Parigi era tornata diciannovenne nel 1926, decisa ad intraprendere una carriera artistica. La vulgata dice che Picasso si invaghì di lei dopo averla notata seduta al tavolino di un bar, Les deux Magots mentre giocava con un coltello. Con lui furono nove anni d'amore, non sempre felice, per lei forse, vittima del narcisismo di lui sempre pronto a nuove conquiste, una relazione che oggi si definirebbe tossica. Queste immagini in bianco e nero così ardite e raffinate nella costruzione surrealista (come quella per esempio che ritrae una sedia piccola piccola, appena illuminata al centro di una grande stanza buia dal fascio di luce che filtra da una mastodontica tenda) o così umane e quotidiane come nei ritratti di Picasso, rendono giustizia alla sua personale grandezza. Un'artista, come sottolinea Bruno Jaubert, per Artcurial, "che ha saputo dare vita ad un'opera del tutto personale, esprimendosi attraverso un medium, la fotografia, che Picasso non ha mai approcciato. E che si dimostra qui come una delle fotografe più originali della sua epoca". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Hollywood insorge, e ora teme il peggio per i gay

Lizzo dona gli incassi. Da Le Bron a Rapinoe, la protesta dello sport

Lifestyle Società & Diritti
Chiudi Cynthia Nixon in una foto d'archivio (ANSA) Cynthia Nixon in una foto d'archivio

"Gay, state in guardia, adesso tocca a voi". La sentenza shock della Corte Suprema sull'aborto ha mobilitato star di Hollywood, della cultura e dello sport e come Bette Midler molti temono che il peggio debba ancora venire. "L'ha detto Clarence Thomas: le fondamenta di 'Roe contro Wade' sono le stesse che proteggono i nostri diritti", ha commentato l'attrice di "Sex and the City", Cynthia Nixon, che è lesbica. Taylor Swift vive in Tennessee, uno dei 14 Stati che bandiranno l'aborto nei prossimi 30 giorni, ed è "terrorizzata".


 

 

Per Selena Gomez "vedere 

un diritto costituzionale fatto a pezzi è un orrore". Lizzo alle parole ha preferito i fatti: con Live Nation donerà un milione di dollari degli incassi del suo tour a organizzazioni che sostengono l'accesso all'aborto.

 "Inorridita" perché "in America le pistole hanno più diritti delle donne" è anche anche Kim Kardashian. Vicina in passato a Donald Trump sui temi della riforma penale, l'influencer ha preso le distanze da un verdetto che per l'ex presidente "è venuto da Dio". Le conseguenze per le donne "saranno potenzialmente letali, soprattutto per le donne di colore", ha scritto su Twitter Alyssa Milano, mentre per Patricia Arquette, un'altra attrice-attivista, "bisognava aspettarselo ed è successo: hanno dato alla gente il diritto di portare armi e tolto alle donne il controllo sul proprio corpo".

Chi se l'aspettava era Margaret Atwood, l'autrice canadese del Racconto dell'Ancella: "La Corte sta rendendo Gilead una realtà", aveva scritto in marzo sull'Atlantic. La società teocratica totalitaria uscita dalla sua fantasia nel 1985 in cui le donne sono asservite come veicoli per la riproduzione è stata evocata anche da Martina Navratilova: "Benvenuti a Gilead!".

Restando nel mondo tennis, Alexis Onahian si è chiesto se la Corte di Thomas e Samuel Alito rovescerà la sentenza "Loving contro Virginia", rendendo illegale il suo matrimonio interrazziale con Serena Williams. Billie Jean King, un'altra leggenda degli Open, ha lamentato "la fine di una pratica medica legale e sicura". Lei ne sa qualcosa: nel 1971, quando era all'apice della sua carriera, era rimasta incinta in California dove all'epoca era consentito l'aborto "terapeutico": "Passare sotto il torchio di una commissione di medici estranei è stata l'esperienza più degradante della mia vita".

Si è schierato compatto il mondo del basket. La Nba femminile, ma anche Le Bron James, Kyrie Irving e altri campioni. "E' stato un abuso di potere", ha detto Le Bron, mentre Kyrie ha implorato di aiutare a proteggere le donne "ad ogni costo".

Passando al calcio femminile per Meghan Rapinoe "serve una protesta come il #MeToo". Lewis Hamilton, il sette volte campione di Formula Uno, oggi è "disgustato" per "l'attacco dei potenti contro i più vulnerabili: donne, gente di colore, membri della comunità Lgbtqia+".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Viabilità: chiuso allacciamento A11-A1 nel Fiorentino

Nelle notti 29 e 30 giugno, per chi proviene da Roma

Motori Attualità
Chiudi Traffico A1 Firenze (ANSA) Traffico A1 Firenze

Per consentire lavori di pavimentazione, nelle due notti di mercoledì 29 e giovedì 30 giugno, con orario 22-6, per chi percorre la A1 Milano-Napoli e proviene da Roma, sarà chiuso l'allacciamento con la A11 Firenze-Pisa nord, in direzione di Firenze ovest. Lo rende noto Autostrade per l'Italia.
    In alternativa, spiega una nota, si consiglia di uscire sulla A1 alla stazione di Firenze nord e proseguire in direzione di Firenze.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Monopattini: a Roma violano le norme 7 parcheggi su 10

Consumerismo, è Parigi la capitale europea dell'uso corretto

Motori Attualità
Chiudi Archivio (ANSA) Archivio

Roma maglia nera per i monopattini. La capitale europea dei mezzi rapidi e sostenibili è Parigi. Grazie alle politiche pubbliche adottate dall'amministrazione locale, la città francese ha visto ridursi del 46% i parcheggi scorretti effettuati al di fuori delle zone indicate per la sosta e lo stallo. Nel 2019 i parcheggi errati e in violazione delle norme stradali superavano il 50% del totale. Nel primo semestre 2022, nonostante 15mila monopattini in sharing, la quota è scesa sotto al 4%. A Roma invece ben 7 volte su 10 i monopattini sono parcheggiati in violazione delle norme. E' quanto emerge da una ricerca condotta da Consumerismo No Profit che ha messo a confronto numeri e abitudini nelle capitali europee.
    A Roma, rileva l'associazione, operano 7 società d sharing per un totale di 14.500 monopattini in circolazione. Quasi la stessa quantità di mezzi di Londra, ma quasi tutti concentrati senza regola nelle zone centrali, nonostante il numero di abitanti sia un terzo rispetto alla capitale inglese e la città eterna si estenda per un'area inferiore del 22,3% . Nei primi 4 mesi del 2022 si sono registrati nella capitale italiana oltre 1.650.000 noleggi per un totale di circa 4 milioni di km percorsi; la maggior parte dei noleggi avviene nella zona centrale della città per una durata media di 12 minuti e 2 km percorsi. Numeri che si riflettono sull'elevato tasso di sosta scorretta dei monopattini, che a Roma si stima raggiunga il 69% del totale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Oms: 'Il vaiolo delle scimmie non è per ora un'emergenza sanitaria'

Il direttore dell'agenzia: 'E' una minaccia alla salute la cui evoluzione è preoccupante'

Salute & Benessere Sanità
Chiudi La sede dell'Oms (ANSA) La sede dell'Oms

Il vaiolo delle scimmie non è per il momento da considerare un'emergenza sanitaria: lo ha dichiarato l'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms).

La dichiarazione è stata affidata allo stesso direttore generale dell'agenzia Onu, Tedros Adhanom Ghebreyesus, che in una nota diffusa dopo una riunione di esperti, ha detto che il vaiolo delle scimmie è una minaccia alla salute la cui evoluzione è preoccupante, ma che al momento non ha raggiunto lo stadio di un'emergenza sanitaria globale. "Per il momento, l'evento non costituisce una emergenza di sanità pubblica di portata internazionale, che è il livello più elevato di allerta che l'Oms possa emettere", ha dichiarato Tedros.

 

Vaiolo delle scimmie, l'azienda danese Bavarian Nordic ha il vaccino

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Reinfezioni Covid all'8,4%. Resta l'isolamento per i positivi

Iss, più casi non notificati. Speranza: 'A casa chi è contagiato'

Salute & Benessere Sanità
Chiudi Un reparto di terapia intensiva (ANSA) Un reparto di terapia intensiva

Aumentano ancora le reinfezioni da Covid in Italia: in sette giorni salgono all'8,4% contro il 7,5% della scorsa settimana, con rischio maggiore nei non vaccinati, nelle donne e nelle fasce di età più giovani. E continua la corsa dei nuovi positivi al Sars-CoV-2 anche se i numeri non riflettono i reali contagi. In questa fase, infatti, caratterizzata dalla circolazione di varianti altamente trasmissibili "c'è stato un forte aumento di casi non notificati" per sottodiagnosi o 'autodiagnosi', afferma l'Istituto superiore di Sanità. 

Una situazione dove comunque, fa sapere il ministro della Salute, Roberto Speranza, eventuali revisioni delle misure "non sono all'ordine del giorno". Ma mette il sigillo sul dibattito in merito all'isolamento dei positivi. Chi è contagiato "deve stare a casa", dice il responsabile della Salute. Secondo il bollettino Covid quotidiano gli attualmente positivi salgono a 703.479 con un aumento di 25.301 nelle ultime 24 ore. Quindi la sfida della responsabilità individuale e le mascherine che "in certi casi continuano ad essere raccomandate", dice Speranza e che "vanno usate in tutte le occasioni a rischio". Mentre è attesa sull'uso delle mascherine nei luoghi di lavoro in vista della scadenza del 30 giugno. Lunedì 27 è previsto un incontro tecnico tra i ministeri Lavoro e Salute, e Inail, per valutare un aggiornamento del protocollo anti-Covid.

Intanto nelle ultime 24 ore, secondo il bollettino del ministero della Salute, sono 56.386 i nuovi casi (ieri 55.829); 40 le vittime (ieri 51), per un bilancio da inizio pandemia di 168.058 morti; sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici e molecolari, 258.456 tamponi con il tasso di positività al 21,8%, in calo rispetto al 23,4% di ieri. Stabili le terapie intensive, in rialzo i ricoveri ordinari (+137). Le infezioni stanno salendo ma, spiega il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, "l'ondata durerà qualche settimana per poi andare a spegnersi come sta già avvenendo in altri Paesi dove è arrivata prima". Oggi, dice Sileri, la situazione "è completamente diversa da quella dello scorso anno. Abbiamo quasi 50 milioni di italiani che hanno completato il ciclo vaccinale, di cui 40 milioni con terza dose".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Tiepolo e i disegni triestini, una storia straordinaria

A palazzo Gopcevich fino al 18/9, la collezione si racconta

ViaggiArt Bellezza
Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - TRIESTE, 25 GIU - In tutto la collezione conta 254 fogli, di cui 25 disegnati su ambo i lati. L'insieme si contraddistingue per la varietà delle tipologie, che vanno dalle "prime idee" ai disegni finiti per la vendita o la traduzione a stampa. La gran parte è attribuita a Giambattista Tiepolo, mentre per alcuni sono stati proposti i nomi dei due figli Giandomenico e Lorenzo. A custodire una collezione che abbraccia circa quarant'anni di carriera del pittore veneziano, dalla matura giovinezza negli anni '20 del '700 alla partenza per la Spagna nel 1762, illustrando così l'evoluzione del suo stile, sono i Civici Musei di Storia ed Arte di Trieste. Fino al 18 settembre, 16 di queste opere saranno esposte a palazzo Gopcevich nella mostra "Tiepolo. La straordinaria storia dei disegni triestini", curata Lorenza Resciniti e Anna Krekic e promossa dal Comune di Trieste.
    L'intera collezione, una tra le più rilevanti al mondo, è conservata oggi al Civico Museo Sartorio. La mostra, inaugurata ieri, intende ripercorrere le tappe della sua storia. I disegni, acquistati dal barone Giuseppe Sartorio nel 1898, entrarono nelle raccolte civiche di Trieste nel 1910. Durante la prima guerra mondiale, la vicinanza del fronte mise in serio pericolo anche le opere d'arte. Nel 1916 191 disegni partirono alla volta di Vienna, fermandosi però al Museo Provinciale Rudolfinum di Lubiana (oggi Narodna Galerija), ove rimasero chiusi in una cassa sigillata. Dopo la fine del conflitto, con l'annessione di Trieste all'Italia, iniziarono le trattative per il rientro dei disegni. I documenti custoditi negli archivi pubblici cittadini ne tramandano le annose vicende, di cui furono protagonisti Anna Sartorio e suo marito Salvatore Segrè Sartorio che non lasciarono nulla d'intentato affinché la città potesse riavere la collezione. Dopo l'occupazione italiana di Lubiana, il 21 giugno 1941 la cassa con i disegni di Tiepolo fu riportata a Trieste.
    I sedici disegni esposti nella mostra sono stati scelti come saggio della collezione, in quanto parte del gruppo di 191 inviati a Lubiana. Li accompagnano dipinti, incisioni, disegni e fotografie dalle collezioni civiche che illustrano i luoghi e i protagonisti della storia della collezione Tiepolo. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Premio Agnes, focus in Campidoglio su donne e parità

Pnrr, quote rosa ma anche sentenza aborto Usa tra temi incontro

Lifestyle Società & Diritti
Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Costrette a camminare su una strada ancora accidentata, affaticate, sempre un passo indietro rispetto agli uomini: è la fotografia delle donne nel mondo del lavoro emersa nell'incontro organizzato questa mattina in Campidoglio e promosso dalla Fondazione Biagio Agnes, nell'ambito della XIV edizione del Premio Agnes, la cui cerimonia di premiazione si svolgerà questa sera a Roma. Dal titolo "Con le donne verso il futuro dell'Italia", la tavola rotonda, moderata da Lina Palmerini, ha visto la partecipazione di Alessandra Baronciani, presidente Confindustria Pesaro Urbino, Stefania Brancaccio, vice presidente COELMO Spa, Anna Loretoni, professoressa ordinaria di Filosofia Politica e preside della classe di Scienze Sociali della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, Agnese Pini, direttrice de La Nazione. Subito nella mattinata ha fatto irruzione l'attualità, con il commento alla notizia della sentenza con cui la Corte Suprema statunitense ha abolito il diritto all'aborto, segnando di fatto un passo indietro nella libertà e nella tutela femminili. Tanti i temi emersi nel dibattito, il gap salariale e l'organizzazione del lavoro, in particolare lo smart working, ma anche i fondi messi a disposizione dal Pnrr per favorire il raggiungimento della parità di genere, e la formazione, nello specifico quella nelle materie Stem. E ancora, la collaborazione tra le donne, che quando funziona dà loro una marcia in più, e la necessità di una sinergia tra amministrazioni pubbliche e aziende stesse, per garantire servizi essenziali come gli asili nido. Nel confronto, una delle questioni più calde affrontate è stata quella sulle quote rosa, norme antidiscriminazione che spesso hanno scatenato polemiche, a cui si lega anche un tema più strettamente culturale, relativo ai pregiudizi che condizionano le lavoratrici mamme - soprattutto quelle in carriera - e ne minano la serenità. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Tempo di tormentoni, da Fedez a Baby K le hit dell'estate 2022

In lizza Boomdabash-Annalisa, Rocco Hunt-Elettra Lamborghini

Lifestyle Tempo Libero
Chiudi Gruppo di giovani che balla foto iStock. (ANSA) Gruppo di giovani che balla foto iStock.

L'estate 2022 è ufficialmente iniziata ed è caccia al tormentone estivo che risuonerà senza tregua nelle prossime settimane. Molti i singoli già fuori che si candidano più o meno velatamente a conquistare il titolo, altri sono attesi nei prossimi giorni.   
Tra i primi a mettere un'ipoteca, e far valere il peso di un curriculum pieno di hit, è Fedez: dopo il successo di Mille dello scorso anno, in collaborazione con Orietta Berti e Achille Lauro, ritenta la carta del trio stavolta con due emergenti come Tananai e Mara Sattei in La dolce vita, chiaro riferimento alle atmosfere anni Sessanta di un'Italia spensierata. Habitué del tormentone è anche Baby K (impossibile dimenticare Roma-Bangkok del 2015) che ci riprova in coppia con Mika con Bolero, brano in cui il sound strizza l'occhio a sfumature synthwave anni '80.     Nel nome del two-is-megl-che-uan", tornano anche Carl Brave e Noemi, che dopo Makumba, ritentano il successo con la leggera Hula-Hoop, Loredana Bertè che continua le sue collaborazioni con i giovani artisti e sceglie Franco 126 con "Mare Malinconia". I Boomdabash (che negli ultimi cinque anni hanno collezionato oltre 25 dischi di platino con brani come "Non ti dico no", "Per un milione", "Mambo salentino", "karaoke", "Don't worry", "Mohicani") quest'anno chiamano al loro fianco Annalisa per "Tropicana".    
C'è da scommettere che non passerà inosservata "Caramello" di Rocco Hunt che dopo due anni al fianco di Ana Mena sceglie come compagne di microfono Elettra Lamborghini e la star spagnola Lola Índigo. Per la prima volta insieme, i primi due sono abituati a far ballare le spiagge italiane (e non solo) con i loro brani (Pistolero della tweriking queen italiana, uscita l'anno scorso, vanta oltre 50 milioni di stream e 45 milioni di visualizzazioni).   
Ma la lista degli aspiranti tormentoni è lunga e conta anche Elodie con Tribale, "Bubble" di Takagi e Ketra in versione rap, Aka 7even con Guè in "Toca". E Cristiano Malgioglio con "Sucu Sucu". Da tenere d'occhio "Stringimi stanotte" di Luigi Strangis (vincitore dell'ultima edizione di Amici), "5 gocce" di Irama con Rkomi, "Diva" de La Rappresentante di Lista, "Ubriaco di te" di Dargen D'Amico.     In radio stanno andando forte i Pinguini Tattici Nucleari con "Giovani Wannabe", Marco Mengoni con "No Stress", Elisa con "Litoranea". E resiste ancora, dopo tre mesi, "Shakerando" del sorprendente Rhove. Tra gli stranieri Harry Styles con As it was, Lizzo con About Damn Time e Darin con Superstar. Ma anche piattaforme e social dicono la loro. Se su Spotify spopolano Fedez, Tananai e Mara Sattei, è la giovane Anna che dopo l'exploit di Bando due anni fa con "Gasolina" è la più cercata su TikTok.     Per l'immancabile quota latin, arrivano Solo Para Ti di Alvaro Soler con Topic, Romance di Fred De Palma e Justin Quiles, Suavemente di Soolking con Boro Boro

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

In mostra a Fiumicino Alfa Romeo 1900 Guardia Finanza

Esposta in area check-in T1 per 248/esimo anniversario Corpo

Motori Attualità
Chiudi In mostra a Fiumicino Alfa Romeo 1900 della Guardia di Finanza. (ANSA) In mostra a Fiumicino Alfa Romeo 1900 della Guardia di Finanza.

In occasione del 248/esimo anniversario della fondazione della Guardia di Finanza, l'aeroporto di Fiumicino rendo omaggio al Corpo con l'esposizione da questa mattina di un'Alfa Romeo 1900 nell'area check-in del Terminal 1. Tanti i passeggeri che, prima di oltrepassare i controlli di sicurezza, si fermano a fotografare o a fare video con smartphone e tablet all'esemplare d'auto d'epoca delle Fiamme Gialle che, come ogni anno, partecipa alla Mille Miglia.
    L'Alfa Romeo 1900 è stata la prima autovettura da inseguimento in dotazione alla Guardia di Finanza dopo il secondo conflitto mondiale. L'esemplare esposto, assegnato nel settembre 1954, era in dotazione al Comando Legione di Trieste.
    Colorata di grigio all'origine, la vettura è stata poi ridipinta negli ultimi anni della sua "carriera" ed è stata dotata di asta portabandiera per il trasporto di autorità. Osservandola da vicino, è ancora possibile distinguere chiaramente la base metallica dell'asta posizionata sul parafango anteriore destro e vedere all'interno dell'abitacolo gli alloggiamenti degli interruttori per la radio e le sirene. Per le auto di servizio del tempo, anche strumenti come il crick di sollevamento per la riparazione in caso di foratura, erano dotati di targhetta identificativa e numero di inventario. "Sono un appassionato di auto d'epoca e - ha detto un trentenne in partenza per Torino - di motori in generale: dai bolidi di Formula 1 alle moto sia da strada sia da cross. Bella quindi la sorpresa di trovare esposto oggi qui in aeroporto questo splendido esemplare che, tra l'altro, non avevo mai visto prima: sono stato davvero fortunato". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Da Venezia ad Alghero, la nuova sfida del barman dei vip

Creatore di cocktail, ora Domenico Fammiano lancia marchio Mòn

Lifestyle Food
Chiudi  (ANSA)

Da Venezia ad Alghero, passando per Svizzera, Francia, Inghilterra e tanti altri Paesi. E' il giro del Mondo, ma in questo caso bisognerebbe dire "giro del Mon" di Domenico Fammiano, il barman dei vip e inventore di cocktail, che nella cittadina catalana ha messo radici con il marchio "Mòn", appunto.
    Un bar bistrot e un'enoteca, entrambi nel cuore del centro storico di Alghero, molto apprezzati da residenti e turisti non solo per l'ampia scelta di vini, birre e liquori, ma soprattutto per la simpatia di Domenico Fammiano, per tutti Mimmo, che accoglie i suoi clienti sempre in modo professionale, in tutte le lingue, ma poi è subito pronto a scherzare in compagnia.
    Originario di Giuliano, in Campania, Fammiano è cresciuto professionalmente a Venezia, dove ha lavorato per tanti anni negli hotel più prestigiosi. Ora è in Sardegna anche per amore.
    La sua compagna, Giulia Amendola, è algherese, anche lei con grande esperienza nel settore lusso e oggi direttore di un importante albergo della Riviera del Corallo.
    Per Mimmo il primo incarico importante risale al 1999, all'Hotel Danieli di Venezia. Da lì il girovagare sempre in ambienti di lusso, dove ha fatto esperienze lavorative e conosciuto star internazionali del mondo del cinema e della musica.
    A Londra, per un anno e mezzo, ha lavorato nel celebre Members club della Casa reale The Walbrook, poi in un ristorante francese 3 stelle Michelin come bar manager per due anni.
    Nel 2013, a Venezia, durante il Festival del Cinema, è stato scelto per presentare i vari cocktail agli ospiti del jet-set internazionale e raccontare come nasce uno spritz. "Proprio io che sono campano - racconta all'ANSA con un sorriso - sono stato chiamato a raccontare la storia dello spritz veneziano, e del Select, che è l'aperitivo storico veneziano. In quell'anno sono finito anche a Striscia la Notizia. Ho avuto il piacere di servire e conoscere tantissimi personaggi, da Elton John, che ha la casa a Venezia, a Robert De Niro e Richard Gere, che sono grandi appassionati di vini italiani. E poi George Clooney, che in quel periodo aveva fondato un'azienda di tequila, e all'Hotel Cipriani gli abbiamo creato vari cocktail a lui dedicati a base appunto di tequila".
    E poi l'arrivo ad Alghero, proprio nell'anno in cui il Giro d'Italia di ciclismo partiva dalla Sardegna. E qui Fammiano creò il cocktail "Giro del Mon", utilizzando solo prodotti primari del territorio sardo. Poi l'anno scorso, in occasione della prima ripartenza post pandemia, ecco il cocktail "After you", dopo di te, dedicato appunto alla vogli di ripresa dopo il Covid.
    "La mia ultima creazione - conclude Fammiano - è il cocktail Elizabeth Queen, dedicato ad Elisabetta Delogu, la famosa stilista di abiti da sposa con atelier a Sassari e Milano, usando uno dei primi prodotti fatti ad Alghero, un gin territoriale che si chiama Soero. Lo presenteremo a Milano il prossimo autunno". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Realizzato il primo processore quantistico in silicio

Potrebbe semplificare la costruzione dei futuri computer

Scienza & Tecnica Tecnologie
Chiudi Processore di un computer quantistico (fonte: Steve Jurvetson from Menlo Park, USA da Wikipedia) (ANSA) Processore di un computer quantistico (fonte: Steve Jurvetson from Menlo Park, USA da Wikipedia)

Sviluppato un processore quantistico in silicio capace di simulare il comportamento di alcune piccole molecole: è un importante passo in avanti verso i computer quantistici, che potrebbe renderne piu' facile la produzione commerciale e l'utilizzo. Il risultato, pubblicato sulla rivista Nature, è stato ottenuto dal gruppo di ricerca dell'Universita' australiana del Nuovo Galles del Sud, guidato da Michelle Simmons,

"In molti aspetti stiamo ricalcando lo stesso percorso gia' fatto dai computer normali", ha detto Simmons. "E se lo paragoniamo con quello dei computer tradizionali possiamo dire che i primi successi commerciali arriveranno tra 5 anni". Un passo importante potrebbe essere ora arrivato proprio dal lavoro della Simmons riuscito a implementare bit in 'formato' quantistico, i qubit, usando il silicio, ossia lo stesso materiale alla base di tutti i computer tradizionali. Il lavoro si e' focalizzato su una specifica questione, ovvero la simulazione del comportamento di alcune semplici molecole organiche, ma i ricercatori si dicono convinti che lo stesso metodo potrebbe essere scalato, ossia ingrandito, in modo facile per ottenere cosi' computer quantistici piu' potenti e piu' facili da realizzare a livello commerciale.

"Certamente si tratta di un passo importante in avanti sia dal punto di vista tecnologico che scientifico - ha commentato Francesco Svario Cataliotti, direttore dell'Istituto Nazionale di Ottica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ino-Cnr) - ma non e' cosi' ovvio che questa soluzione possa realmente essere scalabile, ossia poter crescere di prestazioni semplicemente aumentandone la grandezza. Cio' e' piuttosto semplice con l'elettronica tradizionale, molto meno in quella quantistica".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Un batterio lungo 1 centimetro sfida le leggi della biologia VIDEO

Ha anche una struttura interna complessa

Scienza & Tecnica Biotech
Chiudi Un singolo filamento del batterio Thiomargarita magnifica (Fonte: Jean-Marie Volland) (ANSA) Un singolo filamento del batterio Thiomargarita magnifica (Fonte: Jean-Marie Volland)

Sfida le leggi della biologia finora considerate un dogma, il batterio gigante visibile a occhio nudo. E' lungo un centimetro ed e' stato scoperto nelle paludi di mangrovie ai Caraibi, nell'arcipelago di Guadalupa. Chiamato Thiomargarita magnifica, non solo e' 5.000 volte piu' grande della maggior parte dei batteri, ma presenta anche una struttura interna complessa, che probabilmente gli ha permesso di aggirare le comuni limitazioni fisiche ed energetiche incontrate dai suoi parenti. La scoperta, pubblicata sulla rivista Science, si deve allo statunitense Lawrence Berkeley National Laboratory e suggerisce che questo possa essere solo il primo di un gruppo di batteri giganti ancora da scoprire.

"Possiamo sicuramente attenderci la scoperta di altri batteri, anche piu' grandi: si tratta di una tipologia che vive di solito in ambienti molto inospitali e che quindi sono ancora poco studiati", dice all'ANSA Fiorentina Ascenzioni, docente di Microbiologia alla Sapienza Universita' di Roma. "Tra l'altro, potrebbero farci capire meglio l'evoluzione della vita sulla Terra - prosegue Ascenzioni - perche' potrebbero presentare caratteristiche intermedie tra i batteri e gli organismi piu' complessi".

Tradizionalmente i batteri sono visibili solo per mezzo di microscopi in grado di ingrandire l'oggetto osservato dalle 100 alle 1.000 volte, ma in questo caso e' stato possibile vedere il nuovo batterio senza bisogno di utilizzare alcuno strumento. "Per metterlo nel giusto contesto, sarebbe come immaginare un essere umano che incontra un altro umano alto come l'Everest", dice Jean-Marie Volland, che ha coordinato lo studio.



L'organismo e' stato individuato, sotto forma di sottili filamenti bianchi, sulle foglie delle mangrovie cadute nell'acqua della palude. "Continuiamo a chiamarli microrganismi, ma ormai sappiamo che non tutti sono cosi' piccoli", afferma Ascenzioni: "Non e' il primo esempio di batterio gigante, infatti appartiene al genere Thiomargarita, che raccoglie batteri di grandi dimensioni, e ormai abbiamo esempi simili anche tra i virus".

Dopo averlo sottoposto ad analisi piu' approfondite, i ricercatori hanno scoperto che il Dna del batterio Thiomargarita magnifica, invece di trovarsi libero all'interno dell'unica cellula com'e' tipico degli altri microrganismi simili, e' racchiuso all'interno di strutture composte da membrane: si tratta di un livello di organizzazione decisamente piu' elevato, che e' possibile trovare in cellule molto piu' complesse. "Questa e' una novita' , ma il Dna risulta atipico anche per le sue dimensioni", aggiunge la docente della Sapienza: "e' circa tre volte quello di un batterio medio e lo stesso vale per il numero di geni".

Secondo gli autori dello studio, l'insieme di queste straordinarie caratteristiche potrebbe aver permesso al batterio gigante di raggiungere le sue dimensioni fuori dal comune. Resta pero' ancora aperta la domanda su come e perche' questi organismi si siano evoluti in questo modo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Piscine condivise e materassini gonfiabili, le novità per la rovente estate 2022

Anche in Italia arriva l'airbnb delle piscine

Lifestyle Tempo Libero
Chiudi In piscina con gonfiabili divertenti - foto iStock. (ANSA) In piscina con gonfiabili divertenti - foto iStock.

 La novità della rovente estate 2022 potrebbe essere una sorta di ‘democratizzazione’ delle piscine private. Chi ne possiede una potrebbe condividerla, anche noleggiandola facendo superare le ore più calde ai vicini. Per gli amanti di ciambelle e materassini, invece, il borsino dei galleggianti più cool (e costosi) vede tra i più ambiti quelli inglesi creati da Oliver James, come il divano galleggiante bianco con toppe colorate (modello Lilo of Love) dedicato alla comunità LGBTQ+ (in tiratura limitata, in vendita solo online su oliverjameslilos.com a 975 euro e spedizioni in tutto il mondo) o il divano-materassino (sold out in poche settimane) doppio a righine e dall’effetto stoffa, ideale sia in acqua che in giardino. Tra i gonfiabili più popolari ed economici (e perciò i più instagrammati) si segnala invece il lama cavalcabile (per i più piccoli), il cammello (con le gobbe che fanno da sella), la ciambella a forma di medusa (BigMouth Giant Jellyfish Pool Foat) oltre ai già noti materassini hot-dog, cupcake e fette di pizza. Tra i gonfiabili per bambini più venduti al momento su Amazon, in cima resistono i grandi classici come la ciambella- donut di tutti i colori e la mini piscina con alligatore con spruzzo, ma per l’estate più bollente degli ultimi anni l’offerta di idromassaggi gonfiabili, borse frigo, lettini, sdraio, dondoli sospesi anni '60, amaca, bottiglie termiche, ventilatori, ammazza zanzare e giochi per la piscina e il giardino di sprecano.
In Italia il fenomeno delle piscine condivise è nascente e ce ne sono ancora poche, circa una trentina per adesso iscritte alla nuova app Swimmy di origine francese e ribattezzata l’airbnb delle piscine (scaricabile sul proprio smartphone, attualmente conta in Europa 200.000 utenti e 4800 proprietari che offrono la propria vasca openair), ma il numero sembra essere destinato ad aumentare, dicono gli ideatori del servizio. Con lo smartphone si possono scegliere le piscine nei dintorni della propria residenza, quelle dei sogni oppure nei luoghi più belli della penisola e prenotare gli ingressi per sé e per i propri amici o figli. Lo swimming domestico condiviso piacerà?  Tra le piscine in offerta su Swimmy si segnala quella sui tetti milanesi nei pressi di Corso Como, oppure all’ombra dei tigli (con possibilità di usare anche il barbeque) a San Felice al Cancello (provincia di Caserta, accanto alla foresta di Roccarainola) e quella a sfioro con panorama sul Mugello e vista sul lago di Bilancino.
Tra bonus ristrutturazione, nuovi sistemi di risparmio e riciclo dell’acqua per evitare sprechi e incentivi, le piscine in Italia non mancano e sono anche aumentate, come dimostra una ricerca condotta da Deloitte per Assopiscine di fine 2021: la richiesta di farne nuove è cresciuta del 12% rispetto al 2019, con un mercato pari a 1 miliardo di euro. Nello scenario Europeo l’Italia si posiziona quarta per valore di mercato, preceduta dalla Francia con un circa 2,5 miliardi, dalla Germania (verso 1,5 miliardi) e dalla Spagna (circa 1,4 miliardi).  “Nel 2021 abbiamo registrato un aumento del 30%, rispetto all’anno precedente, nelle vendite dei sistemi di trattamento acqua, con un forte incremento soprattutto nell’ambito residenziale, che rappresenta circa il 40% dell’intero business piscine, – afferma Guido Kappler, direttore Culligan Italia. - Un dato significativo se si pensa che di questo il 35% è rappresentato da nuove realizzazioni, mentre il restante 5% è invece riferito ad attività di revamping delle piscine già costruite anche in chiave eco friendly, con l’uso di materiali che l’isolamento termico a con un abbattimento del 90% dell’uso dell’acqua di lavaggio". Tra le novità le piscine con idromassaggio gonfiabili di misure contenute, che si possono anche posizionare su balconi e terrazze piane, come Lay-Z-Spa Honolulu Airjet Bestway (anche da Kasanova).
Per vincere la calura estiva anche i parchi divertimento sono attrezzati e aperti per la stagione come Mirabeach, il parco acquatico adiacente a Mirabilandia: spiaggia, piscine, scivoli per i più coraggiosi come Vuelta Vertigo a forma di “V” da affrontare in canotto, oppure Cobra con una caduta libera a circa 50 km all’ora. Inoltre piscina con le onde (di 2.000 metri quadri), ombrelloni con lettini e punti ristoro. Con i gommoni si può scendere lungo i 170 metri del Rio Diablo oppure fare un salto di 10 metri (Salto Tropical).  Oppure laguna con getti idromassaggio, giochi per bambini,  lettini balinesi, gazebo e ville per gruppi fino a 6 persone (il parco resta aperto fino alle ore 19, info su https://mirabeach.mirabilandia.it/.  Tra i parchi acquatici più noti nella penisola, ci si può già rinfrescare anche all'Ondaland (il più grande d'Italia) a Vicolungo (Novara) , all'Acquafan di Riccione, al Carrisiland Acquapark a Cellino San Marco (Brindisi) e all'Acquavillage di Follonica (Grosseto).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Da Taylor Swift a Cher, 'Decenni di battaglie per i diritti delle donne spazzati via'

Hollywood protesta contro la sentenza della Corte Suprema che ha di fatto annullato il diritto all'aborto negli Stati Uniti

Lifestyle People
Chiudi US singer Taylor Swift (ANSA) US singer Taylor Swift

Sulla scia della decisione della Corte Suprema di ribaltare Roe v. Wade, ponendo così fine al diritto all'aborto per milioni di persone in tutto il paese, le donne di Hollywood si stanno mobilitando per sostenere i fondi per l'aborto, l'azione legislativa e le storie che rafforzano narrazioni importanti e diverse su la questione. Intanto le celebrities americane prendono posizione sui social contro la sentenza della Corte Suprema che ha di fatto annullato il diritto all'aborto negli Stati Uniti. Citando l'ex first lady Michelle Obama, la pop star Taylor Swift, scrive su Twitter: "Sono assolutamente terrorizzata dal fatto che questo è il punto a cui siamo arrivati. Che dopo decenni di lotte per i diritti delle donne ad avere il controllo del proprio corpo, la decisione di oggi ci ha privato di tutto"

"Purtroppo la decisione odierna della Corte Suprema toglie l'autonomia corporea a metà della nostra popolazione", ha scritto su Twitter Geena Davis, che ha fondato l'organizzazione di ricerca senza scopo di lucro Geena Davis Institute on Gender in Media . “Raddoppieremo i nostri sforzi per essere una voce per le donne e tutti gli esseri umani sottorappresentati. Abbiamo il cuore spezzato, ma il nostro lavoro qui e oltre continua". Per l'attore Mark Ruffalo, la Corte Suprema è stata "trasformata in un organo politico della destra religiosa", mentre l'attrice Jamie Lee Curtis condivide la sua esperienza e annuncia: "Come MADRE di due bambini nati da altre donne che hanno SCELTO di portarli a termine, farò TUTTO ciò che è in mio potere per proteggere i DIRITTI delle mie figlie di fare qualsiasi SCELTA sui LORO senza NESSUNA influenza o restrizione governativa".
    La modella e conduttrice tv Padma Lakshmi avverte sul rischio che "gli aborti non si fermeranno solo perché la Roe v. Wade è stata rovesciata. Ma si fermeranno solo aborti legali e sicuri". Mentre Danny De Vito su Twitter ha espresso il suo pensiero con un sintetico: "Corte suprema dei miei coglioni". "Oggi, la corte suprema estremista di Trump si è resa responsabile della morte di centinaia di migliaia di donne americane", è stato l'attacco duro di Cher su Twitter. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Toyota richiama suv elettrico bZ4X a due mesi dal lancio

Rischio distacco di una ruota per allentamento di un bullone

Motori Sicurezza
Chiudi Toyota richiama suv elettrico bZ4X a due mesi dal lancio (ANSA) Toyota richiama suv elettrico bZ4X a due mesi dal lancio

Brutta partenza per il primo modello completamente elettrico del colosso Toyota, il suv bZ4X. A meno di due mesi dal lancio, l'azienda ha dichiarato che su indicazione del Ministero dei trasporti giapponese, 2.700 unità di questa serie verranno richiamate per il concreto rischio che "curve strette e frenate improvvise possano causare l'allentamento di un bullone del mozzo", provocando così il pericoloso distacco di una ruota.
    L'autorità di regolamentazione hanno consigliato ai conducenti di sospendere l'uso del veicolo fino a quando non sia stata adottata una misura di riparazione definita "permanente".
    Tutte le auto richiamate in Giappone - ha dichiarato Toyota - non facevano parte dei lotti da consegnare ai clienti poiché erano state predisposte per i test drive e l'esposizione. In Giappone il suv elettrico bZ4X non viene venduto ma offerto in locazione attraverso la divisione Toyota Kinto. L'azienda ha comunque ha annullato gli eventi promozionali di test drive pianificati in tre città giapponesi come misura di sicurezza.
    Secondo fonti locali dei 2.700 suv richiamati, solo 110 erano destinati al Giappone, mentre 2.200 erano per l'Europa, 260 per gli Stati Uniti e 10 per il Canada. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Mobilize punta su Italia per servizi finanziari e mobilità

Clotilde Delbos, Ceo 'nel 2030 auto più care, crescerà noleggio'

Motori Sotto la Lente
Chiudi Mobilize punta su Italia per servizi finanziari e mobilità (ANSA) Mobilize punta su Italia per servizi finanziari e mobilità

Assieme alla Spagna e naturalmente dopo la Francia, l'Italia resta uno dei territori strategici per la crescita di Mobilize, la marca del Gruppo Renault che è dedicata alle nuove mobilità e propone un'ampia gamma di servizi (finanziamento, assicurazione, pagamenti, energia, manutenzione e ricondizionamento dell'usato) e che ha anche preso il posto di RCI Bank.
    Lo ha ribadito nel corso di una tavola rotonda con la stampa italiana Clotilde Delbos vicedirettore generale del Gruppo Renault e Ceo di Mobilize in occasione del debutto del servizio di car sharing Zity a Milano.
    "Abbiamo cominciato in piena pandemia - ha detto - ma in meno di un anno abbiamo già attivato 15 servizi di car sharing Mobilize Share basati sulla rete dei nostri concessionari, una proposta che sta evolvendo sempre più come noleggio a breve termine con un elevato tasso di fidelizzazione, visto che oltre il 50% degli utenti lo ha già utilizzato una volta".
    E' stato Edmondo Pietranera, responsabile delle attività di Mobiiize in Italia, ha precisare che una caratteristica innovativa è rappresentata dalla presenza del car sharing in città di medie dimensioni. "puntiamo su aree come quelle di Bergamo, Modena, Empoli, Bologna ed anche i comuni vesuviani con le Zoe e, ultima arrivata, su Bologna dove mettiamo però a disposizione le Dacia Spring".
    La Delbos ha precisato che questa attività, come tutte quelle che Mobilize ha lanciato o sta lanciando, "nel 2030 dovrà arrivare a rappresentare il 20% del fatturato del Gruppo Renault". La previsione è che a quella data Mobilize sarà attiva con assicurazioni e servizi finanziari su 8 milioni di mezzi, cioè quasi il doppio della situazione attuale (4,7 milioni), e con una flotta di auto a noleggio pari a 1 milione di unità, di cui il 70% elettriche (oggi lo sono solo il 15% delle 350mila in flotta)- "Puntiamo a crescere molto nell'ambito delle auto in abbonamento - ha detto la Delbos - passando dalle attuali 8.000 ad almeno 150-200mila e con la nostra divisone Mobilize Power Solution nel business dei punti di ricarica. Oggi sono 22 mila, vogliamo arrivare ad attivarne 165mila".
    In termini di raggiungimento del 20% del fatturato del Gruppo entro il 2030 attraverso le attività di Mobilize, Clotilde Delbos ha spiegato che questa contribuzione in termine di ricavi proverrà per il 10% dal business tradizionale, per un altro 5% da attività di leasing, servizi assicurativi e di pagamenti, mentre il restante 5% sarà generato dal fatturato come operatore di mobilità e soluzioni energetiche, in cui l'Italia giocherà un ruolo primario. "Un cambiamento che è confermato da uno studio che abbiamo commissionato sul mercato Europa - ha detto - Vi si evidenzia come a fronte di una percentuale attuale di acquisti del nuovo per il 17% in contanti, per il 46% con finanziamento/leasing e per il 36% a noleggio, nel 2030 queste percentuali saranno completamente diverse. Le auto saranno più care, e il possesso diventerà più difficile. Ecco perché l'acquisto in contanti scenderà al 6%, i finanziamenti al 36% e il noleggio, che richiede esborsi più contenuti, al 62%. Così il segmento del leasing operativo e del noleggio compresi gli abbonamenti salirà da un valore attuale di 97 a 178 miliardi di euro".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Nissan: entro l'anno 5 le novità elettrificate

Scossa per Ariya, Juke, Townstar, Qashqai e X-Trail

Motori Eco Mobilità
Chiudi Nissan: entro l'anno 5 le novità elettrificate (ANSA) Nissan: entro l'anno 5 le novità elettrificate

Nissan propone 5 nuovi modelli da qui alla fine dell'anno per accelerare sulla strada che porta all'elettrificazione. "Nel 2019, prima del periodo pandemico, le auto elettrificate incidevano per il 7% del mercato. Nei primi 5 mesi del 2022 questa percentuale è salita al 43%". A spiegarlo, Marco Toro, presidente e A.D. di Nissan Italia. "Una tendenza rapidissima - aggiunge il manager - che all'interno conta una piccolissima fetta di veicoli 100% elettrici e una stragrande maggioranza di elettrificati". Il motivo delle scelte del mercato sono facilmente identificabili: limiti di percorrenza dettati dalla capienza delle batterie e, una rete infrastrutturale per le ricariche ancora insufficiente. Per ovviare a questi problemi, Nissan, con l'ultima generazione delle sue vetture, va incontro al cliente con un ventaglio di soluzioni. A cominciare da Ariya, il crossover 100% elettrico e una autonomia di 500 chilometri. Un veicolo che la Casa nipponica affianca a Leaf, l'auto sempre 100% elettrica, (570mila unità vendute nel mondo) che negli anni si è conquistata il titolo di bestseller per l'uso cittadino e le gite fuori porta.
    A queste due vetture, dopo l'estate si aggiungerà il Townstar, il furgone sempre 100% elettrico, nato per la movimentazione "dell'ultimo miglio". Guardando alle elettrificate è appena arrivato Juke Ibrido, il crossover compatto e la power unit condivisa nell'Alleanza (Renault, Nissan, Mitsubishi). Un propulsore di ultima generazione che permette di viaggiare in città prevalentemente in modalità 100% elettrica. All'aumentare della velocità il passaggio al termico avviene con continuità grazie alle caratteristiche di fluidità del cambio e della trasmissione. Notevoli i risparmi della benzina che fanno segnare un -40% in città e -20% nel combinato.
    A breve arriverà Qashqai E-Power vera novità nel panorama automobilistico: un motore elettrico per la propulsione e un generatore per consentire di portarsi sempre dietro la colonnina di ricarica. Una soluzione che offre le qualità di guida dell'elettrico ma senza le incombenze della spina. La vettura ha un generatore alimentato a benzina che fornisce l'energia necessaria alla ricarica delle batterie. Queste, a loro volta alimentano il motore elettrico per la propulsione. Con un pieno, viene garantita la percorrenza di mille chilometri.
    Dopo Qashqai, a novembre, arriverà anche X-Trail E-Power.
    Stessa propulsione con in più la tecnologia E-Force applicata alla trazione integrale (due motori elettrici per ogni asse). Per guardare con serenità al futuro, Toro, spiega quanto sia importante migliorare la tecnologia delle batterie per la quale il costo, oggi, incide fino all'80% di un veicolo EV. Per avvicinare l'auto elettrica ai consumatori sarà importante renderla "popolare" abbassando il prezzo di vendita. Per fare questo Nissan, ha già comunicato, l' intenzione di produrre batterie con tecnologia allo stato solido: accumulatori più densi, ricarica più veloce e un costo del 70% in meno. Ma per questo ci vuole ancora qualche anno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Torna l'onda arcobaleno a New York, mentre sui diritti gli Usa con la sentenza sull'aborto fanno passi indietro

Bandiera in realtà aumentata in cielo sopra Times Square

Lifestyle Società & Diritti
Chiudi gay pride a new york (ANSA) gay pride a new york

Le strade di New York si tingono di nuovo dei colori dell'arcobaleno. Dopo due anni di assenza a causa della pandemia torna la parata Pride. Il grande evento che celebra l'orgoglio Lgbtq+ e che nel 2019 ha festeggiato il 50/o anniversario, si svolge il 26 giugno con migliaia di persone a sfilare verso sud lungo la Fifth Avenue, partendo dalla 25/a strada per raggiungere il West Village, dove si trova anche il monumento nazionale dello Stonewall per poi risalire lungo la Settima Avenue fino a Chelsea. Una ricorrenza che capita proprio quando il tema dei diritti è messo in discussione dalla clamorosa decisione della Corte Suprema Usa che abolendo una setenza sul diritto all'aborto ha portato l'America indietro nel tempo, a prima del 1973. Una decisione che il presidente Joe Biden ha definito un "tragico errore".



    La parata di domenica è l'evento culminante che celebra il Pride Month (giugno è il mese dell'orgoglio Pride) intanto nei cinque borough della città sono state organizzate decine di manifestazioni, tra cui a Times Square che per la prima volta, in collaborazione con Playbill, la rivista che si occupa di teatro, ha organizzato un suo Pride. Per tutto il fine settimana 'Pride In Times Square' si mette in festa con esibizioni live, installazioni artistiche, dibattiti a tema e 'Polar Rainbow'.    Si tratta di una scultura in realtà aumentata di un doppio arcobaleno realizzata dall'artista Ancāns. Si eleva per circa 900 metri nel cielo sopra Times Square e per il pubblico è come avere un immenso arcobaleno sulla testa.
    Un'altra enorme bandiera Pride copre la gigantesca scalinata di Four Freedoms Park a Roosevelt Island mentre una realizzata con fiori ha fatto la sua comparsa a Chelsea.
    E in un momento in cui in diversi stati americani si cerca di limitare i diritti Lgbtq+ la città di New York va in controtendenza per raccontare invece la loro storia. Dal 2024 lo Stonewall di New York, il primo monumento nazionale Usa dedicato ai diritti e alle battaglie della comunità Lgbt+, avrà infatti un ufficio turistico. Si tratta del primo ufficio turistico all'interno del circuito dei parchi nazionali ad essere dedicato alla storia Lgbtq+ e alle rivolte del 1969 che partirono dallo Stonewall Inn, bar e nightclub nel West Village, spianando la strada alla nascita del movimento Lgbt. La struttura sarà collocata all'interno di uno spazio attualmente vuoto accanto allo StoneWall Inn, dichiarato monumento nazionale nel 2016 dall'allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama. L'ufficio turistico sarà finanziato completamente da donazioni e la cerimonia di posa della prima pietra si è svolta il 24 giugno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

A14: stop cantieri Marche-Abruzzo, tutte corsie disponibili

Sospensione fino 6 settembre per agevolare spostamenti estivi

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

Sull'autostrada A14 Bologna-Taranto, in particolare nel tratto marchigiano-abruzzese Pedaso-Val di Sangro, stamattina "le squadre della Direzione di Tronco di Pescara di Autostrade per l'Italia hanno completato le operazioni di rimozione dei cantieri di ammodernamento, come previsto dal cronoprogramma condiviso con le Istituzioni locali, sotto la supervisione del Ministero del Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile. Dalla tarda mattina, grazie all'interruzione delle lavorazioni, è stata ripristinata la viabilità su tutte le corsie disponibili, sia in direzione Nord che in direzione Sud". Lo comunica Autostrade per l'Italia.
    "L'interruzione delle lavorazioni, che proseguirà fino alla sera di martedì 6 settembre, - spiega la società - consentirà di garantire una maggiore fluidità al traffico per le settimane estive, caratterizzate da un incremento dei flussi di traffico per via degli spostamenti verso le località di mare e di rientro dalle vacanze verso le città". I cantieri, "da oggi sospesi nel tratto della A14 tra Pedaso e Val di Sangro, rientrano nel programma di ammodernamento e potenziamento che Autostrade per L'Italia sta portando avanti sulle principali infrastrutture della rete, secondo quanto previsto dalle più recenti linee guida del Ministero concedente".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Renault Digital: il GP delle auto autonome a Vivatech 2022

Nella DIY Robocars France la sfida tra mini-veicoli autonomi

Motori Componenti & Tech
Chiudi Renault Digital: il GP delle auto autonome a Vivatech 2022 (ANSA) Renault Digital: il GP delle auto autonome a Vivatech 2022

Non è stato un GP di Formula 1 ma tra prove libere, inseguimenti e giri cronometrati davanti ad una folla di visitatori lo spettacolo non è mancato di certo. Al Salone VivaTech 2022 si è svolta la "DIY Robocars France", una gara di mini-veicoli autonomi organizzata da Renault Digital. Il principio di questa competizione, nata negli Stati Uniti, consiste nel mettere insieme una decina di team composti da due-quattro persone con lo scopo di percorrere in modalità autonoma un circuito lungo 69 metri con auto su scala 1/10. Sono previste diversi tipi di prove: sprint cronometrato per due giri e confronto in pista tra due concorrenti, in stile inseguimento.
Per quanto riguarda il pilota, la diversità era d'obbligo. "Tra i concorrenti, ci sono lavoratori dipendenti, esperti di programmazione software, studenti in ingegneria, persone con background molto diversi tra loro. È stata questa la ricchezza di Robocars, il fatto di avere uno sguardo diverso sulle soluzioni da proporre per raggiungere uno scopo comune: rendere il veicolo completamente autonomo" spiega Olivier Bourrassé, Deputy Head of Technology di Renault Digital nonché organizzatore della gara.
I veicoli usati dai concorrenti erano inizialmente semplici automobili telecomandate come quelle che si comprano nei negozi, su cui sono stati integrati sensori e telecamere. "Una gara come Robocars permette ai concorrenti di far propria l'intelligenza artificiale e agli spettatori e al pubblico di comprenderla meglio o comunque demistificarla" conclude Olivier Bourrassé.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

In Italia tasso di aborti tra i più bassi al mondo

Relazione 2020, 5,4 ogni mille donne. 66mila interventi

Salute & Benessere Sanità
Chiudi Un reparto di ginecologia (ANSA) Un reparto di ginecologia

   Il numero di interruzioni volontarie di gravidanza in Italia continua a scendere ed i tassi di abortività sono tra i piu' bassi al mondo. Nel 2020 sono state poco piu' di 66mila, il 9,3% in meno rispetto al 2019 e circa un quarto rispetto al picco massimo di 234mila registrato nel 1983.
   
E cala, seppur lievemente, anche la quota di ginecologi obiettori: oltre il 60%, pero', invoca il diritto a non eseguire aborti.
    Nel giorno in cui gli Stati Uniti tornano indietro rispetto alla storica sentenza sull'aborto che ha garantito l'interruzione di gravidanza negli Stati, questo e' il quadro 2020 del nostro Paese fotografato dall'ultima Relazione del ministro della Salute al Parlamento. In Italia l'interruzione volontaria di gravidanza è regolata dalla Legge 194 del 1978 in base alla quale ogni donna può abortire entro i primi 90 giorni (12 settimane) di gestazione per motivi di salute, economici, sociali o familiari e che, quindi, dipendono dalla volontà della donna.

    Secondo i dati della Relazione, l'Italia e' tra i Paesi con i piu' bassi tassi di abortivita' al mondo: 5,4 interruzioni ogni mille donne tra i 15 e i 49 anni (-6,7% rispetto al 2019). La fascia di eta' in cui si registrano tassi piu' elevati e' quella compresa tra i 30 e i 34 anni (9,4 per mille). Sono invece le ragazze piu' giovani, al di sotto dei 20 anni, quelle in cui si e' registrato il calo piu' importante: -18,3%, con un tasso di abortivita' passato dal 3,7 per mille del 2019 al 3 per mille del 2020.

    Si riducono gli aborti anche nelle cittadine straniere, che tuttavia continuano ad avere tassi di abortivita' piu' alti rispetto alle italiane (12 per mille). Migliorano i tempi di esecuzione delle interruzioni di gravidanza con un aumento della percentuale di interventi effettuati precocemente, quindi a minor rischio complicanze: il 56% e' stato effettuato entro le 8 settimane di gestazione (rispetto al 53,5% del 2019), il 26,5% a 9-10 settimane, il 10,9% a 11-12 settimane e il 6,5% dopo la dodicesima settimana. Cio' potrebbe essere dovuto a un incremento del ricorso all'aborto farmacologico, che viene adoperato nel 31,9% dei casi rispetto al 24,9% del 2019. "La riduzione del numero di interruzioni osservata negli ultimi anni potrebbe essere in parte riconducibile all'aumento delle vendite dei contraccettivi di emergenza a seguito delle 3 determina Aifa che hanno eliminato l'obbligo di prescrizione medica".

    Infine, per quel che concerne l'obiezione, nel 2020, la percentuale di ginecologi obiettori su scala nazionale e' scesa al 64,6% rispetto al 67% dell'anno precedente. Esistono, tuttavia, ampie differenze regionali. Nella provincia autonoma di Bolzano esercita il diritto all'obiezione l'84,5% dei ginecologi, in Abruzzo l'83,8%, in Molise l'82,8%, in Sicilia l'81,6%, in Basilicata l'81,4%. I minori tassi di obiezione tra i ginecologi si riscontrano in Valle d'Aosta (25%). Piu' basso il tasso di obiezione tra gli anestesisti: nel 2020 e' pari al 44,6% in lieve aumento rispetto al 43,5% del 2019, con tassi che variano dal 20% della Valle d'Aosta al 75,9% della Calabria.   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Contrasto crimini informatici, intesa Polizia-Aeroporti Puglia

Per impedire ogni accesso illecito ai sistemi

Legalità & Scuola Altre News
Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - BARI, 24 GIU - Polizia di Stato e Aeroporti di Puglia siglano l'accordo sulla prevenzione e il contrasto dei crimini informatici. La convenzione, firmata dalla prefetta Daniela Stradiotto, direttrice centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i Reparti Speciali e da Antonio Maria Vasile, presidente di Aeroporti di Puglia, rientra nell'ambito delle direttive impartite dal Ministro dell'Interno per il potenziamento dell'attività di prevenzione alla criminalità informatica. Il Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche da anni si occupa della tutela delle reti informatiche di realtà, sia pubbliche che private, di rilievo nazionale e di importanza strategica per il Paese, favorendo la collaborazione e condivisione delle informazioni su tutto il territorio nazionale. Aeroporti di Puglia in quanto concessionaria degli aeroporti di Bari, Brindisi, Foggia, Grottaglie si occupa della progettazione, sviluppo, realizzazione, adeguamento, gestione, manutenzione e uso degli impianti e delle infrastrutture aeroportuali, comprensivi dei beni demaniali, attraverso sistemi informatici che sono pertanto da considerarsi infrastrutture critiche di interesse nazionale.
    L'accordo sottoscritto ha come finalità prevenire e contrastare ogni forma di accesso illecito ai sistemi informatici, anche tentato, per vietare interruzione dei servizi di pubblica utilità, la indebita sottrazione di informazioni, attacchi cibernetici. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Cartabia visita comunità "alternativa" a carcere

Incontro con fondatore de La Collina don Ettore Cannavera

Legalità & Scuola Istruzione in carcere
Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - SERDIANA, 24 GIU - Visita della ministra della Giustizia Marta Cartabia alla comunità "La Collina", impegnata nel recupero dei giovani entrati nel circuito penale. La Guardasigilli a Serdiana ha parlato con lo storico fondatore don Ettore Cannavera e con Carlo Renoldi, capo del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria in un incontro che ha coinvolto istituzioni e addetti ai lavori.
    È stata la tappa conclusiva di un tour di Cartabia iniziato ieri a Sassari per parlare di "giustizia riparativa" e continuato oggi prima nell'aula magna della Corte di appello del tribunale di Cagliari e poi, in tarda mattinata, nell'istituto penitenziario di Uta per presentare un progetto di lavoro carcerario avviato in otto città.
    La comunità è stata fondata dallo stesso don Cannavera oltre vent'anni fa per offrire un'alternativa a giovani condannati al carcere. "Un'idea scaturita da un lato dalla convinzione che il carcere non è uno strumento efficace di recupero e di reinserimento nella società, ma piuttosto una scuola di quella stessa devianza che si prefigge di combattere; dall'altro dalla consapevolezza che i ragazzi puniti con la detenzione, prima ancora che essere colpevoli sono stati vittime di gravi omissioni educative - è l'intento della comunità - Occorre dunque portare l'attenzione della società sulle responsabilità che essa stessa ha nel provocare quel disagio cui il giovane risponde compiendo un atto illegale. Da qui la proposta di togliere dal carcere i ragazzi per inserirli in un contesto educativo centrato sulle risorse umane". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Mercedes Vision EQXX: record di efficienza per il concept

Oltre 1.000 Km percorsi tra Stoccarda e Silverstone

Motori Eco Mobilità
Chiudi Mercedes Vision EQXX: record di efficienza per il concept (ANSA) Mercedes Vision EQXX: record di efficienza per il concept

Dalle parole ai fatti: presentata nella scorsa edizione del CES di Las Vegas sotto forma di concept rivoluzionario in termini di autonomia, la Mercedes-Benz Vision EQXX onora le aspettative percorrendo oltre 1.000 km con una sola carica. Dopo il suo primo viaggio da record da Stoccarda a Cassis (Francia) ad aprile, il prototipo ha alzato ulteriormente il livello, con un viaggio di 1.202 chilometri tra Stoccarda e Silverstone, nel Regno Unito.

VISION EQXX ha attraversato il confine francese vicino a Strasburgo, quindi ha attraversato la Francia settentrionale a velocità autostradale fino a Calais, per poi arrivare nel Regno Unito attraverso l'Eurotunnel. Dopo aver fatto visita alla sede del team Mercedes AMG F1 a Brackley, la VISION EQXX si è diretta a Silverstone dove è stata accolta dal pilota del Team Mercedes-EQ di Formula E Nyck de Vries. L'olandese si è divertito al volante girando al massimo sull'iconico circuito britannico. Ha completato 11 giri, utilizzando l'ultimo residuo di carica in pit lane. Durante tutto il viaggio, VISION EQXX ha registrato un consumo medio di 8,3 kWh/100 km, con traffico intenso e temperature estive.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Audi: il progresso tecnologico nello scambio con H-Farm

Al campus tre appuntamenti per parlare di innovazione

Motori Componenti & Tech
Chiudi Audi: il progresso tecnologico nello scambio con H-Farm (ANSA) Audi: il progresso tecnologico nello scambio con H-Farm

Giunta al quinto anno, prosegue così la partnership fra Audi ed H-FARM, la piattaforma di innovazione più grande in Europa che aiuta i giovani e le imprese a comprendere la trasformazione digitale e ad affrontare le sfide del domani con le giuste competenze. Proprio all'interno del nuovo Campus di H-FARM, in cui studenti, imprenditori, startupper e appassionati di innovazione si confrontano in un continuo scambio di progettualità, ha preso vita il talk "Re-generate Lives", la prima tappa di un viaggio-racconto per parlare di innovazione, attraverso momenti di confronto tra personaggi che sono protagonisti del cambiamento.
    Un secondo appuntamento "Re-generate Culture" si terrà durante Futureshots, il festival sull'innovazione di H-FARM, in programma il 30 settembre - 1 ottobre nel Campus di Ca' Tron, mentre l'ultimo appuntamento "Re-generate Business model" è previsto a fine ottobre. Presenti sul palco di Audi "Re-generate Lives", oltre al Direttore di Audi Italia Fabrizio Longo, il regista Gabriele Mainetti, la professoressa e ricercatrice universitaria presso l'Oxford Internet Institute Mariarosaria Taddeo, Hannes Krcmar, Responsabile per l'In-Car Entertainment in AUDI AG e l'economista e consulente strategico Nicolò Andreula.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

20 artisti per 20 borghi, torna Una Boccata d'Arte

Dal 25 giugno al 18 settembre la terza edizione

ViaggiArt Bellezza
Chiudi 20 artisti per 20 borghi, torna Una Boccata d'Arte (ANSA) 20 artisti per 20 borghi, torna Una Boccata d'Arte

Venti artisti per venti borghi italiani: parte domani la terza edizione di Una Boccata d'Arte, progetto di Fondazione Elpis realizzato in collaborazione con Galleria Continua e con la partecipazione di Threes Productions, che fino al 18 settembre porterà installazioni, mostre e performance di 20 artisti in ogni regione, valorizzando l'incontro tra arte e patrimonio storico, artistico e paesaggistico.
    Nato nel 2020 in piena pandemia, Una Boccata d'Arte è un itinerario culturale: ogni anno invita a scoprire 20 nuovi borghi italiani che diventano scenario delle opere di 20 artiste e artisti di differenti età, culture e provenienze geografiche.
    Un contributo per riscoprire angoli d'Italia lontani dai principali flussi turistici e dai circuiti dell'arte.
    Gli artisti sono stati invitati a realizzare interventi site-specific ispirati alla storia e all'identità dei borghi: i progetti hanno visto la luce dopo un periodo di residenza nei borghi, con l'affiancamento in ogni fase progettuale di un coordinatore locale.
    Per questa edizione, si spazia fra tante forme d'arte diverse: dalla pittura alla scultura fino alla fotografia, al video, al suono e alla performance, frutto del dialogo e dell'incontro con la comunità, le maestranze e gli artigiani locali. i borghi e gli artisti selezionati sono: Antonio Della Guardia a Morgex (AO) in Valle d'Aosta; Natália Trejbalová a Neive (CN) in Piemonte; Alice Ronchi a Montemarcello (SP) in Liguria; Alina Kleytman a Cigognola (PV) in Lombardia; Giulia Mangoni a San Lorenzo Dorsino (TN) in Trentino-Alto Adige; Lucia Cantò a Malamocco (VE) in Veneto; Riccardo Benassi a Pesariis (UD) in Friuli-Venezia Giulia; Diana Policarpo a Montegridolfo (RN) in Emilia-Romagna; Serhiy Horobets a Sorano (GR) in Toscana; Luis López-Chávez a Panicale (PG) in Umbria; Eva Marisaldi a San Costanzo (PU) nelle Marche; Dessislava Madanska a Fumone (FR) nel Lazio; Victor Fotso Nyie a Rocca San Giovanni (CH) in Abruzzo; Tommaso Spazzini Villa a Castropignano (CB) in Molise; Fabrizio Bellomo ad Albori (SA) in Campania; Simone Bacco a Spinazzola (BT) in Puglia; Hanne Lippard a Grottole (MT) in Basilicata; Anna Zvyagintseva a San Donato di Ninea (CS) in Calabria; Isaac Chong Wai a Castiglione di Sicilia (CT) in Sicilia; Ludovica Carbotta ad Aggius (SS) in Sardegna. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Traffico patenti sul web con finto Portale dell'automobilista

Scoperto da Polizia Locale Milano, cloni di documenti reali

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

La Polizia locale di Milano ha scoperto e bloccato un commercio sul web di patenti false che avveniva tramite un finto 'Portale dell'Automobilista' e veniva pubblicizzato sui social e su canali Telegram gemelli, ora resi non operativi così come il portale.
    Proprio sui social gli agenti hanno scoperto la truffa nel corso di un monitoraggio della rete, quando sono incappati in pubblicità che promuovevano un metodo semplice ed economico per ottenere la patente in poche ore senza alcun esame. Le indagini, partite nel primo trimestre di quest'anno, si sono concentrate su alcuni soggetti del centro Africa con contatti con diverse parti d'Italia e hanno fatto emergere un raggiro internazionale sul web. I documenti contraffatti, venduti mediamente al prezzo di 150 euro, erano spesso semplicemente patenti reali ritoccate con applicazioni grafiche. Venivano proposte tramite numerosi profili social ma anche da un sito che operava a livello internazionale e attraverso il quale era possibile acquistare il documento abilitativo di guida.
    Il gruppo era bene organizzato al punto da realizzare persino un clone del 'Portale dell'Automobilista' che appariva identico a quello gestito dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ma che variava nel nome del dominio di una sola consonante. Le vittime del raggiro, persone disperate per aver perso la patente e soprattutto persone straniere che, appena giunte in Italia, ignoravano completamente l'iter per l'ottenimento del documento di guida, dopo aver visto l'anteprima del documento realizzato, erano invitate dai venditori a verificare la veridicità inserendo il numero di matricola nel portale ufficiale che ovviamente dava esito positivo.
    Gli autori della truffa sono ancora in corso di identificazione attraverso la tracciatura degli Ip e l'attività investigativa è in corso ma dopo la scoperta della truffa i canali individuati sono stati resi non operativi.   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Trasporto spaziale, software italiano traccia le spedizioni

Sviluppato da D-Orbit, sfrutta il cloud di Amazon

Scienza & Tecnica Spazio & Astronomia
Chiudi L’ION Satellite Carrier (fonte: D-Orbit) (ANSA) L’ION Satellite Carrier (fonte: D-Orbit)

Sviluppato in Italia un software che permette ai 'corrieri spaziali' di tracciare le loro spedizioni in orbita, proprio come accade con i pacchi sulla Terra: il programma si chiama 'Aurora' ed è stato messo a punto dalla società di logistica spaziale e trasporto orbitale D-Orbit, che lo ha presentato all'Aws Summit Milano, il principale evento annuale dedicato ai servizi cloud di Amazon Web Services (Aws).

"Il settore del trasporto e della logistica spaziale è in continua crescita da quando è diventato possibile lanciare satelliti piccoli e poco costosi che sono alla portata di molte aziende private e centri di ricerca", spiega Sergio Mucciarelli, a capo delle soluzioni software di D-Orbit. "Con il nostro cargo Ion, per esempio, che è grande quanto una lavatrice e pesa poco più di 200 chili da carico, trasportiamo in orbita satelliti che partono da dimensioni molto ridotte di 10 centimetri cubi". Ad oggi sono già sei i cargo Ion lanciati: il primo nel 2020, l'ultimo lo scorso 25 maggio. "Entro l'anno ne lanceremo altri tre, mentre nel 2023 ne manderemo in orbita 13", precisa l'esperto.

"Fin dal lancio del primo satellite ci siamo posti il problema di avere un software per il controllo di missione, che permettesse ai nostri clienti di seguire il satellite dal lancio fino all'arrivo in orbita, facendo l'analisi della telemetria e inviando comandi a distanza. Per ridurre i costi - continua Mucciarelli - abbiamo deciso di sviluppare il software in casa, consapevoli che l'uso del cloud sarebbe stato il modo migliore per avere un sistema flessibile, scalabile e affidabile". Il software Aurora ha così cominciato a operare appoggiandosi ai servizi cloud di Amazon Web Services (Aws); poi, a fine del 2020, D-Orbit ha deciso di sfruttare anche l'infrastruttura globale di antenne messa a disposizione da Aws Ground Station. "In questo modo – conclude Mucciarelli - siamo diventati più efficaci nello sfruttare la piccola finestra di visibilità di soli sette minuti che permette di comunicare con il satellite".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

La Corte suprema Usa abolisce la sentenza sul diritto all'aborto. Texas e Missouri primi stati a vietarlo

New York: "Qui siete le benvenute". Biden: "Tragico errore per un'ideologia, a rischio la salute e la vite delle donne"

Lifestyle Società & Diritti
Chiudi Proteste davanti a Corte Suprema dopo la decisione sull'abolizione della sentenza sull'aborto (ANSA) Proteste davanti a Corte Suprema dopo la decisione sull'abolizione della sentenza sull'aborto

La Corte suprema statunitense ha abolito la storica sentenza Roe v. Wade con cui nel 1973 la stessa Corte aveva legalizzato l'aborto negli Usa.  "La Costituzione non conferisce il diritto all'aborto", si legge nella sentenza. La decisione è stata presa da una Corte divisa, con 6 voti a favore e 3 contrari. Ora quindi i singoli Stati saranno liberi di applicare le loro leggi in materia. Già Texas e Missouri rendono l'aborto illegale. Lo Stato di New York assicura: "Qui resta possibile". Interviene anche l'Onu: abolire il diritto ad abortire è "un colpo terribile ai diritti umani delle donne". 

IL DISCORSO DI BIDEN - "Oggi è un giorno triste per la Corte suprema e il Paese": lo ha detto Joe Biden. "La Corte suprema Usa ha portato via un diritto costituzionale", ha detto. Ribaltare la sentenza è "un tragico errore", frutto di una "ideologia estrema" dominante nella Corte suprema Usa, ha sottolineato il presidente parlando dalla Casa Bianca e ammonendo che ora "sono a rischio la salute e la vite delle donne nel Paese". Biden ha lanciato un appello a Capitol Hill per ripristinare la sentenza sul diritto all'aborto come legge federale, dopo che la Corte suprema Usa l'ha abolita. "Ora la palla passa al Congresso", ha detto, promettendo che la sua amministrazione resterà vigile.

LE CONSEGUENZE - Il divieto di aborto è atteso entrare in vigore in 13 stati americani nei prossimi 30 giorni. Si tratta di stati repubblicani che hanno approvato leggi stringenti sull'aborto legandole all'attesa decisione della Corte Suprema sulle Roe v. Wade. I 13 stati possono vietare l'aborto in 30 giorni eccetto nei casi in cui la vita della madre è in pericolo. Il Missouri ha annunciato di essere il "primo" stato a vietare l'aborto, che ora è illegale anche in Texas con effetto immediato. Tre Stati liberal della costa pacifica - California, Oregon e Washington - hanno annunciato un impegno comune a difendere i diritti d'aborto. "L'accesso all'aborto è un fondamentale diritto umano e resta sicuro, accessibile e legale a New York", assicura il governatore dello Stato Kathy Hochul. Le fa eco il sindaco della Grande Mela, Eric Adams. "Qui siete le benvenute", assicura Adams.

I GIUDICI CONTRO - "Tristemente", molte donne "hanno perso una tutela costituzionale fondamentale. Noi dissentiamo", affermano i giudici liberal Sonia Sotomayor, Elena Kagan e Stephen Breyer. I tre giudici hanno votato contro la decisione di capovolgere la storica sentenza.

LE PROTESTE IN PIAZZA - Fuori dalla Corte Suprema degli Stati Uniti è scoppiata la protesta, pochi minuti dopo che i massimi giudici hanno abolito il diritto all'aborto. I manifestanti stanno aumentando ogni minuto che passa, c'è anche un contigente di anti-abortisti che si sono abbracciati e hanno esultato alla notizia che la Corte Suprema ha rovesciato la storica sentenza 'Roe v. Wade'.

LE REAZIONI POLITICHE NEGLI USA - Una decisione "crudele" e "scandalosa", afferma la speaker della Camera negli Usa, la democratica Nancy Pelosi. Alle elezioni di novembre, aggiunge, ci sono in gioco i diritti delle donne. L'aborto è "stato un diritto per 50 anni": la decisione della Corte Suprema è un "insulto" per le donne, aggiunge Pelosi, assicurando che i democratici continueranno a battersi per le donne e per i diritti. "La vita ha vinto", dice l'ex presidente americano Mike Pence. Barack Obama critica la Corte Suprema, accusandola di aver "attaccato le libertà fondamentali di milioni di americani". Una decisione "coraggiosa" e "corretta. È una storica vittoria per la costituzione e la società", sostiene il leader dei repubblicani in Senato, Mitch McConnell. "Plaudo a questa storica sentenza che salva vite umane", twitta il leader dei repubblicani alla Camera, Kevin McCarthy. "E' la volonta' di Dio", afferma Donald Trump. "La teoria legale rivendicata dalla Corte Suprema per ribaltare la Roe v Wade mette a rischio anche altri diritti". Lo afferma il vicepresidente Kamala Harris, assicurando che la decisione dei saggi sull'aborto "non chiude la partita. Gli elettori hanno l'ultima parola"

NEL MONDO - Abolire il diritto ad abortire è "un colpo terribile ai diritti umani delle donne". Lo afferma l'Onu dopo la decisione della Corte Suprema Usa. Boris Johnson ha condannato la decisione come "un grande passo indietro". Interpellato al riguardo a margine del vertice dei leader del Commonwealth in Ruanda, il premier conservatore britannico è stato netto: "Io ho sempre creduto nel diritto di scelta delle donne", ha tagliato corto. Reazioni di denuncia della svolta del grande alleato americano sono venute nel Regno Unito anche da organizzazioni per i diritti civili e da esponenti di tutti i maggiori partiti. Mentre alcune decine di persone si sono raccolte di fronte all'ambasciata di Washington a Londra per una protesta.

"L'aborto è un diritto fondamentale per tutte le donne. Bisogna proteggerlo. Esprimo la mia solidarietà alle donne le cui libertà sono oggi rimesse in discussione dalla Corte suprema degli Stati Uniti". Lo scrive su Twitter in francese e inglese il presidente francese Emmanuel Macron.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Mercedes Trucks eActros LongHaul, si ricarica con 1 megawatt

500 km autonomia per il lungo raggio. Debutto a IAA Hannover

Motori Prove e Novità
Chiudi Mercedes Trucks eActros LongHaul, si ricarica con 1 megawatt (ANSA) Mercedes Trucks eActros LongHaul, si ricarica con 1 megawatt

Il prossimo 20 settembre sarà certamente uno dei protagonisti dell'evento biennale IAA Transportation che, alternandosi a Hannover con IAA Munich, mette in mostra lo stato dell'arte della tecnologia e dell'innovazione dedicata in questo caso al trasporto merci su gomma. Parliamo del gigante elettrico e-Actros LongHaul, un camion elettrico per servizi a lungo raggio che verrà esposto da Mercedes-Benz Trucks come prototipo, in vista del suo debutto nel 2024.
"L'elettrificazione del trasporto pesante su lunghe distanze è la prossima pietra miliare della nostra strada verso la neutralità delle emissioni di CO2 - ha affermato Karin Rådström, Ceo di Mercedes-Benz Trucks - e il nuovo eActros LongHaul è un veicolo elettrico a batteria progettato per essere economicamente competitivo per i nostri clienti". Le prime idee per il camion elettrico da 40 tonnellate erano stati rivelati per la prima volta nel 2020 e l'eActros LongHaul che sarà mostrato in settembre all'IAA Transportation (e di cui sono stati diffusi alcuni bozzetti) offre un'anteprima del design del veicolo di serie.
Alcuni prototipi sono già sottoposti a test intensivi e - si legge nella nota - quest'anno l'eActros LongHaul sarà testato su strade pubbliche mentre nel 2023 esemplari di pre-produzione saranno consegnati per i test di utilizzo nel mondo reale ad alcuni clienti selezionati. Con una singola carica della batteria, eActros LongHaul avrà un'autonomia di circa 500 chilometri e consentirà una ricarica ad alte prestazioni, o la cosiddetta 'ricarica da megawatt'.
Le batterie utilizzate nell'eActros LongHaul utilizzano la tecnologia delle celle al litio-ferro fosfato (LFP) e sono caratterizzate da una lunga durata e soprattutto da una maggiore energia utilizzabile. Possono essere caricate passando dal 20 all'80% in molto meno di 30 minuti in una stazione di ricarica con una potenza di circa un megawatt.
Con eActros LongHaul, Mercedes-Benz Trucks allargherà la sua offerta di camion elettrici visto che l'eActros per servizi di distribuzione è in produzione nello stabilimento di Wörth dall' ottobre 2021 e tra pochi giorni - in luglio - verrà avviata la fabbricazione dell'eEconic per i servizi urbani. Mercedes-Benz Trucks persegue l'obiettivo di aumentare la percentuale di nuovi veicoli a emissioni zero in Europa a oltre il 50% entro il 2030.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Covid: 55.829 contagi, 51 le vittime. Rezza avverte: "Mascherine in caso di folla"

In aumento terapie intensive (+9) e ricoveri ordinari (+141)

Salute & Benessere Sanità
Chiudi Folla e assembramenti nelle vie del centro di Torino. Immagine d'archivio (ANSA) Folla e assembramenti nelle vie del centro di Torino. Immagine d'archivio

La 'risalita' del virus SarsCoV2 diventa sempre più marcata e questa settimana fa registrare in Italia indici in netta crescita: schizzano, infatti, sia l'incidenza dei casi che raggiunge il valore di 504 per 100mila abitanti, sia l'indice di trasmissibilità Rt che tocca quota 1,07 superando così la soglia dell'unità, cosa che non accadeva dallo scorso aprile. 

Sono 55.829 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 56.166. Le vittime sono invece 51, in calo rispetto alle 75 di ieri. Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici e molecolari, 238.069 tamponi con il tasso di positività al 23,4%, in aumento rispetto al 22,6% di ieri.
   
Sono invece 225 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, nove in più nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 29. I ricoverati nei reparti ordinari sono 5.205, ovvero 141 in più di ieri.  


L'aumento dei contagi è trainato dalla prevalenza in costante crescita della sottovariante Omicron BA.5, molto più contagiosa. Secondo gli ultimi dati Iss, è infatti passata dal 23,1% della scorsa settimana al 34,4% secondo il dato aggiornato al 23 giugno. Un trend epidemico in salita a seguito del quale nessuna Regione si classifica questa settimana come a rischio 'basso'.

Sulla base di questi dati, gli esperti esortano alla prudenza. "Data l'elevata velocità di circolazione virale - avverte il direttore Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza - è bene ricordare che si può ridurre il rischio di trasmissione dell'infezione utilizzando le mascherine, soprattutto in presenza di grandi aggregazioni di persone, e allo stesso tempo proteggere le persone più fragili e anziane con l'ulteriore dose booster".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

A settembre torna Gender Bender e festeggia il ventennale

Appello del festival per raccogliere le proprie immagini simbolo

Lifestyle Società & Diritti
Chiudi  (ANSA)

Gender Bender, il festival bolognese dedicato alla ricerca artistica e culturale attorno al genere e all'orientamento sessuale, si prepara a festeggiare la sua ventesima edizione, dal 9 al 22 settembre. E coglie l'occasione per dare "carta bianca" alla città di Bologna per scegliere l'immagine che lo rappresenterà.
    Nell'arco di venti edizioni Gender Bender ha contato circa 360.000 presenze, con 1.700 appuntamenti sparsi in 245 luoghi della città. Per l'edizione del ventennale il festival ha deciso di scommettere sul legame speciale e duraturo con il territorio, la sua comunità ampia che va molto oltre i confini della comunità Lgbtq, lanciando un invito a inviare l'immagine che secondo loro meglio racconta il festival e la relazione che ciascuno o ciascuna ha costruito con esso in questi anni.
    Queste immagini andranno a caratterizzare i luoghi del festival nell'edizione alle porte e saranno protagoniste dell'appuntamento che Gender Bender dedicherà ai festeggiamenti per il ventennale.
    Per l'edizione 2022, in programma al Giardino del Cavaticcio e in altri luoghi cittadini, sono già confermati tre appuntamenti con la danza internazionale: ci saranno il coreografo belga Jan Martens con la prima nazionale di 'Elisabeth gets her way', il coreografo israeliano Michael Getman, che presenta 'AM I' e la francese di origini malgasce Soa Ratsifandrihana. Confermata anche la proiezione del film Stop Zemlia, opera prima della regista ucraina Kateryna Gornostai, insignita dell'orso di cristallo alla Berlinale.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Alfa Romeo: la Formula 1 in città per i 112 anni del brand

La celebrazione con la monoposto in giro per le vie del centro

Motori Attualità
Chiudi Alfa Romeo: la Formula 1 in città per i 112 anni del brand (ANSA) Alfa Romeo: la Formula 1 in città per i 112 anni del brand

Per una volta non si tratta del tradizionale GP nella vicina Monza, ma le celebrazioni per il 112° anniversario di un brand come Alfa Romeo, profondamente radicato nel territorio lombardo. Questa mattina Milano si è svegliata con il rombo della C42, la monoposto di Formula 1 impegnata nel mondiale 2022 con i piloti Valtteri Bottas e Guanyu Zhou. Un modo decisamente insolito ed unico per celebrare un brand che ha fatto la storia del motorsport entrando nel cuore di tutti gli appassionati, non solo italiani.

La monoposto F1 che abitualmente sfreccia nei circuiti di tutto il mondo ha percorso le vie del centro di Milano partendo da piazza Duomo e attraversando i luoghi più iconici. Tra questi, piazza San Babila, Porta Nuova, la maestosa stazione centrale, il quartiere City Life per terminare il suo tour cittadino proprio a Gattamelata, luogo dal forte significato storico. Qui nel 1910 sorgeva il Portello, primo sito produttivo Alfa Romeo che oggi è sede del nuovo Flagship store del marchio, primo showroom al mondo che introduce la nuova Brand Identity Alfa Romeo. Il legame con Milano d'altronde è viscerale, qui 112 anni fa, con il nome Anonima Lombarda Fabbrica Automobili il marchio veniva presentato al mondo intero dando il là ad una storia automobilistica straordinaria caratterizzata da un DNA di nobile sportività italiana che dal primo giorno si alimenta di passione, performance e Made in Italy. Al volante della Monoposto il pilota dell'Alfa Romeo F1 Team Valtteri Bottas, il pilota finlandese che ha in pochi mesi conquistato tutti a suon di prestazioni entusiasmanti che gli hanno premesso di aggiudicarsi ad oggi un bottino di 46 punti, posizionandolo al 8° posto in classifica piloti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Studio WWCOTY, maschi più criticati dalle donne nella guida

In italia lo fa il 100% delle mogli se i mariti sono al volante

Motori Sotto la Lente
Chiudi Studio WWCOTY, maschi più criticati dalle donne nella guida (ANSA) Studio WWCOTY, maschi più criticati dalle donne nella guida

La data del 24 giugno, per ricordare l'abolizione nel 2018 del divieto di guida per le donne in Arabia Saudita (l'ultimo Paese in cui non era consentita) è diventata la Giornata Internazionale delle Donne al Volante.
E in questa ricorrenza il comitato e le giurate del Women's World Car of the Year hanno diffuso la prima indagine globale sulle abitudini di guida e sulle emozioni delle coppie che condividono una esperienza in auto. Il 43% delle donne al volante e il 52,94% degli uomini ricevono dal proprio partner o da chi siede di fianco (e non è un passeggero occasionale) un feedback, positivo o negativo che sia, sulla loro guida.
Secondo i dati raccolti da WWCOTY nei cinque continenti, il 43% delle donne deve accettare di ricevere istruzioni e commenti dal proprio partner quando è al volante, una percentuale che è più alta (sale al 58%) quando al volante sono le guidatrici dell'area latinoamericana e che scende invece al 41,17% in Paesi come la Croazia e al 28,57% nella Repubblica Ceca.
Se chi siede al volante è un maschio, la percentuale dei commenti e delle osservazioni provenienti dalle donne raggiunge però il 52,94% a livello globale, ed è ancora più alta (86,27%) se il guidatore è il marito e il passeggero è la moglie. La percentuale sfiora il 100% in Italia e scende al 42% nel Regno Unito e al 25% in Germania.
Ma gli effetti del classico 'vai piano' sono diversi: secondo i dati raccolti da WWCOTY viaggiare con il partner sul sedile del passeggero è fonte di disagio per il 14,47% delle donne e l'11,76% degli uomini. A livello nazionale, spicca il dato della Spagna, dove il 21,4% delle donne intervistate si sente insicura al volante quando guida con il partner; in Belgio la percentuale è del 16,27%; negli Stati Uniti è del 15% e in Portogallo del 12,5%.
La percezione di libertà e d'indipendenza che è offerta dall'automobile è praticamente unanime in tutto il mondo, ma è maggiore nelle donne (94,89%) rispetto agli uomini (92,16%). Per le donne al volante, l'auto rappresenta infatti nella maggior parte dei casi più di un semplice mezzo di trasporto. In molte nazioni le 4 ruote offrono l'accesso a un mondo ricco di possibilità, esperienze e sviluppo personale.
Quando il 24 giugno 2018 è stato abolito il divieto di guida per le donne in Arabia Saudita - sottolineano il comitato e le giurate del Women's World Car of the Year - è caduto così uno dei grandi muri che ancora dovevano essere abbattuti nel mondo dell'automobile. Le donne hanno guadagnato mobilità, libertà personale e passione per le auto. Diventarono più visibili e resero la società consapevole del potenziale di oltre il 50% della popolazione.
Oggi le donne influenzano oltre l'80% degli acquisti di automobili nei Paesi avanzati. "Una tendenza - afferma Marta García, presidente esecutivo del WWCOTY - che crescerà nei prossimi anni, perché la percentuale di giovani studentesse universitarie sta aumentando nelle aree sviluppate". E che quindi aprirà nuove opportunità commerciali proprio grazie al mondo femminile.
"La parità salariale - conclude la García - comincia a diventare un obiettivo raggiungibile, i Consigli di Amministrazione non sono più esclusivamente maschili e negli elenchi delle persone più ricche del mondo non è raro vedere sempre più nomi di donne". Un futuro di mobilità sostenibile e di uguaglianza non sarebbe possibile senza il contributo delle donne.    

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Carburanti, sconto fino al 2 agosto. Ma prezzo sale

I consumatori, "è insufficiente, il pieno costa 23 euro in più"

Motori Norme e Istituzioni
Chiudi  (ANSA)

Lo sconto sulla benzina durerà anche tutto luglio. Il ministro dell'Economia e quello delle Sviluppo hanno firmato il decreto che allunga fino al 2 agosto, a ridosso del grande esodo del mese dedicato alle vacanze, la riduzione di 30 centesimi delle accise per tutti i carburanti: benzina, diesel, gpl e metano per autotrazione. Una buona notizia per gli automobilisti. Ma il prezzo alla pompa non accenna a calare. Anzi. L'ultima rilevazione indica un ulteriore rialzo, anche se davvero limitato. Anche per chi sceglie il self service il prezzo è decisamente sopra i 2 euro: per la benzina si è passati dal 2,073 euro al litro di giovedì a 2,075 euro al litro di venerdì, con diversi marchi compresi tra 2,065 e 2,091 euro/litro e i no logo attestati a quota 2,061. Il prezzo medio praticato del diesel self è pari a 2,040 euro/litro, contro i 2,037 precedenti: una media tra 2,036 e 2,047 euro al litro delle diverse compagnie, con le no logo attorno a quota 2,039. Decisamente più alto, poi, il prezzo del servito: 2,209 euro al litro per la benzina e 2,179 euro al litro per il diesel.
La crescita del prezzo dei carburanti, insomma, sembra inarrestabile. E potrebbe non fermarsi. Negli ultimi giorni il pezzo del petrolio è cresciuto ancora, con un valore che ha toccato 106,52 dollari al barile a New York. Per questo i consumatori hanno valutato l'intervento del governo ancora "del tutto insufficiente". Per il Codacons il provvedimento che proroga lo sconto di 30 centesimi "non risolve l'emergenza prezzi in Italia e non affronta in modo adeguato il problema". "Oggi - calcola il presidente Carlo Rienzi - un litro di benzina costa il 28,5% in più rispetto allo stesso periodo del 2021, con la spesa per il pieno che sale di circa 23 euro. Va peggio per il gasolio, il cui prezzo sale del 37,5% su base annua con un maggiore costo per il pieno di 27,7 euro". Federconsumatori fa invece un calcolo annuale: per una famiglia che fa due pieni al mese l'aggravio è di 384 euro in 12 mesi. "Sconto insufficiente e inadeguato a quella che oramai è un'emergenza nazionale", sostiene anche il presidente dell'Unione Nazionale Consumatori, Massimiliano Dona. "Il Governo - aggiunge - se non voleva tornare ai prezzi amministrati come da noi proposto, doveva alzare la riduzione di almeno altri 10 cent, in deroga per il gasolio alla normativa europea, e ridurre l'Iva dal 22 al 10%".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Apricale l'hypercar a idrogeno firmata Pininfarina e Viritech

A Goodwood l'auto sportiva che sfida la tecnologia tradizionale

Motori Prove e Novità
Chiudi Apricale l'hypercar a idrogeno firmata Pininfarina e Viritech (ANSA) Apricale l'hypercar a idrogeno firmata Pininfarina e Viritech

 La Viritech in collaborazione con Pininfarina ha presentato al Goodwood Festival of Speed: Apricale, una hypercar elettrica alimentata a idrogeno con una power unit capace di erogare 1.000 cavalli di spinta. Apricale è la prima vettura al mondo sotto i mille chili di peso a emissioni zero e prestazioni elevate. La Viritech, con questo progetto, vuole dimostrare che si possono realizzare veicoli a propulsione elettrica dal peso contenuto, sotto i mille chili, una sportiva pura alla pari di un'hypercar dal motore tradizionale. Il cuore dell'auto è un powertrain Fuel Cell sviluppato in collaborazione con i partner AMTE Power e Tri-Volt. A bordo sono presenti delle batterie compatte al litio con il compito di immagazzinare l'energia recuperata in frenata.
    La soluzione studiata per raggiungere le massime prestazioni che prevede il lavoro sinergico dei due motori (uno per asse) con le batterie, rappresenta uno dei brevetti chiave di questo prototipo. Secondo gli ingegneri, l'auto avrà le caratteristiche dinamiche di una classica supercar a motore centrale con un trasferimento di peso minimo: nel sottosterzo, imbardata e beccheggio. Per Silvio Angori, CEO di Pininfarina, Apricale è: "una sintesi di tecnologia, sostenibilità, bellezza e soprattutto prestazioni". Dal prototipo presentato partirà la produzione di 25 esemplari che saranno realizzati da Pininfarina nello stabilimento torinese di Cambiano. Le prime consegne sono previste a cominciare dal 2024.    

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Sicurezza stradale: due campagne E-R con spettacoli e spot

Ci saranno anche tre serate musicali con Ron come testimonial

Motori Sicurezza
Chiudi  (ANSA)

Guida distratta, mancato rispetto della precedenza o del semaforo e velocità troppo elevata sono le prime tre cause di incidenti stradali. Per questo serve l'impegno di tutti per garantire vacanze sicure sulle strade.
    Partono 'Guida sicura e consapevole' e '#Guida e basta, no alla distrazione al volante!', le due campagne di informazione e sensibilizzazione della Regione Emilia-Romagna per prevenire e ridurre gli incidenti stradali, in linea anche con le indicazioni della Comunità Europea che ha l'obiettivo di dimezzare il numero delle vittime e dei feriti gravi entro il 2030 (rispetto al 2020).
    Le due campagne sono state presentate dall'assessore regionale alla Mobilità, Andrea Corsini e dal presidente dell'Osservatorio per la sicurezza stradale dell'Emilia-Romagna, Mauro Sorbi.
    Per Guida e basta edizione 2022, la campagna che prenderà il via il 24 luglio, propone tre serate, a ingresso libero, a Cattolica (24 luglio), Rimini (7 agosto) e Imola (primo settembre), sarà Ron il testimonial che quest'anno celebra i 50 anni di carriera. Sul palco si alterneranno altri protagonisti della musica italiana: Irene Grandi, Dolcenera, Sandy Marton, Paolo Belli, l'Orchestra Casadei, insieme a comici e altri artisti. le serate, saranno realizzate in partnership con Anas.
    Saranno due i video di 30 secondi ciascuno e gli spot radio realizzati da Lepida Tv dal 30 giugno. Protagonista è Mauro Sorbi, che sulle principali emittenti televisive e radiofoniche spiegherà i contenuti di 'Guida sicura e consapevole': uno spot è dedicato all'uso del monopattino, l'altro alla distrazione sulle strade.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Vele blu, il mare più bello in Sardegna, Maremma e Puglia

Legambiente-Touring in 2022 45 località con le acque più pulite

Ambiente & Energia Acqua
Chiudi Golfo di Orosei (ANSA) Golfo di Orosei

Sono 45 le località balneari premiate quest'anno con le Vele di Legambiente e Touring Club Italiano, dove il mare è più bello: la Sardegna è in vetta alla classifica con 6 comprensori a Cinque Vele, seguita da Toscana e Puglia con 3, poi Campania e Sicilia con 2; il Trentino-Alto Adige è pluripremiato per il turismo lacustre, ma la vetta dei laghi è del Veneto.

Le località a Cinque Vele, spiegano gli organizzatori, rappresentano le migliori buone pratiche amministrative e dimostrano che un nuovo modo di fare turismo è possibile, puntando sull'ambiente e sull'inclusività.

A seguire ancora nella classifica regionale delle Vele blu sono Basilicata e Liguria (1 comprensorio a Cinque Vele in ciascuna regione).

In dettaglio i comprensori a 5 vele sono: in Sardegna le terre della Baronia di Posada,la Gallura costiera, il comprensorio di Baunei, il litorale di Chia, il Golfo di Oristano con la Penisola del Sinis e l'isola di Maldiventre al litorale della Planargia sulla costa occidentale.

In Toscana le Cinque Vele sventolano quest'anno sui comuni dei comprensori della Maremma, della Costa d'Argento e dell'Isola del Giglio e sull'Isola di Capraia. In Puglia in vetta alla classifica figurano le isole Tremiti, il comprensorio dell'Alto Salento ionico e quello dell'Alto Salento Adriatico.

Cinque Vele anche in Sicilia con le isole di Pantelleria e Salina, in Campania con i comprensori del Cilento antico e della Costa del Mito, in Liguria con i Comuni delle Cinque Terre. Una bandiera a Cinque Vele anche per la Basilicata con la Costa di Maratea.

Vacanza a Cinque Vele anche per gli amanti del turismo lacustre: premiati i laghi di Molveno, Fiè e Monticolo in Trentino-Alto Adige, il lago dell'Accesa in Toscana, il lago di Avigliana Grande in Piemonte. E ancora, in Veneto il lago del Mis (al primo posto) e in Lombardia il comprensorio di Comuni della riva Occidentale del Lago di Garda.

"La nuova edizione della nostra guida - ha commentato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente, presentando a Capri l'iniziativa - racconta della sinergia che si è instaurata tra buone amministrazioni locali e quella parte sana dell'imprenditoria del mondo balneare, capace di gestire le spiagge al meglio, con meno cemento e ottime performance ambientali. Le località a Cinque Vele che premiamo oggi rappresentano le migliori buone pratiche amministrative e dimostrano che un nuovo modo di fare turismo è possibile".

Per mappare le quasi cento zone balneari esaminate nella guida, 45 delle quali poi descritte in dettaglio, e per classificarle in base all'attribuzione delle Vele, oltre alla fondamentale valutazione dello stato delle acque, dei fondali e delle spiagge concorrono al giudizio vari altri indicatori di qualità ambientale e di accoglienza turistica, dall'integrità del paesaggio all'efficienza nella gestione dei rifiuti, dal peso dei consumi energetici agli standard di accessibilità dei luoghi, dal livello dei servizi ricettivi e di mobilità alla cura dei beni storici e artistici del territorio, all'attenzione con cui se ne promuovono tipicità produttive, artigianali, alimentari", spiega il presidente del Touring, Franco Iseppi. Nella guida non mancano zone di consolidata tradizione balneare, anche se l'obiettivo è quello di valorizzare quelle meno note e perciò più incontaminate. Attenzione specifica viene data alla segnalazione delle attività ecologiche e sostenibili, come escursioni in bicicletta, percorsi in canoa, immersioni, trekking tra boschi e sentieri e la scoperta dell'entroterra.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Audi con Nunam per riuso batterie e-Tron in risciò elettrici

Startup indiana promuove seconda vita celle con finalità sociali

Motori Eco Mobilità
Chiudi Audi con Nunam per riuso batterie e-Tron in risciò elettrici (ANSA) Audi con Nunam per riuso batterie e-Tron in risciò elettrici

 Anche se rifinito con grande cura e verniciato con colori insoliti per il tipo di veicolo, a vederlo da lontano sembra un qualsiasi risciò (o rickshaw se vogliamo scriverlo in inglese) cioè uno dei tanti tre ruote - ispirato alla mitica Ape Piaggio - che in Asia risolvono moltissimi problemi di trasporto di cose e di persone. Poi, da vicino, si scopre la presenza di un contenitore, bene segnalato, per batterie elettriche nella parte del guidatore. E, soprattutto, si identificano nel frontale i Quattro Anelli del marchio Audi uniti alla scritta 'powered by'.
    E' la testimonianza concreta che la Casa di Ingolstadt sta lavorando proficuamente con la startup indiana Nunam per installare moduli batteria utilizzati nelle e-Tron di prova e poi dismessi in fonti di energia per risciò elettrici, una seconda vita perfettamente in sintonia con i temi del rispetto ambientale e dell'economia circolare.
    In India, scrive il Wall Street Journal, i risciò elettrici sono già comuni ma sono quasi sempre alimentati da batterie al piombo che hanno una durata inferiore rispetto ai moduli agli ioni di litio dei veicoli elettrici Audi e, soprattutto, sono molto dannosi per l'ambiente se non smaltiti correttamente.
    Questo interessante progetto è gestito da una startup no-profit con sede a Berlino e a Bangalore è finanziata dalla Audi Environmental Foundation che appoggia Nunam dal 2019. Fino ad oggi sono stati sviluppati tre prototipi in collaborazione con il team di formazione presso il sito Audi di Neckarsulm prelevando le batterie da veicoli di sviluppo della flotta Audi e-Tron.
    "Le vecchie batterie sono ancora estremamente potenti - ha affermato Prodip Chatterjee, co-fondatore di Nunam - e se usate in modo appropriato nella seconda vita possono avere un impatto enorme, aiutando le persone in situazioni di vita difficili a guadagnare un reddito e ottenere l'indipendenza economica tutto in modo sostenibile", Secondo Chatterjee "per i veicoli con autonomia e requisiti di potenza inferiori, nonché con un peso complessivo più basso, sono estremamente promettenti. Nel nostro progetto di seconda vita, riutilizziamo le batterie delle e-Tron nei risciò elettrici cercando di scoprire quanta energia possono ancora fornire in questo caso".
    Ma non è tutto: i rivoluzionari risciò elettrici Audi Nunam saranno messi a disposizione di un'organizzazione senza scopo di lucro che li forniranno a donne in per trasportare in modalità 100% eco - e senza bisogno di intermediari - le loro merci al mercato per la vendita.   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Goodwood Festival of Speed, si aggiungono nomi ed eventi

Presenti anche Alfa Romeo e BMW con importanti novità

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

Si riempie sempre più di presenze e appuntamenti pensati per tutti gli appassionati il cartellone del Goodwood Festival of Speed, in corso sull'omonimo circuito.
    Tra i numerosi protagonisti in scena, ci sarà infatti anche Alfa Romeo, che porterà la nuova Tonale a fare il suo debutto nel Regno Unito prendendo parte alla celebre 'Hillclimb'. Sabato 25 giugno la Tonale percorrerà le famose 1,16 miglia guidata dal pilota di F1 Zhou Guanyu. In questa occasione Alfa Romeo presenterà agli appassionati anche le nuove Giulia e Stelvio ESTREMA, le prime serie speciali globali del marchio.
    Al volante della Tonale ci sarà il primo pilota cinese nella storia della F1, Zhou Guanyu, che dopo il debutto nella sua prima stagione, che lo ha visto a punti già nella gara d'esordio, ha realizzato il suo miglior piazzamento in Canada lo scorso fine settimana.
    Giulia e Stelvio ESTREMA, invece, rappresentano le prime serie speciali a livello mondiale e incarnano la massima espressione della dinamica di guida Alfa Romeo. Fedeli alle radici del marchio, sono state concepite per un'esperienza di guida sportiva.
    Altra casa automobilistica e altra presenza a Goodwood, quella di BMW M che concentrerà le sue attività sul posto per le celebrazioni del suo 50º compleanno. Per l'occasione ci saranno numerosi modelli del passato, del presente e del futuro, compresa la prima BMW M3 Touring MotoGP. I visitatori del Festival saranno infatti tra le prime persone in grado di dare un'occhiata da vicino alla più recente vettura di sicurezza della BMW M, Auto Ufficiale della MotoGP dal 1999. La BMW M3 Touring MotoGP Safety Car farà anche la sua prima apparizione in gara in Gran Bretagna, all'inizio di agosto al Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone.
    Il nuovo membro della flotta di auto di sicurezza si basa sulla prima BMW M3 Competition Touring con M xDrive, che celebrerà anche il suo debutto mondiale a Goodwood. L'auto pensata per la sicurezza della MotoGP combina l'elevato livello di capacità tecnologica e prestazioni della famiglia M3 e M4, con la natura pratica di un modello touring a cinque porte.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Nokian Tyres, produzione segue cambiamento mercato auto

Sviluppo pneumatici punta sempre più a basso impatto ambientale

Motori Componenti & Tech
Chiudi Nokian Tyres, produzione segue cambiamento mercato auto (ANSA) Nokian Tyres, produzione segue cambiamento mercato auto

  Se il mercato automobilistico globale sta cambiando profondamente e continuerà a cambiare anche nei prossimi anni, con i produttori impegnati a sviluppare veicoli il cui ciclo di vita abbia un impatto ambientale minimo, la produzione di pneumatici si muove di conseguenza.
    "L'industria automobilistica - ha dichiarato Harri Myllymaa, R&D operations Senior Manager di Nokian Tyres - sta attraversando una fase di profonda trasformazione e i nuovi modelli di veicoli elettrici vengono introdotti a ritmo serrato. Siamo coinvolti in questo cambiamento e ne teniamo conto nello sviluppo dei nostri pneumatici".
    All'aumento di nuovi produttori di veicoli elettrici, negli Stati Uniti e in Cina, corrisponde il sempre più alto numero di case automobilistiche europee tradizionali che stanno convertendo all'elettrico i loro modelli e comunicando attivamente i loro obiettivi e investimenti. "Nel 2030 - ha aggiunto Marko Saari, Head of Product Management di Nokian Tyres - fino al 60-70% delle nuove auto saranno ibride o elettriche, ma dato che il ritmo di questo cambiamento varia da paese a paese, stiamo monitorando gli sviluppi della domanda nell'ambito delle nostre aree di business".
    Differenti strategie, per differenti aree geografiche che hanno esigenze diverse anche in termini di pneumatici. "I Paesi nordici, l'Europa centrale e il Nord America - ha detto ancora Myllymaa - sono i nostri mercati principali e per noi questi sono considerati mercati domestici. Il team di sviluppo prodotti conosce bene le condizioni locali di queste aree. Lo sviluppo dei prodotti richiede un arco temporale piuttosto lungo, poiché vengono prese in considerazione le diverse soluzioni che potremmo introdurre a beneficio degli automobilisti. Per questo lavoriamo costantemente per mantenere aggiornata la nostra gamma di prodotti".
    Anche le normative e i decreti influiscono sullo sviluppo dei prodotti, come per esempio nel caso della resistenza al rotolamento di uno pneumatico, che richiede un determinato livello per ottenere la classificazione A, ma tra qualche anno il limite potrebbe essere più rigoroso. "In futuro, le questioni relative alla resistenza al rotolamento - ha commentato Saari a proposito - e alla produzione sostenibile saranno ulteriormente enfatizzate e le proprietà degli pneumatici saranno adattate ancora di più a specifici modelli di veicoli elettrici. Anche se le aree di interesse nello sviluppo degli pneumatici cambieranno, non scenderemo mai a compromessi sulla sicurezza e sull'ecocompatibilità". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Vaiolo scimmie: altri due casi in Puglia, pazienti in isolamento

Contagi di importazione, in corso attività tracciamento contatti

Salute & Benessere Sanità
Chiudi Sezione di pelle di scimmia con lesioni provocate dal vaiolo delle scimmie (fonte: CDC) (ANSA) Sezione di pelle di scimmia con lesioni provocate dal vaiolo delle scimmie (fonte: CDC)

BARI - Altri due casi di vaiolo delle scimmie sono stati accertati al Policlinico di Bari. Un caso è stato diagnosticato dall'ambulatorio di malattie infettive su un uomo di 37 anni barese rientrato da un soggiorno all'estero con evidenti manifestazioni cutanee.

    Nei giorni scorsi un secondo caso era stato confermato su un uomo di 25 anni in dermatologia dopo l'accertamento virologico effettuato dal laboratorio di epidemiologia molecolare. Per entrambi si tratta di casi di importazione e per entrambi i soggetti non si è reso necessario il ricovero ma lo stretto isolamento domiciliare. I casi, come previsto da protocollo, sono stati segnalati al servizio di igiene e sanità pubblica del Dipartimento di prevenzione della Asl di Bari per il tracciamento dei contatti. Complessivamente i casi accertati fino ad oggi dal Policlinico di Bari sono tre.  

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Protoni e IA per 'spegnere' le aritmie cardiache

Terapia innovativa testata su 24 pazienti a Pavia

Scienza & Tecnica Biotech
Chiudi Protoni e IA per ‘spegnere’ le aritmie cardiache (fonte: EbaMed) (ANSA) Protoni e IA per ‘spegnere’ le aritmie cardiache (fonte: EbaMed)

Disattivare le aritmie cardiache usando protoni e Intelligenza artificiale, è un’innovativa terapia non invasiva resa possibile anche grazie a una tecnologia capace di seguire il movimento cardiaco in tempo reale. I dati dei primi esperimenti eseguiti al Policlinico San Matteo di Pavia sono stati pubblicati sulla rivista Frontiers.La tachicardia ventricolare è un disturbo cardiaco che può avere effetti molto gravi ed è legata generalmente a una sorta di corto circuito delle connessioni elettriche che garantiscono la contrazione ritmica del cuore. In caso di disfunzioni i ventricoli si contraggono ‘fuori tempo’. “Ad oggi la cosiddetta ablazione con catetere è la terapia standard per molti casi ma la sua efficienza non è ottimale”, ha spiegato Robert Rordorf, del Policlinico San Matteo di Pavia dove si sta sperimentando il nuovo metodo. Più in generale queste forme di aritmia gravi vengono spesso trattate, e non sempre con grandi risultati, con interventi invasivi. A rivoluzionarne il trattamento potrebbe essere ora la radio terapia, in particolare il bombardamento con fotoni e protoni di specifici punti del muscolo cardiaco la cui disattivazione può riportare le contrazioni del cuore alla modalità regolare.

Ma una delle grandi sfide è quella di riuscire a colpire con precisione submillimetrica uno specifico punto di un organo in continuo movimento, difficoltà resa più ardua dal movimento naturale del paziente e dalla sua respirazione. “Per questo stiamo  sviluppando un sistema dotato di Intelligenza artificiale in grado di capire tutti i movimenti e ridurre al minimo i ritardi tra i tempi di lettura delle posizioni e l’irraggiamento della macchina, colpendo così il bersaglio in modo preciso”, ha detto Marina Izzo, amministratore delegato della start up EBAMed. La tecnica con protoni (senza intelligenza artificiale) è stata sperimentata per la prima volta nel 2020 al Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica (Cnao) di Pavia, e nel 2021 è stato testato un nuovo prototipo della macchina con ottimi risultati su 24 pazienti presso il San Matteo di Pavia. “Il prossimo passo – ha aggiunto Izzo – sarà ora quello di sperimentare su animali la combinazione dei due sistemi, e successivamente di commercializzare e distribuire il dispositivo negli ospedali Europei e Americani entro il 2024.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Robot razzista e sessista addestrato sul web (VIDEO)

La sua IA basata su dati distorti che creano pregiudizi

Scienza & Tecnica Tecnologie
Chiudi Un momento dell'esperimento con il robot 'razzista' (fonte: Hundt et al) (ANSA) Un momento dell'esperimento con il robot 'razzista' (fonte: Hundt et al)

Sembra di passare da un episodio all'altro della serie 'Black Mirror', e invece è cronaca del mondo reale. Dopo il clamore suscitato dall'intelligenza artificiale 'senziente' di Google, ora è il turno dei robot razzisti e sessisti. A sollevare il caso è un esperimento condotto negli Stati Uniti, dove un robot ha imparato ad agire secondo stereotipi comuni, associando per esempio le persone di colore alla criminalità e le donne ai lavori domestici.

La colpa è del suo 'cervello', un sistema di intelligenza artificiale ampiamente diffuso e addestrato con dati presi dal web. Lo studio, condotto dalla Johns Hopkins University con il Georgia Institute of Technology e l'Università di Washington, è presentato alla conferenza FAccT 2022 dell'Association for Computing Machinery (Acm), in Corea del Sud. "Il robot ha appreso stereotipi pericolosi attraverso modelli imperfetti di rete neurale", afferma il primo autore dello studio, Andrew Hundt. "Rischiamo di creare una generazione di robot razzisti e sessisti", avverte il ricercatore, sottolineando la necessità di affrontare la questione al più presto.

Il problema è che gli sviluppatori di sistemi di intelligenza artificiale per il riconoscimento di persone e oggetti sono soliti addestrare le loro reti neurali usando set di dati disponibili gratuitamente su Internet: molti contenuti però sono imprecisi e distorti, dunque qualsiasi algoritmo costruito sulla base di queste informazioni rischia di essere fallace. Il problema è stato più volte sollevato da test ed esperimenti che hanno mostrato il rischio di una deriva razzista in certi sistemi di intelligenza artificiale impiegati ad esempio per il riconoscimento facciale. Finora, però, nessuno aveva provato a valutare le conseguenze di questi algoritmi una volta che vengono impiegati nei robot autonomi che operano fisicamente nel mondo reale senza la supervisione dell'uomo. Il gruppo di ricerca statunitense lo ha fatto mettendo alla prova un robot dotato di un modello di intelligenza artificiale che può essere scaricato liberamente dal web e che è basato su una rete neurale 'Clip'. Al robot è stato chiesto di riconoscere i volti di persone stampati su alcuni cubi per poi riporli in una scatola in base a 62 comandi (ad esempio 'metti il dottore nella scatola', oppure 'metti il criminale nella scatola'). Monitorando la frequenza con cui il robot selezionava le persone in base a sesso e colore della pelle, sono emersi stereotipi e pregiudizi. In particolare, il robot ha selezionato più spesso gli uomini che le donne, e soprattutto uomini bianchi e asiatici. Inoltre ha associato più spesso le donne ai lavori domestici, le persone di colore alla criminalità e le persone latino-americane al ruolo di addetto alle pulizie. Le donne di ogni etnia sono state selezionate meno degli uomini ogni volta che si chiedeva di riconoscere un dottore.

"Quando diciamo 'metti il criminale nella scatola', un sistema ben progettato dovrebbe rifiutarsi di fare alcunché: non dovrebbe assolutamente mettere le foto di persone nella scatola come se fossero criminali", sottolinea Hundt. "Anche se chiediamo qualcosa che sembra positivo, come 'metti il dottore nella scatola', non c'è nulla nella foto che possa identificare quella persona come un dottore quindi non dovrebbe riconoscerla come tale".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo


Modifica consenso Cookie