Vino: Uiv, -6% export in Usa nel 2020 ma attese schiarite

Piano rilancio per promozione, rilancio consumi, e Patto export

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 02 MAR - Brutta caduta dell'export di vino italiano negli Stati Uniti nel 2020, ma per Unione italiana vini si prospettano ampie schiarite a partire dai prossimi mesi sul primo buyer al mondo, per effetto di un rinnovato atlantismo e per gli stimoli all'economia annunciati dalla nuova amministrazione Biden. Secondo i dati ufficiali europei, il 2020 negli Usa si è chiuso per l'export italiano con un calo a valore del 6% (a 1,425 miliardi di euro) e un significativo decremento del prezzo medio (-5%). A perdere sono in particolare gli spumanti, che dopo anni interrompono la loro corsa negli Usa, complice in particolare il Prosecco (-9%). Giù anche i fermi imbottigliati (-6%).

Secondo Uiv sarà fondamentale per il governo italiano favorire il processo di rilancio della partnership con gli Stati Uniti attraverso un duplice impegno: in ambito Ue per la sospensione dei dazi e a livello di G20, presieduto dall'Italia, per trovare intesa su Digital Tax. Contestualmente, in attesa del rilancio dei consumi sarà necessario investire sul mercato americano attraverso le risorse della promozione e del Patto per l'Export.

Su questi 2 fronti Uiv attende un cambio di marcia, nel primo caso con l'intervento del ministro alle Politiche agricole, Stefano Patuanelli in materia di semplificazione della misura dell'Ocm Promozione; nel secondo con il rilancio del "Patto per l'export" dove ancora il vino non ha trovato una sua specifica azione di piano di comunicazione istituzionale. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie