Dl rilancio: Confprofessioni,ok ecobonus per sprint edilizia

Dili, nel testo ingiusta sperequazione a danno professionisti

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Pollice in su per l'ecobonus per "rilanciare il settore dell'edilizia, ma deve essere assicurata la cessione del credito fiscale da parte delle imprese realizzatrici ed allargato l'incentivo agli interventi di efficientamento dei consumi degli edifici energivori, soprattutto quelli più colpiti dalla crisi", come ad esempio "alberghi, stabilimenti industriali, cliniche". Ma pure critiche perché, "a parità di condizioni, il decreto rilancio dispone che un piccolo imprenditore abbia diritto al sostegno al reddito e un libero professionista no". Parola del coordinatore dell'Assemblea dei presidenti regionali di Confprofessioni, Andrea Dili, che ha parlato così durante un'audizione in Commissione Bilancio alla Camera. E' "inaccettabile", ha aggiunto, l'esclusione dei professionisti dal contributo a fondo perduto previsto per gli imprenditori. "Garantire equità e coesione sociale passa anche dall'assicurare a tutti i soggetti economici, indipendentemente dalla forma giuridica, lo stesso trattamento se si trovano nelle medesime condizioni. Per questo ci aspettiamo che il Parlamento ponga rimedio a questa ingiusta sperequazione", ha chiuso l'esponente di Confprofessioni.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie